Nuova FoppaPedretti, capolista e calendario benefico

playoff-volley-femminile.jpegLa conclusione della passata stagione aveva segnato indelebilmente la storia della nostra amatissima squadra di pallavolo femminile, la mitica FoppaPedretti.

Per questioni di bilancio la dirigenza aveva deciso di lasciar partire alcune componenti storiche dello squadrone che per un decennio ha macinato vittorie e conquistato trofei in lungo e in largo sia in Italia che in Europa, per ripartire con una squadra nuova composta da giocatrici giovani e non ancora affermate.

Se ne era andata anche una bandiera come la grande Francesca Piccinini, la quale aveva salutato la squadra e la città con un toccante messaggio d’addio, segno del suo grande amore ed attaccamente alla maglia ma anche alla città ed ai bergamaschi.

Squadra nuova, si pensava, richiederà del tempo, magari anche anni, per poter tornare competitiva come negli anni scorsi.

Le prime partite sembravano in effetti aver delineato questa strada ma i risultati dell’ultimo mese hanno invece cambiato radicalmente le prospettive della squadra bergamasca.
La vittoria di sabato scorso contro la Kgs Pesaro, nella sesta giornata di Campionato di venerdì sera, è solo l’ultimo dei successi a ripetizione che la Foppa è riuscita a conquistare – meritatamente – in questa nuova stagione.

In avanti c’è adesso il martello Diouf alternata quando serve con la Brown, ma menzione meritano anche la bravissima Di Iulio e la regista Weiss.
Un gruppo di ragazze che hanno cominciato come meglio non si poteva sperare questa nuova stagione che al momento le vede prima in classifica con ben 13 punti.

Un ulteriore plauso le ragazze lo meritano per via del loro calendario benefico, giunto quest’anno alla sua ottava edizione, ispirato questa volta ai cartoni animati.

Il calendario delle ragazze animate della Foppapedretti verrà distrubuito al palazzetto a partire dalla partita contro Modena di domenica 2 dicembre, con offerta libera.
Il ricavato verrà devoluto all’Associazione Aiuto al Neonato degli Ospedali Riuniti di Bergamo, che dal 1996 sostiene con aiuti morali, materiali e psicologici le famiglie dei neonati ricoverati.

Sono 200 mila gli euro raccolti nelle scorse 7 edizioni, auguriamoci che anche questa ottava edizione si “faccia valere” e dimostri il grande cuore di noi bergamaschi.

Grazie a Francesca Piccinini

piccinini.jpgPer la FoppaPedretti comincia una nuova era.
La nostra nazionale di pallavolo, perchè se consideriamo i titoli vinti nei passati 15 anni e l’apporto dato alla nazionale italiana non la si può chiamare altrimenti, ha dovuto sterzare in modo deciso causa situazioni economiche non proprio favorevoli.

E allora via le giocatrici più forti, compresi i cosiddetti pilastri portanti della corazzata bergamasca come la mitica Piccinini.

La quale, non poteva essere diversamente, ha salutato il popolo della Foppa con una lettera commovente, che qui riporto integralmente.

A voi ogni commento, a me vien solo da dire che Bergamo non saluta solo una delle giocatrici più forte mai avute, ma anche una persona di uno spessore forse unico.

Ecco il test:
 
“E vissero felici e contenti…”
Voglio cominciare da qui, come già avrete potuto capire, questa è la mia lettera di addio alla Volley Bergamo. Quando ho preso in mano la tastiera ho pensato: devo scrivere una lettera bellissima. Ma poi ho pensato che non esistono parole per descrivere la mia più grande storia d’amore professionale. La Foppa è stata metà della mia vita e Bergamo ne è stata la casa.
       
Lascio per il bene della società, sono momenti difficili per tutti noi, a vrei potuto far valere il mio contratto, ma troppo forte è l’amore per questi colori  e per le persone che compongono questa società. Per permettere alla Foppa di vivere era necessario il mio sacrificio, sono il capitano, forte della mia responsabilità mi sono fatta carico del mio ruolo e come ho sempre fatto ho deciso con il cuore. Voglio ringraziare prima di tutti il presidente ed i dirigenti, il direttore generale, la famiglia Foppa Pedretti ed il grande nonno Ezio, tutti i ragazzi dello staff, le segretarie, insomma tutti.

“C’era una volta…”
Sono arrivata a Bergamo ragazzina, la lascio donna e campionessa. Con voi ho gioito e pianto, mi sono arrabbiata ed ho scherzato. Insomma, ci siamo vissuti ed insieme siamo cresciuti. Abbiamo conquistato l’Italia e l’Europa, più volte. Le abbiamo menate a tutti, nessuno escluso.

Le mie ultime righe sono dedicate alla Nobiltà Rossoblu ed a tutti i tifosi. Non esiste nessuno come voi. Tutti cantano quando si vince… Voi cantate sempre…

Grazie. Grazie. Grazie.

Francesca Piccinini

FoppaPedretti e palazzetto: ancora problemi

Norda%20Foppapedretti%20Bergamo%2026%20marzo.JPGSu questo blog ho già scritto in più riprese dei successi strepitosi della nostra FoppaPedretti, la meravigliosa squadra di pallavolo femminile che da 2 decenni a questa parte miete successi a ripetizione sui campi nazionali ed internazionali.

Ultimo successo in ordine cronologico quello contro Villa Cortese che è valso alle rossoblu la Supercoppa italiana, una vittoria emozionante, sofferta, bellissima.

Purtroppo però tutti questi successi non sono stati finora sufficienti alla FoppaPedretti ed a noi bergamaschi per ottenere – finalmente – la realizzazione di un palazzetto dello sport che si possa definire tale: moderno, confortevole, comodo da raggiungere e bello da vivere.

Ultima disputa in ordine temporale è quella relativa a 200 posti che potevano valere l’addio della squadra rossoblù verso i lidi bresciani del PalaGeorge di Montichiari, dove giocare i playoff.
Ma ve la immaginate l’Atalanta che emigra a Brescia per giocare le proprie partite di campionato???

Purtroppo la situazione generale relativa alla costruzione del nuovo palazzetto è cronica poichè dura da diversi anni e sembra essere diventata una questione di principio sulla quale le parti in causa – Comune di Bergamo e la società rossoblù – non riescono a trovare un accordo.

A rimetterci alla fine sono soprattutto i tantissimi amanti di questo bellissimo sport e tifosi di questa strepitosa squadra di ragazze che offrono ad ogni partita prestazioni sportive ed agonistiche di livelli eccelsi.

Come è possibile che non si riesca a reperire le risorse, ad individuare un area ed a realizzare un progetto tanto richiesto e tanto attesa che andrebbe a motivare ancor più l’intero movimento pallavolistico bergamasco?
Ma ve lo immaginate che bello sarebbe vedere tante famiglie recarsi ad assistere alle partite della Foppa in una struttura moderna e funzionale che permetta non solo di partecipare alle gare delle atlete rossoblù ma magari anche di trascorrere l’intera giornata visitanto il museo della Foppa dove sono visibili i tanti troferi conquistati, acquistare dei gadgets e pranzare in un ristorante marchiato “Foppa”, magari a poca distanza dalle ragazze della Foppa?

Un sogno ad occhi aperti, lo so, e purtroppo mi devo risvegliare perchè fino a pochi giorni fa eravamo ancora ancorati su 200 posti a sedere da costruirsi in tempi ristretti nell’attuale palazzetto pena la perdita dei playoff.

Una situazione pazzesca e poco stimolante per un pubblico, quello bergamasco, e per una squadra ed una società, la Foppapedretti, che meriterebbero ben altri palcoscenici.
Come quello di Montichiari…

Buon 2012 col calendario della FoppaPedretti

AFOPPACHIERI_1_medium.jpgnno nuovo, calendario nuovo!
Per il 2012 una buona idea potrebbe essere rappresentato da quello realizzato con le immagini delle bellissime (e bravissime) atlete della nostra squadra di pallavolo per eccellenza, la Foppapedretti Bergamo.

Al calendario per il nuovo anno hanno partecipato non solo le ragazze ma anche i tecnici ed il presidente, Luciano Bonetti.

Sotto la guida del fotografo Antonio Finazzi, i protagonisti del calendario ci presentano il nuovo anno calandosi nei panni di icone storiche del cinema: da Bridget Jones all’immancabile Marilyn Monroe, dalla storica Cleopatra fino alla muscolosa eroina di Tomb Raider.

14 imperdibili foto che vedono, come già sottolineato, anche la presenza maschile del tecnico col suo staff e del presidente, per un calendario sicuramente da collezionare.

Sarà possibile acquistrato durante le gare casalinghe delle nostre ragazze, sperando che questa iniziative porti loro un pò di quella fortuna che nelle ultime settimana sembra aver loro voltato le spalle, visto lo stillicidio di risultati non propriamente all’altezza della fama e della bravura delle nostre atlete.

L’incasso derivante dalla vendita del calendario verrà devoluto in beneficenza all’Associazione Regina della Pace Comunità Shalom di Palazzolo Sull’Oglio; servirà a finanziare la Scuola Materna che sarà intitolata alla memoria di Ezio Foppa Pedretti.

Inoltre verrà anche mandato un aiuto economico alla popolazione di Genova duramente e tragicamente colpita dall’alluvione dello scorso mese di novembre.

Complimenti a tutti e buon anno anche alla nostra grande FoppaPedretti, nella speranza che il 2012 veda nuovi successi e grandi vittorie come è stato per il 2011.

La FoppaPedretti parte col piede giusto

nobiltarossoblu-300x200.jpgLa stagione della mitica Foppapedretti è cominciato così come s’era conclusa qualche mese addietro: vincendo!

2 partite e 2 vittorie, testa provvisoria della classifica e soprattutto una certezza: le ragazze della Foppa hanno ancora fame, nonostante i successi della scorsa stagione e degli ultimi, fantastici anni.

Un gruppo vincente che agli ordini di mr Mazzanti continua a giocare ad alti livelli senza pause, dando sempre l’impressione di avere qualcosa in più delle avversarie e, quando questo qualcosa sembra non esserci, ecco entrare in ballo l’orgolio e la classe delle tantissime campionesse che giocano in squadra, su tutte quelle che hanno costruito il ciclo vincente di questi ultimi anni.

L’unico “neo”, se così lo si può chiamare, non dipende direttamente dalle ragazze rossoblu, ed è il palazzetto nel quale anche quest’anno si trovano “costrette” ad esibirsi.
Su questo blog ho diverse volte sostenuto che le ragazze della Foppapedretti si meritino un palazzetto dello sport alla loro altezza, ovvero moderno e funzionale, e con loro se lo meritano i bergamaschi ed i tantissimi tifosi ed appassionati di questo bellissimo sport.

Sembra che finalmente qualcosa si stia muovendo tant’è che nelle prossimi settimane ci si aspetta la presentazione di un progetto per il nuovo palazzetto dello sport, assieme a quello del nuovo stadio di calcio.

Se lo meritano le campionesse rossoblu ma se lo meritano tutti i tifosi, nella speranza che i successi continuino ad arrivare anche nel nuovo impianto. Forse, quella dei successi ad oggi è l’unica, vera certezza!

Finita la scuola è tempo di CRE in tutti i paesi della provincia

CRE%202006%202%20037r.jpgCon la conclusione dell’anno scolastico è cominciata per moltissimi studenti – non tutti in verità, in quanto alcuni sono impegnati negli esami – la lunga stagione della pausa estiva: all’incirca 3 mesi di tempo per scaricare le tensioni e le fatiche accumulate durante i 9 mesi di percorso scolastico, ma anche l’occasione buona per divertirsi, svagarsi, e godersi un meritato periodo di riposo.

Per molte famiglie però questo può rappresentare un piccolo, grande problema: come accudire i propri figli, soprattutto quelli in età più giovane, per esempio quelli della scuola materna o primaria?

A chi lasciarli durante le ore del lavoro?

Fortunatamente in soccorso dei genitori arrivano in tantissimi paesi i Centri Ricreativi Estivi, o CRE, momenti importanti sia per lo svago dei bambini e dei ragazzi che vi partecipano sia per la loro formazione.

Bergamo e provincia hanno una tradizione fortissima nell’organizzazione dei CRE, una storia lunga decenni e che ha avuto origine dalle cosiddette “colonie estive” marine o montane nelle quali venivano mandati i figli negli anni ’60 e ’70.

Le proposte sono davvero tantissime e qualcuno ha anche provato ad elencarle, con una lista di qualche decina di questi CRE: oltre alle proposte parrocchiali e comunali ci sono anche i Centri Ricreativi con focus più mirati, per esempio naturalistici o sportivi (Atalanta e FoppaPedretti), ma anche artistici e circensi.

Una proposta ricca, diversificata, vicina a tutte le esigenze e a tutte le “tasche”: un esperienza che costa tanta fatica da parte di chi organizza e gestisce questi Centri Ricreativi Estivi ma che alla fine lascia anche tanto sotto l’aspetto umano.

 

 

(foto presa da http://www.santacaterinabg.it/Oratorio/img/CRE_2006/CRE%202006%202%20037r.jpg)

FoppaPedretti Volley Bergamo: è SCUDETTO!!!

La secca sconfitta per 3-0 subita al palazzetto di Bergamo in gara 4 sembrava il preludio al successo di Villa Cortese nella finale scudetto contro le nostre ragazze della FoppaPedretti Volley Bergamo.

Gara 5 era in programma lunedì 6 giugno al Forum di Assago, quindi in trasferta, e alla vigilia le speranze di acciuffare lo scudetto grazie ad una impresa si mescolavano al timore dettato dall’occasione buttata in gara 4, nonchè alla rimonta subita in gara 2.

Ebbene, le splendide ragazze di mister Mazzanti (il tecnico più giovane a vincere uno scudetto a soli 34 anni d’età) hanno giocato nell’ultima partita della serie scudetto quella che si è soliti definire una gara praticamente perfetta.

nobiltarossoblu-300x200.jpgPartite maluccio nel primo set, perso per 25-19, le ragazze della Foppa si sono poi rincuorate giocando 3 set di altissimo livello, quelli che hanno permesso di arrivare alla vittoria di gara 5 che è valsa l’ottavo tricolore nella bacheca della FoppaPedretti.

Uno scudetto attesa da ben 5 anni ed arrivato in una stagione partita sottotraccia e rivelatasi invece stupenda, se si pensa che la squadra ha anche raggiunto la finale di Coppa Italia (poi persa proprio contro Villa Cortese).

Un plauso ed un ringraziamento a tutto il gruppo, partendo dalle ragazze per passare al mister e a tutta la dirigenza, perchè quando si raggiungono risultati così prestigiosi per diversi anni significa che la struttura societaria che è alle spalle delle ragazze che scendono in campo è di primissimo piano, composta da gente che di volley ne capisce e che sa gestire al meglio ogni situazione, dentro e fuori dal campo.

Una vittoria del gruppo quindi, una vittoria ancor più bella perchè arrivata quando tutto sembrava ormai compromesso, segno che le ragazze non mollano mai, come è nel DNA del vero bergamasco! 🙂

Largo ai festeggiamenti adesso, sperando che anche la Foppa abbia gli stessi onori che pochi giorni fa sono stati riservati ai giocatori dell’Atalanta, perchè se lo meritano e perchè se lo merita questo sport tanto bello quanto poco seguito dai mass-media.

Ultimo pensiero al Palazzetto dello Sport: una squadra di livello come la FoppaPedretti si merita un palazzetto di tutto rispetto, che non è sicuramente quello dove è costretta a giocare oggi.

Buone notizie per il Palazzetto dello Sport

palazzetto_medium1.jpgSembra che finalmente qualcosa si stia muovendo: in passato già in un paio di occasione avevamo trattato l’annoso tema del palazzetto dello Sport oramai vetusto e obsoleto per le partite della Foppapedretti femminile.

Il presidente della Foppa aveva anche seriamente minacciato di trasferire la squadra a giocare in quel di Montichiari, dove c’è un palazzetto dello sport degno di quel nome.

Minacce che sembrano aver lasciato il segno e fatto finalmente smuovere qualcosa perchè l’assessore ai Lavori pubblici Alessio Saltarelli ha presentato un progetto dal costo di circa 1 milione di euro per sistemare a dovere il palazzetto di via Battisti.

A tendere, nel giro di 2 o 3 anni, la Foppa avrà sicuramente un nuovo palazzetto dello Sport, nel frattempo quello esistente verrà ristrutturato e reso più vivibile alle migliaia di appassionati che seguono la squadra femminile di pallavolo della nostra città.

Una notizia sicuramente positiva, un plauso a chi sta lavorando sul progetto così come mandiamo un incoraggiamento alla Foppa che in questi giorni è impegnata nelle partite di play-off per lo scudetto.
Speriamo che a questa buona notizia del palazzetto se ne affianchi presto un altra di carattere meramente sportivo…

 

 

(foto presa da http://www.vivovolley.net/wp-content/uploads/2011/04/palazzetto_medium1.jpg)

Nuovo stadio e nuovo palazzetto a Bergamo: sogno o realtà?

222532_637065_Senza_tito_11503994_medium.jpgQuando ho visto le immagini – realizzate al computer – del progetto del nuovo stadio di Bergamo, mi è scappata una esclamazione di meravigliato stupore!
Ma che bella la nuova struttura, uno stadio di grandissimo impatto visivo in cui sicuramente sarà piacevole giocarci ma soprattutto andarci per vedere la propria squadra all’opera.

Il progetto del nuovo, sospirato stadio di Bergamo è stato presentato a Palazzo Frizzoni nei giorni scorsi dal presidentissimo dell’Atalanta, l’imprenditore Antonio Percassi, il quale ha tolto i veli al progetto di uno stadio da circa 25.000 posti costruito all’inglese, termine che va sempre di moda e che fa sempre effetto (come se solo gli inglesi sapessero costruire stadi belli…).

L’area dello stadio sarebbe quella di Grumello del Piano, e sembra che l’idea di Palazzo Frizzoni sia quella di associare allo stadio anche un nuovo Palazzetto dello Sport, anche questo atteso da tanti, troppi anni.
L’eventuale realizzazione di queste 2 opere sarebbe davvero un grandissimo doppio colpo per la nostra città e per i nostri sportivi: sia l’attuale stadio di Bergamo che l’attuale palazzetto dello sport necessitano di urgente pensionamento, avendo già dato e dato in abbondanza, si può tranquillamente dire.

La speranza è che questa volta sia realmente quella buona e che la volontà di Percassi e di Bonetti riesca finalmente a portare i frutti sperati, ed in tempi ragionevoli.

Le prime immagini lasciano a fiato sospeso per la bellezza dell’infrastruttura sportiva e fanno ben sperare.
Dopo il nuovo Ospedale, un nuovo stadio ed un nuovo palazzetto sarebbero una bella sventagliata di novità in casa bergamasca: attendiamo impazienti ulteriori positivi sviluppi, che non esiteremo a comunicarvi.

 

 

(foto presa da http://webstorage.mediaon.it/media/2011/04/222532_637065_Senza_tito_11503994_medium.jpg)

Foppapedretti sconfitta nella finale di Coppa Italia

piccinini.jpgIl week-end appena concluso poteva consegnare un primo trofeo alle ragazze della pallavolo bergamasca, le campionesse della Foppapedretti.
Si giocava infatti la fase finale della Coppa Italia femminile di pallavolo, con la nostra mitica Foppapedretti che era approdata alla grande alla finalissima di domenica.

Avversaria manco a dirlo era Villa Cortese, già vincitrice del trofeo lo scorso anno e quest’anno in lotta per contendere alle nostre ragazze anche lo scudetto.

Ebbene, la finale non è andata come noi bergamaschi speravamo.
Hanno vinto le milanesi per 3 set ad 1, nonostante una buonissima partenza delle nostre che si erano aggiudicate il primo set per 26 a 24.

Il secondo set ha visto il prevalere delle ragazze del Villa Cortese per 25 a 21, guidate da una grande Aguero, la quale è stata una spina costante per la Foppa anche nei successivi 2 set, purtroppo entrambi persi dalle nostre campionesse.

Alla fine un successo meritato per le ragazze di Villa Cortese e tanto rammarico per Piccinini e compagne, che comunque potranno presto rifarsi contentendo e, si spera, aggiudicandosi lo scudetto proprio ai danni di Villa Cortese.

Sono loro senza dubbio le 2 squadre più forti del campionato.

 

 

 

Foto presa da http://www.totalsport.it/wp-content/uploads/piccinini.jpg