Alla Corte dei Suardo: medioevo a Bianzano

bianzano.jpgUn tuffo nelle atmosfere medievali in un gioiello di paese incastonato sulle pendici del lago di Endine: è la premessa alla 14esima edizione della manifestazione “Alla Corte dei Suardo” che si tiene da giovedì 29 luglio fino a domenica 1 agosto in quel di Bianzano.

Come accade ogni anno, anche per il 2010 durante i 4 giorni della manifestazione il piccolo paese di Bianzano si tuffa nel suo passato medievale per incantare le migliaia di visitatori che sicuramente visiteranno la località, visitatori che negli anni passati hanno raggiunto e superato il numero di 20.000.

Nei 4 giorni della manifestazione culturale si potranno ammirare i vecchi mestieri del medioevo, camminare in un paese ricoperto di paglia ed illuminato dalle torce, animato da saltimbanchi, locandiere, mercanti, arcieri, sbandieratori, cavalieri, giullari, poeti, musici: fugure oramai scomparse che animavano la vita di quel misterioso ed affascinante periodo storico.
Si potrà altresì visiatre il castello di Bianzano, un gioiello architettonico che valorizza ancor di più il paese di Bianzano e la manifestazione.

La manifestazione è anche l’occasione per la rievocazione storica delle nozze del conte Giovanni Suardo con Bernarda Visconti, che si tiene domenica 1 agosto nel primo pomeriggio e rappresenta il momento clou della 4 giorni medievale.

Venerdì e sabato si terranno il palio delle contrade, la gara dei monelli, stand vari di momenti tipici della vita medievale, esibizioni di liutai.

“Alla Corte dei Suardo” è organizzata dall’Associazione di promozione culturale e turistica Pro Bianzano e patrocinata dal Comune di Bianzano, dalla Provincia di Bergamo e dalla Regione Lombardia.
Per ulteriori informazioni sul programma e su come raggiungere Bianzano, consigliamo di visitare il sito ufficiale della manifestazione

 

(foto presa da http://www.google.it/imgres?imgurl=http://webstorage.mediaon.it/media/2009/04/59939_366173_bianzano9a_6940868_medium.jpg&imgrefurl=http://www.ecodibergamo.it/stories/Tempo%2520Libero/151010/&usg=__nI4Qma_tKyglUlYQ4N8SkPQgHs8=&h=449&w=600&sz=65&hl=it&start=0&tbnid=wlSjEqEywAsBfM:&tbnh=127&tbnw=183&prev=/images%3Fq%3Dsuardo%2Bbianzano%26hl%3Dit%26biw%3D1280%26bih%3D548%26gbv%3D2%26tbs%3Disch:1&itbs=1&iact=rc&dur=280&ei=GepRTKSMB46O4gbJlYXXAw&page=1&ndsp=22&ved=1t:429,r:6,s:0)

Il primo Palio di Città Alta

grande-sfida-tiro-alla-fune.jpgIncredibile a dirsi ma… anche a Bergamo avremo presto un Palio, anzi prestissimo visto che il primo Palio di Città Alta avrà luogo proprio nel week-end, a partire da venerdì 28 maggio fino a domenica 30 maggio compresa.

Il Palio è nelle intenzione degli organizzatori l’occasione per una vera e propria festa del bellissimo borgo di Città Alta.
Una 3 giorni ricchissima di avvenimenti per tutti i gusti e per tutte le età, dai bambini agli adulti fino ai più “maturi”: ce n’è per tutti i gusti ed il fulcro di questa 3 giorni di avvenimenti sarà il Seminarino, il più antico oratorio del borgo, simbolo della coesione degli abitanti di tutte le età.

Dicevamo della ricchezza del programma: dai bravi e coloriti sbandieratori alla corsa coi sacchi, dall’immancabile palo della cuccagna (poteva mancare in un Palio che si rispetti?) ai balli popolari, dai giochi per i bambini all’epico tiro alla fune, fino ai fuochi d’artificio finali che si spera siano l’atto conclusivo di un evento ben riuscito e da riproporre nuovamente il prossimo anno.

Un programma dicevamo ricco ma anche ambizioso, una novità che su qualche sito ho visto commentata con qualche scetticismo (ma te pareva?!?!?!) ma che a mio avviso si preannuncia come molto interessante e che mette in evidenza la “voglia di fare” e di fare festa che molti dicono sia una pecca di noi bergamaschi, intenti invece a lavorare e poco inclini alla festa.

Comunque vada sarà un successo?
Lo sapremo nelle prossime ore, io faccio il tifo perchè sia un successone!!!