Camminata Nerazzurra per festeggiare la Dea

camminata-nazzurra1.jpgIl campionato dell’Atalanta sembrava fino a qualche domenica fa in cassaforte: la zona retrocessione lontana diversi punti ed il calendario tutto sommato abbordabile facevano pensare ad una salvezza già acquisita.

Le ultime partite invece hanno rimesso tutto in discussione, soprattutto alla luce della rimonta sostenuta che il Lecce sta facendo grazie anche a risultati sorprendenti (vedasi il 4-2 rifilato alla Roma).

Sotto questa luce anche la tradizionale Camminata Nerazzurra diventa un momento importante per la squadra di Colantuono, una ulteriore buona occasione per mettere in campo tutto l’amore che il popolo atalantino sente per la Dea e per dimostrare ancor più unità d’intenti in quest’ultima, delicata fetta di campionato.

La Camminata Nerazzurra si terrà quest’anno domenica 6 maggio ma le iniziative a corollario della giornata prenderanno il via già da venerdì 4 maggio.

La Camminata Nerazzurra arriva quest’anno alla sua sesta edizione e come per le precedenti è facile scommettere su una partecipazione sostenuta e sentita del popolo nerazzurro.
Calcioscommesse ed inchieste varie a poco possono quando dietro l’attaccamento per la maglia nerazzurra c’è una passione profonda (a volte anche troppa…).

Il clou della 3 giorni nerazzurra sarà naturalmente la marcia non competitiva della domenica e c’è da scommettere che non mancheranno iniziative legate alla recente, tragica scomparsa di Morosini, bergamasco DOC e prodotto del vivaio atalantino.
Va sottolineato anche il fatto che il ricavato della corsa andrà in beneficenza alla Fondazione Casa di Ricovero S. Maria Ausiliatrice Onlus di via Gleno.

Appuntamento quindi sul Sentierone di Bergamo per camminare insieme ad altre centinaia, se non migliaia di tifosi della Dea, per una giornata che deve essere soprattutto pulita e sostenuta dalla voglia di stare insieme per festeggiare la squadra nerazzurra.

Camminata Nerazzurra per festeggiare la Deaultima modifica: 2012-04-30T07:37:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento