Il giorno della Memoria: per non dimenticare

arbeit.jpgIl 27 gennaio si celebrà il Giorno della memoria, il giorno dedicato al ricordo dei milioni di vittime della pazzia nazista durante la seconda guerra mondiale.

L’Olocausto, così è stata definito questo abominio dell’umanità, una delle pagine più brutte scritte dall’uomo in tutta la storia, frutto di teorie di menti malate che hanno portato un popolo intero sull’orlo della distruzione.

Tante le iniziative che verranno proposte in città ed in provincia, su tutte voglio segnalare l’incontro organizzato lunedì 25 gennaio alle 15 presso la Sala consiliare del comune di Bergamo con Franco Perlasca, il presidente della Fondazione Giorgio Perlasca.
L’incontro si intitola “Il silenzio del giusto: la storia di Giorgio Perlasca” ed è meritevole di citazione sia per l’importanza di Giorgio Perlasca nella salvezza di tantissimi ebrei (più di 5000), tanto che fu chiamato lo Schindler italiano, sia per la partecipazione di una delegazione di studenti delle scuole superiori della città all’incontro.

Proprio ai più giovani va ricordata l’importanza di questo personaggio nel combattere la follia nazista: si dice che la storia si ripete ciclicamente, e proprio per questo motivo è fondamentale che certe scelte sbagliate non si ripetano più.

Non si deve dimenticare fino a che punto può spingersi la mente umana, quali mostri può concepire, quanta cattiveria ed odio possa partorire: “per non dimenticare” non deve essere solo uno slogan fine a sè stesso ma il monito ad ogni generazione, affinchè l’uomo non ricada in errori già commessi.

Per non dimenticare.

 

(foto presa da http://lalibertadylaley.files.wordpress.com/2008/04/arbeit-macht-frei.jpg)