Seconda edizione della Casa delle Arti

news_18093_2.jpgLa Casa delle Arti riparte presentando la sua seconda edizione, dopo il buonissimo esordio della scorsa stagione di cui avevamo dato notizia su questo blog.

L’obiettivo è il rilancio e la promozione dell’arte nel bellissimo contesto del Teatro Sociale di Città Alta, un luogo intriso di arte nel quale lo scorso anno era stato messo in scena un cartellone composto da spettacoli di diverse rassegne per portare allo spettatore il messaggio che l’arte non è a “scomparti” ma si lega a varie discipline. L’arte è universale, in poche parole.

Anche quest’anno quindi sul palcoscenico del Teatro Sociale di Città Alta si alterneranno spettacoli di danza, di teatro nelle sue diverse declinazioni, di circo… un miscuglio di declinazioni artistiche che creeranno anche quest’anno un cartellone di sicuro interesse perchè intersecherà tra loro questi spettacoli di natura diversa.

Se poi ci aggiungiamo che il teatro è posto in Città alta, il luogo “artistico” per definizione della nostra città, allora capiamo quanta valenza possa avere il cartellone della Casa delle Arti.
Per facilitare il raggiungimento del teatro inoltre si potrà viaggiare “gratis” sui bus dell’ATB e sulla funicolare a partire da 2 ore prima dello spettacolo fino a 1 ora dopo la conclusione presentando al personale ATB il biglietto d’ingresso al teatro.

Un modo intelligente di promuovere l’arte in Città alta.

La sfilata di mezza quaresima

carnevale.jpgTra le tante manifestazioni che si tengono a Bergamo nell’arco dell’anno ce n’è una che si distingue da tutte le altre: sto parlando della sfilata carnevalesca di mezza quaresima che ogni anno viene organizzata dal Ducato di piazza Pontida.

Quest’anno l’originale sfilata carnevalasca si tiene domenica 14 marzo.
Si parte con l’arrivo dei carri allegorici nei pressi del piazzale delle autolinee, carri che poi sfileranno lungo il percorso cittadino prestabilito dalle ore 15 in poi.
La partenza della sfilata avverrà da Viale Papa Giovanni XXIII, per concludersi poi in Piazza Pontida con il famoso “Rasgamént de la Egia“.

Che cos’è il “Rasgamént de la Egia”?

E’ la messa al rogo di una cosa che durante l’anno passato non ha funzionato, che sia essa un servizio cittadino, una istituzione, un’oggetto o altro.
Quest’anno al rogo andranno gli autobus dell’ATB ed i problemi degli anziani: i primi perchè ancora si presentano con alcuni punti dolenti come gli scalini di accesso che per i portatori di handicap sono un’ostacolo insormontabile, i secondi perchè gli anziani nella nostra città non hanno ancora quei servizi a disposizione che permetterebbero loro una vita più dignitosa e onorevole.

Da segnalare che in caso di pioggia la manifestazione verrà spostata a domenica 21 marzo 2010.

(foto presa da http://vacanzeinabruzzo.files.wordpress.com/2009/01/carnevale.jpg)

Bike Sharing a Bergamo

bicici2.jpgIn inglese si dice bike-sharing, in italiano noleggio biciclette, il succo però è sempre lo stesso: prendere una bicicletta per muoversi in città lasciando ferma la propria automobile.

Anche a Bergamo da qualche tempo è attiva questa interessante iniziativa grazie alla quale ci si può muovere da una parte all’altra della città utilizzando un parco-biciclette messe a disposizione dal Comune di Bergamo.

Un modo per ridurre il numero di automobili circolanti nelle strade della città, diminuendo così l’inquinamento e, perchè no, dando ai ciclisti l’occasione di gustare meglio le bellezze cittadine.

Ma come funziona il tutto?
Per chi vuole utilizzare questo servizio ci sono 15 stazione dislocate in diversi punti della città dai quali si può avere accesso alle biciclette pubbliche (chiamate BiGi): per far ciò è sufficiente avere sottoscritto un’abbonamento annuale dal costo di 20 euro ed ottenere così una card che servirà per prelevare le BiGi.

I primi 45 minuti di utilizzo delle biciclette pubbliche sono gratuiti, fino alle 2 ore si paga 1 euro, da 2 a 3 il costo è di 2 euro, oltre le 3 ore si paga una tariffa fissa di 5 euro.
Le BiGi possono essere prelevate da una delle 15 stazioni e riconsegnate in un’altra, diversa da quella di partenza.

Perchè questo è un servizio da sponsorizzare?

Beh, risposta semplice: perchè ci responsabilizza nello stimolarci ad avere cura della salute del nostro ambiente, in primis quello della nostra città nella quale passiamo gran parte della nostra giornata per studio o per lavoro, o magari anche solo per farci una bella gita in bicicletta da turisti.

Certo, se si sale in Città Alta allora pedalare diventa faticoso ma… non siamo forse la terra che ha dato i natali a Felice Gimondi, il “falco” Savoldelli e Ivan Gotti?
E allora, nemmeno la salita verso Bergamo Alta ci potrà fermare!!!

(foto presa da http://www.bicincitta.com/citta_v3.asp?id=38)