Bergamondo: il mondiale delle comunità di immigrati in bergamasca

232081_649238_DSC_9116_9_11711194_medium.jpgTra poco meno di un mese prenderanno il via gli Europei di Calcio, ma nella nostra provincia c’è un altro appuntamento calcistico di respiro internazionale che è ai nastri di partenza: si tratta di Bergamondo.

Domenica 20 maggio prende il via infatti la 6a edizione del Torneo Bergamondo – Trofeo L’Eco di Bergamo, un vero e proprio mondialito nel quale si scontrano le diverse comunità di immigrati che abitano bella provincia di Bergamo.

Bergamondo ha conquistato negli anni sempre maggior spazio e visibilità ed anche quest’anno è promosso da L’Eco di Bergamo con il supporto del CSI (Centro Sportivo Italiano) e di Credito Bergamasco.

Quest’anno sono ben 20 le nazionali che prenderanno il via nel torneo, in rappresentanza di 3 continenti: dalle africane (Senegal, Tunisia, Costa d’Avorio, ecc…) all’America Latina (Argentina, Brasile, Bolivia, ecc…) all’Europa (Moldovia, Ucraina, Romania, ecc…).

Una occasione per vedere del bel calcio ma soprattutto per fare gruppo, per fare integrazione, per ammirare colori e tifo di nazioni lontane geograficamente da noi ma oramai presenti nella nostra società, seppure con alcuni problemi a livello di integrazione sociale e culturale.

Chi si aggiudicherà quest’anno il torneo?
Siamo ai nastri di partenza, auguriamoci che tutto vada per il meglio e che spettacolo, divertimento e comunione la facciano da padrone.

Week-end di Judo di alto livello a Bergamo

yokosankaku.gifQuanti di voi conoscono il Sankaku?
Sapete cos’è?

Nel week-end di sabato 5 e domenica 6 novembre il torneo internazionale Sankaku di judo animerà il vecchio PalaNorda di Bergamo: infatti ben 18 nazioni provenienti da diversi continenti si sfideranno in un torneo internazionale di altissimo livello e di grande valenza.

Gli atleti iscritti sono più di 1100, di cui quasi 1000 italiani, il che da solo una idea di quale importanza abbia questo torneo e quanti atleti di livello internazionale abbia attratto la nostra città.

Uno sforzo organizzativo e logistico non indifferente per la nostra città e per gli organizzatori del Sankaku, soprattutto una vetrina importante per la nostra città per sport da tanti definiti “minori” come questo ma nella sostanza primari, di grandissimo valore atletico, tecnico ed agonistico.

Una bella prova anche per il nostro tante volte vituperato PalaNorda, perchè accogliere così tanti atleti con le persone al loro seguito è un banco di prova non indifferente.

Sicuramente una bella occasione per avvicinare tanta gente, soprattutto i bambini, alle arti marziali, a quella “disciplina” che oggi sembra diventata – purtroppo – una parola fuori moda.

Bergamondo: il mondiale della nazionali di immigrati

75616_395119_IMG_3823_7384618_medium.jpgPrende il via l’edizione 2011 di Bergamondo – Quinto Trofeo L’Eco di Bergamo, il campionato mondiale giocato da 20 nazionali provenienti da tutto il mondo e costituite da immigrati residenti nella bergamasca.

Quest’anno la nazionale esordiente nella manifestazione di Bergamondo è la Moldavia.
A Bergamo la comunità moldava è poco numerosa ma non così tanto da non riuscire ad organizzare una squadra di calcio che la rappresenti nel nostro mondiale di calcio bergamasco.

Tra le nazionali presenti, citiamo la Romania, l’Argentina, la Bolivia, il mitico Brasile, l’Egitto, il Ghana, il campione in carica Senegal e altre ancora.

La finalissima del torneo è fissata per domenica 19 giugno, data in cui vedremo se il Senegal riuscirà nell’impresa di riconfermarsi campione o se una nuova nazionale conquisterà l’ambito titolo sportivo.

Bergamondo però va oltre il fatto meramente sportivo; Bergamondo è un evento dal grande risvolto sociale perchè attraverso il mezzo del calcio porta nei nostri paesi i colori, i suoni, le voci di nazioni molto lontane geograficamente ma composte da persone come noi.

 

 

(foto presa da http://webstorage.mediaon.it/media/2009/06/75616_395119_IMG_3823_7384618_medium.jpg)

Il Judo mondiale a Bergamo

judo.jpgBergamo nel prossimo week-end diventerà il centro del mondo per quel che riguarda il Judo: si tiene infatti nei giorni si sabato 23 e domenica 24 ottobre 2010 il 21esimo Torneo internazionale Sankaku di judo.

La manifestazione sportiva si terrà al Palanorda di Bergamo che verrà letteralmente invaso da una marea di atleti: oltre 1000 judoka (si chiamano così?) provenienti da diverse nazioni, un numero che da lustro alla manifestazione “orobica” e che ha impressionato favorevolmente anche gli organizzatori dell’evento.

Un’occasione importante per la nostra bellissima città di mettersi in mostra a livello internazionale grazie ad un evento sportivo di così grande rilievo, a dimostrazione che Bergamo se vuole può aspirare a farsi conoscere a livello europeo e mondiale, le bellezze della nostra città lo meritano.

A Bergamo arriveranno atleti africani, sudamericani, europei, oltre naturalmente ad atleti italiani provenienti da ogni regione d’Italia: W lo sport, W Bergamo!

 

(foto presa da http://4.bp.blogspot.com/_-ymDVo99rr0/S7tO9j20n7I/AAAAAAAADSg/EOvldYa1K8s/s1600/judo.jpg)

Torneo Internazionale Città di Bergamo di mini-rugby

minirugby.jpgMai sentito parlare di mini-rugby?
Beh, se la risposta è sì probabilmente questo post non dirà niente di nuovo, mentre se la risposta è no allora domenica 11 aprile potrebbe essere l’occasione buona per colmare questo gap.

Si tiene infatti il sesto Torneo Internazionale Città di Bergamo di mini-rugby organizzato dalla Rugby Bergamo 1950 e riservato a bambini appartenenti alle categorie di 6, 8, 10 e 12 anni.

Alla cittadella dello sport di Bergamo sono attesi circa 500 mini-rugbisti provenienti da tutta la lombardia oltre ad un centinaio di atleti francesi appartenenti alla società transalpini del Besançon.
L’aspetto interessante dell’ospitare gli atleti francesi è che una metà di questi 100 atleti verrà ospitata nelle famiglie degli altri ragazzi rugbisti, per cercare di andare oltre alla competizione agonistica fine a sè stessa provando invece a creare un legame solido di amicizia e collaborazione tra questi atleti in erba.

Un’ottima occasione per tante persone di avvicinare uno sport affascinante, intrigante, solo all’apparenza duro e cattivo ma che invece porta con sè valori sportivi dimenticati in altri sport più celebri come lo spirito di squadra, la lealtà, la sportività, la cultura del saper perdere e del saper vincere cavallerescamente.

Il torneo prenderà il via alle 9 di mattina e si concluderà verso mezzogiorno con le premiazioni, che saranno seguite da una bella grigliata da vivere in compagnia, in una giornata dedicata allo sport ed allo stare insieme.

E, per una volta tanto, vale proprio la pena di dire: “Che vinca lo sport!”.

 

(foto presa da http://www.bergamonews.it/immagini_articoli/200904/AFB_6090.jpg)

A Bergamo la finale della Coppa del Mondo di calcio… degli immigrati!

bgmondo.jpgChi crede che l’integrazione razziale sia possible e che razzismo ed emarginazione possano essere sconfitti non possono mancare domenica 21 giugno alla finale della terza edizione del torneo di calcio denominata Bergamondo che si terrà allo stadio comunale di Stezzano, a pochissimi chilometri da Bergamo.

Ma cos’è il torneo Bergamondo?

Bergamondo è un torneo di calcio organizzato dal CSI di Bergamo tra squadre “nazionali” composte esclusivamente da immigrati residenti nel bergamasco e dintorni.

Le nazionali presenti in questa terza edizione hanno rappresentato un po’ tutti i continenti e di riflesso le comunità di immigrati più numerose presenti sul suolo bergamasco: Senegal e Costa D’Avorio (le 2 finaliste dell’edizione 2009), Benin, Burkina Faso, Ghana, Egitto, Guinea, Marocco, Nigeria, Sierra Leone e Tunisia rappresentavano l’Africa, il continente con il maggior numero di squadre, ma anche Argentina, Brasile, Colombia, Bolivia, Perù, Ecuador, Albania, Romania, ed altre ancora.

Il torneo è stato dominato sia quantitativamente (numero di squadre iscritte) che qualitativamente (4 semifinaliste su 4) dal continente africano: Senegal e Costa D’Avorio si contenderanno il trofeo nella finale di Domenica 21 giugno, trofeo che il Senegal ha vinto nella prima edizione del 2007 contro la Bolivia e poi perso in finale lo scorso anno, contro il Brasile.

Ma al di là dell’aspetto sportivo quello che fa la differenza in questo torneo sono le tante storie umane dei protagonisti: immigrati arrivati in Italia con il sogno di cambiare la loro vita e che purtroppo per parecchi di loro oggigiorno significa disoccupazione o lavori precari, a causa della grave crisi economica in corso.

Ci sono anche tante storie di taglio sportivo e calcistico: alcuni dei giocatori del torneo infatti hanno giocato in serie A o B nelle loro nazioni ed unitamente al sogno di un lavoro sicuro nutrono ancora un sogno calcistico, quello di approdare ad una squadra professionista o semi-professionista in Italia.

Ad arricchire il torneo, il tifo: bandiere di tanti colori diversi, suoni, canti, balli, tutte quelle caratteristiche che rendono unico un “Mondiale” in scala ridotta come quello di Bergamondo.

In attesa di scoprire se sarà il Senegal a vincere la coppa per la seconda volta in 3 anni o la Costa D’Avorio per la prima volta, invito tutti a partecipare alla finale di questo torneo che va oltre il mero aspetto sportivo perchè ricopre un ben più importante ruolo sotto l’aspetto sociale.

(immagine presa da http://webstorage.mediaon.it/media/2007/05/FINALE%20BERGA_medium.jpg)