Montagne Magiche, appuntamento sugli sci per bambini e famiglie

vacanze-montagna-austria.jpgUltimo appuntamento questo week-end per Montagne Magiche, la manifestazione dedicata a famiglie e bambini che ha avuto come scenario le nostre splendire Orobie.

Montagne Magiche ha avuto il patrocinio di Rai Yo Yo ed è stata fortemente voluta dall’assessorato al Turismo della Provincia di Bergamo.

Ma di cosa si tratta esattamente?

Montagne Magiche è partita il 15 gennaio scorso e andrà a concludersi proprio il 26 febbraio dopo aver toccato alcune località bellissime delle nostre montagne.
E’ una iniziativa culturale pensata per i bambini ed i loro genitori con spettacoli, laboratori, ricca animazione in alcuni dei luoghi più belli e pittoreschi delle valli orobiche.

Dopo Presolana, Colere, Valtorta, Foppolo, Lizzola tocca adesso agli splendidi Spiazzi di Gromo chiudere in bellezza lo scenario di questa manifestazione alla sua prima edizione.

Giochi, spettacoli ed animazione sono state gestite da Ray Yo Yo in collaborazione con il bravo ed inossidabile Oreste Castagna, andando a coinvolgere i presenti in attivà ludiche e non solo su temi inerenti alla montagna.

Spazio anche allo sport, in questo caso non poteva che essere lo sci, perchè di fondo vi è la volontà di promuovere la conoscenza e la riscoperta di luoghi montani dove praticare uno sport bellissimo in sicurezza e con tanta passione e divertimento.

Una esperienza che magari vedremo ripetuta il prossimo anno, per la gioia di bambini e dei loro genitori.

15esima festa annuale delle ludoteche di Bergamo

89677_424855_0909BB22_2_7853848_medium.jpgLa festa annuale delle ludoteche di Bergamo si tiene quest’anno il giorno 10 settembre dalle ore 15 alle ore 19 presso la solita location, il parco Turani di Redona, in Bergamo.

La festa arriva quest’anno a segnare la sua quindicesima edizione, segno di quanto sia sentita dai bergamaschi di città e provincia questa giornata che ogni anno rappresenta il “giorno 0” per l’inizio delle attività scolastiche e delle ludoteche di Bergamo.

La festa annuale delle ludoteche si arrichisce grazie alla partecipazione di tantissimi enti, associazioni e gruppi che presso il parco Turani di Redona animano la giornata per le centinaia di bambini e famiglie che lì si recano.

Si possono così conoscere le associazioni del territorio che si occupano di maternità, di genitorialità, gli spazi gioco, le biblioteche di Bergamo, le ludoteche, e tantissime altre realtà che operano nel campo del sociale con particolare riferimento ai bambini ed alle famiglie (consultate qui l’elenco).

Tema di quest’anno è il motto Gioco Chiama Colori e su questo motto la giornata verrà animata da tantissimi giochi e si potrà anche fare merenda tutti insieme, per condividere con tanti amici e altre famiglie momenti belli di divertimento e allegria in un bellissimo parco a contatto con la natura.

L’appuntamento è quindi per le 15 di sabato 10 settembre, il parco Turani si trova a Redona, dietro la Chiesa parrocchiale.

 

 

(foto presa da http://webstorage.mediaon.it/media/2009/09/89677_424855_0909BB22_2_7853848_medium.jpg)

Troppe sagre paesane in bergamasca?

761641-7190648sagra.jpgDispiace scriverlo ma ogni anno sembra di sentire il solito ritornello: crisi economica e troppe sagre paesane tolgono la clientela ai ristoranti bergamaschi.

La presidente del Gruppo Ristoratori ASCOM, in dichiarazioni comparse su siti locali in merito ad un bilancio stilato in previsione del pranzo ferragostano, ha espresso il concetto che i ristoranti bergamaschi non vivono un periodo rosa legato sia alla congiuntura economica (molto) negativa, sia al numero (troppo) alto di sagre paesane che fioriscono nel periodo estivo in diversi comuni bergamaschi.

Quest’ultimo punto mi sembra molto veritiero (basta guardarsi attorno…) ma anche in un certo senso aleatorio.

A mio avviso infatti a pesare sulla dichiarata flessione di presenze nei ristoranti bergamaschi pesa molto più la crisi economica, perchè è proprio questa che spinge molti clienti (quelli che se lo possono ancora permettere, NdR) a ripiegare sulle feste paesane a spese del classico ristorante, poichè le sagre paesane hanno oramai raggiunto livelli qualitativi più che buoni e soprattutto offrono prezzi a dir poco concorrenziali.

Mi sovviene quindi il dubbio che si voglia ancora una volta puntare il dito contro le feste e le sagre estive invece di compiere una analisi approfondita sulle politiche di offerta dei ristoratori bergamaschi.
Certamente diversi ristoratori avranno anche abbassato i prezzi alla clientela ma evidentemente non abbastanza da farsi preferire alle sagre.

Senza voler fare polemiche di nessun genere, mi chiedo per esempio come mai da noi non vengano “premiate” le famiglie con offerte del tipo “pagano i 2 genitori, 1 figlio mangia gratis” o pacchetti simili, per provare ad attirare una fetta di clientela che in bergamasca è molto ampia, soprattutto nel periodo estivo quando diverse famiglie lombarde e anche di altre regioni raggiungono le nostre località di villeggiatura per trascorrervi qualche giorno di ferie.

Non mi stupisce quindi che le sagre di paese siano sempre piene o comunque riscontrino maggiori favori, nonostante le condizioni atmosferiche tutt’altro che incoraggianti di questa stramba estate 2011, perchè al di là dell’opportunità di mangiare all’aperto e di stare in un ambiente meno formale anche il portafoglio ha la sua importanza, soprattutto quando in famiglia non si è in 2 ma in 3-4 o 5 elementi.

Il mio è solo un consiglio, chissà che sia la volta buona che anche nella nostra città e provincia comincino a fiorire tanti ristoranti “family friendly” che attuino politiche di questo tipo?

 

 

(foto presa da http://www.lanazione.it/firenze/cronaca/2011/07/29/552822/images/761641-7190648sagra.jpg)

Giocarteatro: i bambini a teatro con mamma e papà

giocarteatro.jpgA Bergamo il teatro vive una stagione florida, basta “googlare” un poco sul web per scoprire quante sono le compagnie teatrali che hanno base a Bergamo ed in provincia e che qui vi operano, alcune anche andando oltre i confini locali.

Particolare attenzione a mio avviso meritano quelle compagnie teatrale che focalizzano i loro spettacoli ai bambini ed alle famiglie, con una offerta di grande qualità e quantità.

In questo ambito merita sicuramente una citazione la rassegna teatrale che sta per partire e che ha come titolo “Giocarteatro“, giunta quest’anno alla sua quarta edizione e che propone una ricca offerta di spettacoli teatrali molto divertenti (ma non solo) per i bambini e le loro famiglie.

Giocarteatro è realizzata da Teatro Prova e Pandemonium Teatro, 2 compagnie molto attive sul territorio locale e nazionale e che tradizionalmente puntano a catturare con i loro spettacoli i più piccini, assieme ai loro genitori.

Giocarteatro si articola su ben 22 spettacoli che coprono l’arco temporale che va dal 31 ottobre 2010, quando la rassegna verrà aperta dallo spettacolo teatrale in stile Halloween “CINDERELLA VAMPIRELLA“, fino a Marzo 2011, quando si concluderà con lo spettacolo “PELUCHE ovvero di orsi, scimmie, Biancaneve“.

La maggior parte degli spettacoli sarà delle 2 compagnie organizzatrici anche se non mancheranno quelli di altre compagnie “amiche”, ospitate con alcuni loro spettacoli per bambini all’interno della bellissima rassegna teatrale.

Un’occasione quindi per avvicinare i bambini (ma anche i loro genitori) al fantastico mondo del teatro, un mondo che stuzzica e accende da sempre la fantasia dei più piccini e che li aiuta ad interagire meglio con la storia che viene loro proposta, a differenza di quel che accade quando un bambino si piazza davanti alla TV e lì si… addormenta!

Ulteriori dettagli sulla rassegna sono pubblicati sui siti di Teatro Prova e Pandemonium Teatro.

 

 

 

(foto presa da http://webstorage.mediaon.it/media/2009/06/76970_398126_KOLOK1_7437424_medium.jpg)

Domenica ricca di spettacoli teatrali per famiglie

bambini_90988.jpgDomenica 21 febbraio all’insegna del teatro per famiglie e bambini in Bergamo e provincia, con un numero ma soprattutto una qualità di spettacoli di tutto rispetto.

Partendo dalla città, andiamo al Teatro S. Giorgio dove alle ore 16:30 nell’ambito del programma di Giocarteatro, organizzato dal Pandemonium Teatro e dal Teatro Prova con il sostegno della Fondazione della Comunità Bergamasca, verrà rappresentata La valigia delle fiabe.
Una storia decisamente per i più piccini, con al centro le più belle fiabe di ogni tempo.

All’Auditorium di Piazza Libertà a Bergamo è in programma “L’acchiappasogni“, della Cooperativa Teatro Laboratorio di Brescia, spettacolo che si inserisce nell’ambito della rassegna “I Teatri dei Bambini“.
Anche qui al centro della storia ci sono le fiabe, questa volta quelle legate alla storia, alla cultura ed alla tradizione dei pellerossa indiani.

Sempre in Bergamo ma questa volta a Redona, organizzato dall’Associazione Le Piane, si terrà lo spettacolo dal titolo Cecco l’orsacchiotto, uno spettacolo del Pandemonium Teatro.
Lo spettacolo è liberamente ispirato a “Storie di orsacchiotto” di Else H. Minarik.

Spostiamoci infine in provincia, per la precisione a Villongo.
Qui la compagnia Teatro Litta di Milano propone BU! Divertente storia di paura, nell’ambito della rassegna Teatro da vivere insieme… con la famiglia.
Gli spettacoli si terrano al Cineteatro L’Isola allo ore 16:00

Come si può vedere per le famiglie che amano andare a teatro coi propri pargoletti le occasioni non mancano, anzi, è più una questione di selezionare quella che attira più delle altre.
Una bella occasione per passare un paio di ore in compagnia di una bella storia e di divertirsi in maniera costruttiva coi propri figli.

 

(foto presa da http://www.agorasedriano.it/wp-content/uploads/bambini_90988.jpg)

La befana vien di notte con le calze tutte rotte

befana-contro-albero.jpgChi è quella simpatica vecchietta che la notte del 6 gennaio di ogni anno, giorno dell’Epifania, si diverte ad attraversare il freddo cielo invernale a bordo della sua scopa magica per portare caramele e cioccolatini ai bambini buoni, e carbone a quelli biricchini?

Ma è facile, è la Befana!!!

Quella della befana è una tradizione molto antica che è parecchio sentita in diverse zone d’Italia, in parte anche a Bergamo anche se non come quella di Santa Lucia e di Babbo Natale.

Spulciando sul web scopro che il fatto che la befana sia raffigurata con le fattezze di una vecchietta sarebbe da ricondurre a tradizioni agrarie pagane che vedevano in lei l’anno vecchio che si concludeva per lasciare spazio alla nuova stagione.
In alcuni paesi infatti la vecchia veniva poi condotta al rogo, proprio a simboleggiare il vecchio che veniva eliminato per lasciare spazio al nuovo anno.

Esiste anche una filastrocca famosissima sulla Befana, quella usata per dare il titolo al post:

La Befana vien di notte
con le scarpe tutte rotte
con le toppe alla sottana
Viva, Viva La Befana!

A Bergamo la festa della befana non è sentitissima ma in diverse località sarà comunque l’occasione per richiamare i bambini con le loro famiglie per un momento di festa a loro dedicato.

A Selvino alle ore 16:30 del 6 gennaio 2010 presso la pista di pattinaggio di Conca Monte Purito è in programma la festa della befana, e si potrà anche pattinare sul ghiaccio

All’oratorio di Riva di Solto alle ore 15:00 si terrà lo spettacolo per bambini “Il manuale della befana e altre storie divertenti”, spettacolo curato dalla compagnia teatrale “Luna e Gnac Teatro”.

 

(foto presa da http://manuelapeace.blog.kataweb.it/files/2009/01/befana-contro-albero.jpg)