Cacciamo l’inverno con la Scasada del Zenerù

2_1380_201118163722.jpgArrivano i giorni della merla, tradizionalmente i giorni più freddi dell’inverno (e oggi nevica, guarda caso…) e assieme a loro arriva anche una tradizione dell’Alta Valle Seriana che ogni anno attira tantissimi turisti ed appassionati: la Scasada del Zenerù.

L’appuntamento è per il 31 gennaio 2013 in quel di Ardesio, bellissimo paese della Val Seriana, dove la locale Pro Loco anche quest’anno proporrà questa tradizionale ricorrenza che tanto piace anche al di fuori dei confini di Ardesio.

Ma cosa è in effetti la Scasada del Zenerù?
Come già si intuisce dal nome (…) la Scasada del Zenerù è la cacciata dell’inverno per far posto alla primavera, portatrice di bel tempo e di caldo, di vita all’aria aperta dopo i lunghi e bui mesi invernali passati al caldo delle case.

La Scasada del Zenerù vedrà sfilare gli abitanti del paese in abiti caratteristici del posto facendo baccano per le vie del paese, per spaventare e scacciare l’inverno dalle strade di Ardesio.
Campanacci, scatolette di lamiera, padelle, tutto quello che provoca rumore è utile per spaventare il freddo e gelido inverno e liberare Ardesio dalla morsa della stagione fredda.

Il fantoccio che rappresenta l’inverno stazionerà per le vie del paese fino al falò dove verrà sacrificato per la gioia di grandi e piccini.

Un modo simpatico e divertente per passare qualche ora in compagnia facendo rumore e tenendo altresì viva una tradizione storica consolidata delle nostre terre, ricche di storia e di costumi a volte poco conosciuti da noi bergamaschi.

Come d’Incanto e Festa del parco dei Colli a Valmarina

come_d_incanto_27-28_05_ardesio.jpgVi segnalo 2 interessanti appuntamenti per questo week-end, uno in media-alta Val Seriana ed uno a ridosso della città.

Il primo è organizzato dalla Pro Loco Ardesio e si tratta del festival degli artisti di strada Come d’Incanto, che si terrà nelle giornate di Sabato 26 e domenica 27 Maggio.

Il festival è alla sua terza edizione e già si è ritagliato un suo spazio molto importante: non solo a livello nazionale, ma anche fuori dai nostri confini nazionali.

La direzione del festival è della Compagnia Teatro Minimo di Ardesio e in questa terza edizione presenta ben 12 spettacoli: magia, clownerie, equilibrismo, musica, giocoleria e mimo animeranno
le strade e le piazze di Ardesio.

Ma anche il cielo di Ardesio!
Come? Beh, sabato 26 maggio alle ore 17:15 il funambolo Andrea Loreni si produrrà ne La Grande Traversata, ovvero una camminata in bilico su un cavo d’acciaio dal Borgo di Balatroni al campanile del Santuario della Madonna delle Grazie.

L’altro appuntamento è la Festa del Parco dei Colli a Valmarina.
Rimandata da domenica scorsa causa maltempo, la festa si tiene presso il monastero di Valmarina, sede del Parco dei Colli, e offre l’opportunità alle famiglie ed ai partecipanti di trascorrere una bella giornata a contatto con la natura.

Si potranno degustare alcuni prodotti tipici del Parco e osservare gli animali allevati nel parco, come equindi, bovini da carne, ovini, caprini.

I bambini potranno partecipare ad alcuni laboratori ideati per loro e divertersi in un ambiente sano e pulito, passando qualche ora a contatto con una natura ancora incontaminata.

Ulteriori informazioni a questo link.

Buon week-end!!!

Come d’incanto, Festival degli Artisti di Strada ad Ardesio

236393_654948_BILICO_TEA_11794949_medium.jpgL’ultimo week-end di Maggio, quello di sabato 26 e domenica 27, è da non perdere: c’è infatti un grande appuntamento in alta val Seriana, per la precisione ad Ardesio.

Qui la Pro Loco Ardesio organizza infatti la Terza edizione di Come d’incanto, il Festival degli Artisti di Strada che in solo 2 anni ha già raggiunto un vasto consenso ed una partecipazione di artisti e di pubblico di grande livello.

Come d’incanto è stato promosso dalla Pro Loco del paese con la direzione artistica della Compagnia Teatro Minimo di Ardesio.

Come d’Incanto è una grande attrazione soprattutto per le famiglie ed i bambini grazie ai suoi spettacoli ed al divertimento che genera.

In questa terza edizione i visitatori potranno ammirare ben 12 eventi, alcuni dei quali proposti da artisti di fama internazionale: clownerie, giocoleria, equilibrismo, magia, musica, mimo… il tutto incastonato nella splendida cornice delle strade e delle piazze Ardesio.

Tanti gli spettacoli, come già anticipato, ma di sicuro interesse sarà il numero proposto dal funambolo Andrea Loreni nella giornata di sabato 26 maggio alle ore 17:15.
Loreni si cimenterà ne La Grande Traversata, ovvero attraverserà il cielo di Ardesio su una fune d’acciaio tesa dal Borgo di Balatroni al campanile del Santuario della Madonna delle Grazie.

Loreni è detentore del record italiano di camminata in bilico su un cavo, quindi… tutti col naso all’insù!!!

In caso di maltempo, è prevista un’alternativa al coperto.

Ulteriori dettagli visitando il sito della ProLoco di Ardesio o mandando una email a info@prolocoardesio.it

 

 

(foto presa da http://webstorage.mediaon.it/media/2011/05/236393_654948_BILICO_TEA_11794949_medium.jpg)

La Scasada del Zenerù di Ardesio

2_1380_201118163741.jpgNelle programmazioni televisive vanno di moda i programmi “Aspettando che…”: ebbene, anche la famosa Scasada del Zenerù ha avuto il suo prologo “Aspettando la Scasada” che si è tenuta domenica 29 gennaio ad Ardesio.

Ma la giornata clou è per Martedì 31 gennaio, quando ad Ardesio si terrà la tradizionale giornata della Scasada del Zenerù, ovvero il rogo nel quale viene immolato proprio lui, il Zenerù.
Cos’è il zenerù?
E’ l’inverno che viene cacciato fuori dal paese e messo al rogo, in una sorta di rivisitazione di un rito pagano nel quale il paese invocava l’arrivo della stagione calda, proprio nei giorni tradizionalmente più freddi dell’inverno, quelli della Merla.

L’appuntamento è organizzato dalla Proloco di Ardesio e comincerà già alle 9 del mattino del 31 gennaio con il convegno-laboratorio sul tema Riti di cacciata dell’inverno in arco alpino.

Sono gli alunni delle elementari dei paesi di Ardesio, Gromo San Marino, Valcanale e Villa d’Ogna i destinatari del convegno, visto che poi gli stessi rappresenteranno il rito del sole in Valcanale.

La Scasada quest’anno diventa internazionale: ci sarà infatti la presenza del gruppo folcloristico basco Bidasoako Joaldunak a dare il respiro di internazionalità all’evento finora tutto locale.

Ma tutti questi appuntamenti altro non sono che un corollario all’evento per eccellenza della Scasada del Zenerù: il falò.

Il rogo finale del Zenerù si terrà sul finire della giornata, alle 19:45 partendo dalla località Ponte Rino: un finale scontato, atteso, ma non per questo meno interessante vista la storia che questa giornata si porta appresso negli anni.

Una tradizione bellissima delle nostre valli che merita di avere sempre più risonanza perchè sono proprio questi eventi quelli che rendono bella ed unica la nostra terra, una terra ricca di tradizione e fascino.