Scandalo Affittopoli a Bergamo

condominio.jpgAffittopoli: ecco, ci mancava solo questa!
Sentivamo tutti la mancanza di un nuovo scandalo in quel di Bergamo, perchè il Nuovo Ospedale e la storia del calcioscommesse da soli non erano sufficienti.

Adesso si scopre che c’è uno scandalo anche a Palafrizzoni, prontamente denominato Affittopoli poichè si tratta di irregolarità nell’assegnazione di alcuni alloggi pubblici.

In pratica, alcuni dipendenti comunali (ad oggi ce ne sono 3 indagati) favorivano l’assegnazione di alcuni appartamenti di proprietà del Comune di Bergamo a persone che non ne avevano i requisiti.
Gente che a volte arrivava a offrire “regali” pur di vedersi assegnato un alloggio.

Sulla vicenda sono ora in atto le dovute indagini e la speranza è che venga fatta presto chiarezza.

Certo è che da tutta questa storia chi ne esce danneggiato è sì il Comune di Bergamo, la cui immagine e le cui casse sono sicuramente state danneggiate da questa brutta faccenda, ma soprattutto i bergamaschi e la loro fiducia nelle istituzioni.

Gli alloggi comunali vengono assegnati a persone in difficoltà, a famiglie disagiate che grazie a questa opportunità ottengono un appartamente a canoni agevolati.

Sapere che anche in questo settore ci sono stati comportamente scorretti e che persone in reale difficoltà si sono viste scavalcare da persone che avevano meno “merito” di vedersi assegnare un alloggio comunale… beh, lascia davvero sconcertati.

Probabilmente siamo solo all’inizio di questa bruttissima faccenda e col tempo usciranno altri dettagli che, c’è da scommetterci, si arricchiranno di particolari forniti da persone che fino ad oggi non hanno denunciato o perchè non lo sapevano o perchè non potevano permettersi di affidarsi ad un avvocato per ottenere l’alloggio dovuto.

Segnalo che il Movimento consumatori invita i mancati assegnatari che pensono di essere stati truffati a segnalare le loro storie via e mail all’indirizzo bergamo@movimentoconsumatori.it.

(foto presa da http://www.blogdem.it/maurizio-martina/files/2011/04/condominio.jpg)