La Foppapedretti emigra a Montichiari?

palazzetto_medium.jpgLa squadra femminile di pallavolo della Foppapedretti lascia Bergamo per andare a giocare a Montichiari?
La notizia ha fatto scalpore nel caldo week-end scorso, quando è trapelata sui mezzi di informazioni cittadini e nazionali portando un pò di sconquasso e di meraviglia tra i tanti appassionati di pallavolo bergamaschi.

Meraviglia fino ad un certo punto, perchè chi è stato al Palazzetto di Bergamo per assistere ad una gara delle nostre campionesse si sarà reso conto da solo di quale è la situazione della struttura cittadina dove giocano le atlete della Foppa.

Già in passato si era parlato più volte della possibilità di costruire un nuovo palazzetto ma, come si può ben vedere, nulla è stato portato a termine. Le parole sono rimaste parole, le buone intenzioni sono rimaste tali, e le ragazze della Foppa sono costrette a giocare le loro gare nazionale ed internazionali in una struttura che ha fatto la sua parte oramai da tanto, troppo tempo.

Ecco allora la provocazione più che lecita e più che logica di spostarsi in un altro palazzetto: Bergamo non vuole fornirsi di una struttura più moderna, sicura e funzionale alle esigenze della Foppapedretti (ma non solo)?
Allora ecco che la Foppapedretti cerca lei nei paraggi un palazzetto che sia più consono alle sue aspettative. Ed a quelle dei suoi tanti fedeli tifosi.

Montichiari in effetti è dotata di un bellissimo palazzetto e la Foppa si troverebbe a giocare su di un campo prestigioso e abituato a squadre di ottimo livello, ed inoltre la distanza da Bergamo non è nemmeno eccessivo.

Naturalmente da tifoso della Foppa e da bergamasco mi aspetto che questa resti una provocazione mirata a scuotere le acque e le intenzioni di chi può evitare che questo esodo si compia sul serio.

Bergamo si merita la Foppa, e la Foppa deve rimanere assolutamente a Bergamo: è un legame indissolubile ed inscindibile che non può e non deve essere messo in dubbio dalla questione palazzetto dello sport.
Che finalmente chi di dovere trasformi in realtà tutti i progetti finora rimasti irrealizzati, perchè se lo merita la Foppa ma soprattutto se lo meritano i bergamaschi.

 

 

(foto presa da http://webstorage.mediaon.it/media/2006/10/palazzetto_medium.jpg)

Il terzo tempo rugbystico dell’Albinoleffe

albinoleff.jpgIl calcio copia il rugby?
Beh, in meglio sì, o per lo meno ci proverà grazie all’Albinoleffe che, a partire dalla partita di sabato 02 ottobre e per tutte le partite casalinghe di questa stagione farà un “terzo tempo” stile rugby nel dopo partita.

I calciatori seriani e quelli delle squadre avversarie si ritroveranno infatti in un salone dello stadio per condividere alcuni momenti insieme, rivedendo le azioni salienti della partita appena conclusa e magari bevendo un bicchiere insieme, in spirito cameratesco.

Certo non sarà sempre facile, non saranno sempre rose e fiori perchè se la partita sarà stata animata in campo allora anche il dopo partita rischierà di essere tale, ma per lo meno è un primo passo verso la “normalizzazione” delle tensioni che si creano attorno alle partite di calcio.

Un plauso alla squadra dell’Albinoleffe e un augurio: quello che altre squadre, a partire dai cugini dell’Atalanta, seguano il buon esempio dei celesti e organizzino anche loro un momento simile nel dopo gara.

 

(foto presa da http://guidatv.sky.it/app/guidatv/images/epgimages/2009/11/30/89116b_Albinoleffe-visore.jpg)

Albinoleffe, stagione discreta tra alti e bassi

albinoleffe.jpgUn campionato altalenante quello attuale dell’Albinoleffe: si potrebbe sintetizzare in questo modo la stagione corrente dei biancazzurri seriani attualmente guidati da mister Mondonico.

La stagione era cominciata con alla guida della squadra Mindo Madonna, chiamato a confermare la buona stagione precedente magari con un pensierino ai playoff per essere promossi in serie A.
Purtroppo la prima parte di stagione è stata fatale al mister, nonostante una buona partenza che aveva forse illuso molti sostenitori ed anche qualche critico locale.

Madonna è stato sollevato dalla guida della squadra ed al suo posto è arrivato Mondonico, tuttavia il campionato dei seriani non ha subito una virata così clamorosa come tanti si aspettavano.

La squadra sta disputanto una stagione discreta, coronata da una recente striscia record di 5 vittorie consecutive che avevano proiettato i biancazzurri in zona playoff, ambizione purtroppo subito allontanata da una miniserie negativa di 3 sconfitte consecutive.

La parte finale di stagione a cui è chiamato l’11 bergamasco punta tutto su una salvezza senza grossi patemi.
Le potenzialità affinchè ciò avvenga ci sono tutte, a patto che i giocatori restino concentrati a dovere e non si lascino distrarre dalle inevitabili voci di mercato che in questa stagione cominciano ad occupare le prime pagine dei giornali.

Il fatto che vi siano alcuni giocatori in scadenza di contratto (Cellini, Ruopolo) non può giovare alla squadra e forse qui bisogna fare un’appunto alla società, la quale ha in passato rifiutato la cessione dei 2 gioiellini dell’attacco salvo poi ritrovarseli a scadenza di contratto, col rischio concretissimo di vederli partire senza incassare un solo centesimo.
Un danno ingente per le casse dell’Albinoleffe che certi errori non può concederseli.

Vedremo che succederà nei prossimi mesi da questo punto di vista, intanto tifiamo affinchè i biancazzurri possano restare in serie B anche il prossimo anno e… magari concederci la possibilità di vedere un derby, anche se tutti noi ci auguriamo che questo non avvenga perchè la Dea si sarà salvata a sua volta, rimanendo quindi in serie A.

 

(foto presa da http://nuovosoldo.files.wordpress.com/2010/01/1700802_albinoleffe080308a.jpg)