A Bergamo Babbo Natale va di corsa per aiutare Haiti

corsa.jpgDomenica 19 dicembre alle ore 16:00 si terrà una iniziativa tanto curiosa quanto importante per la sua valenza benefica: a Bergamo ci sarà infatti la prima Corsa di Babbo Natale!

La camminata si terrà partendo da Piazza Matteotti a Bergamo, e per partecipare basterà indossare il classico costume di Babbo Natale rosso, con tanto di barba bianca.

La camminata si terrà su una lunghezza del percorso di 3 chilometri, e potranno partecipare persone di tutte le età.
Per i bambini da 0 a 5 anni la quota di iscrizione è gratuita, mentre dai 6 anni in poi sarà a pagamento.
Verrà consegnato un pettorale e si sarà coperti da assicurazione medica, e ai partecipanti verrà anche dato un cappellino natalizio.

L’aspetto bello di questa simpatica iniziativa è che tutto il ricavato verrà devoluto all’UNICEF per sostenere un progetto di ricostruzione delle scuole di Haiti colpite dal terribile terremoto di qualche tempo addietro.

Al termine della camminata ci sarà l’estrazione di alcuni giocattoli, verranno estratti alcuni numeri legati al numero di pettorale degli iscritti.

Partecipate numerosi, è tutto a fin di bene e scommetto che ci sarà da divertirsi parecchio!

 

(foto presa da http://www.valledeilaghi.it/cms/mambots/content/multithumb/images/b.600.600.0.0.stories.attualita.200912.091220_corsa_babbo_natale_caldonazzo_2009_40.jpg)

Terremoto di Haiti, aiuti anche da Bergamo

haiti1.jpgIl terribile terremoto che ha sconvolto l’isola caraibica di Haiti causando migliaia di morti (alcune stime parlano di 500.000 morti, ovvero quasi 4 volte gli abitanti della nostra città) ha lasciato sgomenti ed attoniti noi tutti.

In mezzo a tanta desolazione però ci sono anche delle notizie confortanti e queste riguardano la macchina dei soccorsi e degli aiuti che subito si è messa in moto, a poche ore di distanza dal terrificante evento.

Bergamo partecipa in questa gara contro il tempo per curare i feriti e recuperare quanti ancora sono sepolti sotto le macerie di case e palazzi: in particolare è pronto a partire l’ospedale da campo dell’Ana di Bergamo, che già fu utilizzato con successo dopo il terremoto in Abruzzo dell’aprile 2009.

L’Italia ancora una volta si dimostra un paese sempre pronto ad intervenire in casi di disperato bisogno come questi, successivi a tragedie di proporzioni immani.

La Regione Lombardia dal canto suo ha stanziato 200.000 euro destinati alle associazioni ONLUS che operano sull’isola: 100.000 euro per le operazioni necessarie al ripristino dell’ospedale e dell’orfanotrofio dell’isola, gestiti da Fondazione Francesca Rava onlus, e 100.000 euro per l’acquisto di beni di prima necessità, in questo caso gestiti dall’Avsi, Associazione volontari servizio internazionale.

 

(foto presa da http://www.apcom.net/bin/content_3/TopNews/imgs/C_3_TopNews_80600_foto.jpg)