Bergamaschi in massa all’adunata nazionale degli Alpini

alpini.jpgPer una volta tanto parliamo di un appuntamento che NON si terrà nella nostra città e nella nostra provincia, ma che merita comunque di essere segnalato a causa dell’altissima presenza di bergamaschi: mi riferisco all’84esima adunata nazionale degli Alpini che si terrà in quel di Torino dal 6 all’8 maggio 2011.

Dopo lo strepitoso successo dell’adunata nazionale tenutasi lo scorso anno a Bergamo, e nessuno ne dubitava, quest’anno l’adunata nazionale si terrà a Torino, e non poteva essere altrimenti nell’anno del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia.

Gli alpini bergamaschi saranno – guarda caso – il gruppo più numeroso che parteciperà all’adunata: si calcola che saranno ben 6000 i partecipanti che si muoveranno dalla nostra terra bergamasca, ennesimo omaggio al legame indissolubile ed imprescindibile che lega Bergamo ed i bergamaschi agli alpini.

E già avanza un pò di nostalgia nel ricordare la splendida 3 giorni vissuta lo scorso anno nella nostra città, nell’andare con la memoria alle strade tappezzate di bandiere tricolori, alla fantastica sfilata che nemmeno la pioggia riuscì a limitare ed a rovinare.

Come allora diciamo W gli Alpini, e W l’Italia!

 

 

(foto presa da http://www.sanremobuonenotizie.it/images/stories/manifestazioni/alpini.jpg)

Tutto esaurito per il raduno degli alpini a Bergamo

aplpini.jpg“Non c’è più spazio nemmeno per una canadese”: no, non significa che dalle nostre parti le ragazze del Canada non trovino spazio, bensì il riferimento è alla tenda canadese e lo spazio che manca è quello per il raduno nazionale degli alpini a Bergamo nel prossimo mese di maggio 2010.

Gli organizzatori hanno infatti reso noto che sono andati sold out tutti gli hotel, alberghi e bed & breakfast della città: anche gli spazi per le tende sono esauriti, ecco quindi che non c’è praticamente più spazio nemmeno per una tenda canadese.

Che il raduno degli Alpini nella nostra terra avrebbe presentato numeri da record era plausibile e tutti in verità se lo aspettavano, ed infatti l’organizzazione mostra anche con un pizzico malcelato di orgoglio che tutto sta procedendo a gonfie vele e gli alpini stanno per accorrere in gran numero nella nostra città.

Si calcola che ad ora siano almeno 30.000 le persone in arrivo, contando le prenotazioni nelle strutture ricettive della città.
A queste vanno aggiunte altre 200-300 mila penne nere in arrivo nelle giornate del raduno, che si terrà dal 6 al 9 di maggio 2010.

Una vera e propria onda che scalderà il cuore di Bergamo e dei suoi abitanti, sempre cari a queste persone che tanto hanno dato per la nostra patria e che ancora oggi continuano ad impegnarsi con amore e dedizione al bene della nostra comunità, con opere di bene, di solidarietà, di carità, di volontariato.

Bergamo aspetta gli Alpini a braccia aperte e gli Alpini arriveranno a Bergamo con il loro grande cuore: un connubio perfetto, sarà sicuramente un successono!

 

(foto presa da http://www.webalice.it/cwocll/dreamAPAPAR/cral/alpini.jpg)

Bergamo si prepara all’83esima adunata nazionale degli Alpini

alpinia.jpgIl 2010 vedrà Bergamo ospitare un’evento importantissimo: dal 7 al 9 maggio 2010 infatti si terrà in città l’83esima adunata nazionale degli alpini.
Un’appuntamento importantissimo sia perchè in città arriveranno tra i 400 ed i 500 mila alpini da tutta Italia, sia perchè in bergamasca sono migliaia gli alpini che aspettano da un ventennio questo evento.

Il rapporto tra gli alpini e la popolazione bergamasca è molto sentito, storicamente Bergamo la si può definire senza tanti problemi una vera e propria città “alpina“.
Gruppi di alpini sorgono in quasi tutti i comuni della bergamasca e da anni si accompagnano ad iniziative benefiche e di solidarietà di ogni tipo.

Grazie a loro l’alpino non viene più visto come il soldato che se ne sta in cima alla montagna a fare da guardia a posti abbandonati da Dio, ma come gruppi di persone impegnate nel sociale e desiderose di offrire una mano in tantissime iniziative a sfondo benefico.

I 3 giorni del raduno saranno un concentrato di eventi molto significativi: il sabato sera al teatro Donizetti si terrà una serata di gala, preceduta nel pomeriggio da una santa messa presso il Lazzaretto e dal concerto delle fanfare alpine e dei paracadutisti presso lo stadio comunale.
Ma il momento più importante sarà senza dubbio la sfilata dei tantissimi gruppi alpini che arriveranno da tutta Italia, e che si terrà la domenica dalle 9 alle 16.

La logistica di questo evento è un’altra aspetto non meno rilevante: pensare di ospitare 4-500 mila persone per 3 giorni è un’impresa non da poco per una città che conta meno della metà di quelle persone.

Le basi per l’accoglienza degli “ospiti” saranno 4, dislocate in diverse aree della città, ed a disposizione della manifestazione verranno messe anche 21 palestre cittadine.

Oltre a queste 4 aree vi saranno zone in cui pernottare sparse anche in diversi paesi della provincia.

Insomma, un’evento che ci si aspetta davvero diventi memorabile per la sua grande portata e per la visibilità che darà alla nostra città, che sono certo saprà rispondere al meglio e mostrare tutto il suo affetto per le penne nere.

Chiudo lasciando il sito ufficiale della manifestazione, per la verità non il massimo in quanto graficamente molto povero e realizzato usando un template che poco si addice a questo evento: http:2010.anabg.it

 

(foto presa da http://media.athesiseditrice.it/media/2009/05/57255_71788_medium.jpg)