Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti a Bergamo

al-via-la-settimana-europea-per-la-riduzione-dei-rifiuti.jpgLa Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti è in programma dal 17 al 25 novembre a Bergamo città e l’appuntamento cade in un momento significativo per la nostra città.

Bergamo è sensibile alla tematica “green”, come piace a tanti definirla oggigiorno.
La nostra città è in prima linea nella riduzione dei rifiuti ed è una delle migliori città italiane a fare la raccolta differenziata dei rifiuti, soprattutto grazie a tanti comuni “ricicloni” della provincia che hanno performance da top 10 a livello nazionale.

Nella Settimana europea di riduzione dei rifiuti sono in programma tantissime iniziative volte a sensibilizzare e se possibile rafforzare l’inclinazione al riciclo ed alla differenziazione dei rifiuti nella nostra città.

Si va dalla distribuzione gratuita di sacchetti in tela da utilizzare in sostituzione del sacchetto in plastica alla distribuzione a prezzo agevolato – 12 euro – del composter presso la sede Aprica in via Moroni 337 (incluso nel prezzo un corso gratuito di compostaggio domestico), dalla distribuzione gratuita di un kit di prova di pannolini lavabili  Pagù  e accesso libero ai corsi dedicati al loro utilizzo fino allo sconto del 10% sul noleggio dei Tiralatte.

Interessante la collaborazione con il Triciclo Cooperativa Ruah: in questo caso a chi porterà oggetti come libri, vestiti ancora in stato decente, soprammobili ed altri oggetti vari, verrà consegnato un buono sconto del 20% spendibile nel settore vestiti o nel settore mobili presso la stessa Triciclo Cooperativa Ruah (scadenza del buono il 31 dicembre 2012).

Sempre in tema di libri, le biblioteche comunali Caversazzi e Tiraboschi avranno un loro mercatino chiamato La lunga vita dei libri.

Per quel che riguarda i bambini, sabato 17 e sabato 24 novembre presso il Paguro Blu si terranno le  Le giornate del baratto: i bambini potranno scambiare i propri giochi con altri presenti presso il Paguro o con quelli che altri bambini porteranno a loro volta, così da creare un circolo virtuoso di riuso di giochi ancora in stato decente, evitando l’usa-e-getta indiscriminato.
Un modo intelligente per sensibilizzare gli adulti di domani, i nostri bambini.

Una settimana piena, ricca di appuntamenti, iniziative, eventi, ma soprattutto un momento molto importante per sensibilizzare la gente alla filosofia del riuso, del riutilizzo, dell’evitare quella pratica dell’usa-e-getta che vede spesso finire nei bidoni della spazzatura oggetti che potrebbero condurre una vita ancora lunga.

Ulteriori informazioni le trovate sul sito del Comune di Bergamo nel volantino della Settimana dei Rifiuti.

(foto presa da http://www.terraemadre.com/wp-content/uploads/2010/11/al-via-la-settimana-europea-per-la-riduzione-dei-rifiuti.jpg)

La Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti a Bergamo

E’ cominciata sabato 19 novembre la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, settimana di sensibilizzazione sulla tematica dei rifiuti e del riciclo che si protrarrà fino a domenica 27 novembre.

La settimana ha una grandissima valenza in quanto promossa dall’Unione Europea con il supporto dei paesi membri dell’Unione Europea, i quali si occupano di attuare una forte campagna di sensibilizzazione sul tema.

Si vogliono sensibilizzare i cittadini europei alle problematiche delle grandi quantità di rifiuti che ogni anno vengono prodotti e ai problemi annessi del loro smaltimento.
Anche Bergamo e la bergamasca partecipano a questa settimana di sensibilizzazione, e tantissime sono le iniziative in programma sia in città che nei paesi della provincia bergamasca.

A Bergamo sono diverse le iniziative: dalla distribuzione gratuita dei sacchetti in tela che sostituiscono le borse di plastica alla distribuzione degli importanti composter; dai laboratori dedicati ai bambini ai recuperi di oggetti usati operata dal Triciclo Cooperativa Ruah.

Una settimana sicuramente importante perchè quello dei rifiuti è un tema quantomai rilevante e fondamentale.
Operare una raccolta differenziata mirata e adoperarsi al recupero degli oggetti che normalmente verrebbero gettati in discarica sono 2 operazioni che diventano sempre più vitali perchè altrimenti il rischio è quello di finire sommersi dai propri rifiuti, gli esempi li abbiamo sottomano a qualche centinaio di km da casa.

I rifiuti di Bergamo: cerchiamo di ridurli

rifiuti.jpgDa sabato 20 a domenica 28 novembre si tiene l’edizione 2010 della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (European Waste Week Reduction).

Una settimana alquanto importante e delicata se si pensa soltanto a quello che sta accadendo a qualche centinaio di chilometri da casa nostra, a Napoli. Ma non solo lì, purtroppo, sono diverse le località italiane che soffrono situazioni critiche causate dai rifiuti che producono e dalla difficoltà nello smaltirli.

La settimana per la riduzione dei rifiuti è promossa dall’Unione Europea e viene “passata” agli stati membri dell’Unione affinchè gli stessi sensibilizzino le popolazioni su questo delicato tema.
L’obiettivo è quello di promuovere la cultura della riduzione della produzione dei rifiuti: la cultura imperante dell’usa e getta ha letteralmente sepolto le nostre città, le nostre strade, la nostra gente. Noi stessi.

L’Amministrazione comunale della nostra città aderisce alla campagna con diverse iniziative di sensibilizzazione rivolte alla popolazione, a tutte le fasce che la compongono: bambini, giovani, adulti, anziani.
Perchè i rifiuti li produciamo tutti, ad ogni età, in ogni condizione economica, politica, sociale.

Tra la varie iniziative mi piace segnalare quella che si terrà nell’arco dell’intera settimana: la distribuzione gratuita di sacchetti in tela per la spesa da utilizzare in sostituzione dei sacchetti in plastica, altamente inquinanti.
La distribuzione avverrà presso la piazzola ecologica in Via Goltara 23, lungo tutta la settimana negli orari di apertura della piazzola.

Ulteriori informazioni sulla Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti sono disponibili sul sito del Comune di Bergamo.

 

(foto presa da http://www.telenord.it/images/stories/immagini_cronaca/rifiuti.jpg)

Raccolta differenziata: Bergamo è sempre in prima linea

rifiuti_or.jpgRaccolta differenziata: 2 semplici parole che ai bergamaschi sono molto conosciuti, un’esperienza quella della raccolta differenziata dei propri rifiuti che in tutta la bergamasca è molto diffusa e che produce ogni anno tonnellate su tonnellate di rifiuti raccolti e propriamente smaltiti, se non riutilizzati.

Ricordo quando agli inizi degli anni ’90 del secolo scorso (che effetto che fa scrivere “secolo scorso”!!!) facevo parte di una commissione comunale che si occupava della raccolta differenziata, allora agli albori: si discuteva dei colori dei sacchi per le diverse raccolte settimanali, di come incentivare i cittadini, di come punire chi ancora mischiava i rifiuti o li gettava per strada.

Tanta strada è stata fatta e negli anni alcuni comuni bergamaschi hanno addirittura ottenuto il titolo di comuni più riciclioni d’Italia.

Oggi Bergamo si posiziona al terzo posto in Lombardia come città, con qualcosa come 4102 imprese che si occupano di raccolta, smaltimento e gestione dei rifiuti.
Davanti ci sono soltanto Milano e Brescia e il trend a mio avviso sarà ancora in crescita.
Oggi produciamo infatti tantissimi rifiuti e la logica non può continuare ad essere quella del semplice smaltimento: bisogna puntare soprattutto sul riciclo, sul riutilizzo, perchè così facendo prima di tutto salvaguardiamo l’ambiente evitando che le sostenze inquinino e poi secondariamente diamo una vita più lunga ai prodotti, valorizzandoli al massimo.

Il primo contributo a questo processo parte naturalmente dalle nostre case: continuiamo a suddividere correttamente i nostri scarti, a conferirli presso i centri comunali autorizzati alla raccolta, ad utilizzare prodotti dal riciclo di altri materiali, ne beneficeremo tutti, soprattutto ci ringrazieranno i nostri figli ed i nostri nipoti.

 

(foto presa da http://amisnet.org/files/2008/07/rifiuti_or.jpg)