La commemorazione dei nostri defunti, tradizione ancora sentita a Bergamo

cimitero bergamo_medium.jpgNovembre lo vedo da sempre come un mese un pò grigio, triste: il cambio dell’ora è cosa fresca e le giornate si sono drasticamente accorciate, il buio arriva ogni giorno sempre prima, così facendo anche le temperature si abbassano gradualmente, giorno dopo giorno.

Inoltre i primi giorni di novembre, quelli dedicati alla ricorrenza di Tutti i Santi e alla commemorazione dei defunti, sono per tradizione dedicati alla visita dei cimiteri per ricordare i propri cari e pregare sulle loro tombe.
Una ricorrenza decisamente non felice quindi, anche se di fondo il ricordare persone care che non sono più tra noi è una cosa bella.

La commemorazione di tutti i defunti a Bergamo è molto sentita.
Per tradizione Bergamo è una città molto vicina alla Chiesa, quindi queste festività hanno una lunga tradizione che si tramanda di generazione in generazione senza perdere molto di spessore.

Girare per cimiteri è anche un modo per incontrare parenti che magari non si vedono da tempo, quei classici parenti che si rivedono solo ai matrimoni o (purtroppo..) ai funerali.

Una giornata sicuramente diversa dalle altre 364 dell’anno, una giornata di pausa, di riflessione, di ricordo.
Una giornata da dedicare alla preghiera per chi non c’è più ma anche per riflettere sulla propria vita: posti di fronte al grande mistero della morte, penso che tutti in qualche modo ci poniamo qualche domanda sulla nostra esistenza.

 

(foto presa da http://webstorage.mediaon.it/media/2005/10/cimitero%20bergamo_medium.jpg)