La partita più difficile di mister Mondonico

mondonico01g_2.jpgL’obiettivo salvezza è stato raggiunto: al termine di una palpitante partita contro il mai domo Piacenza allenato dal bergamasco “Mindo” Madonna, l’Albinoleffe ha acciuffato l’ultimo posto utile per garantirsi l’ennesima stagione di serie B, l’ennesimo scudetto di una squadra che ogni anno stupisce tutti gli addetti ai lavori per la grinta e la tenacia che mette in campo.

Alla gioia per la salvezza purtroppo si è unita la tristezza per l’addio alla panchina di mister Mondonico, l’allenatore che in tutti questi anni ha incarnato al meglio la filosofia della squadra seriana.

Mondonico deve combattere contro un male che ancora non lo ha lasciato, un brutto male che mina la sua salute e che gli impedisce di concentrarsi al 100% sulla sua passione, il calcio.

E’ stata davvero toccante la conferenza stampa di lunedì 13 giugno durante la quale lui ed il presidente hanno annunciato l’addio alla panchina del mister per motivi di salute.
Mondonico non ha saputo trattenere la commozione così come noi tifosi che abbiamo visto le immagini in TV.

Si leggeva tanta sofferenza sul volto del mister, sia dovuto al dolore nel dare la notizia che a causa della malattia che ancora non è stata completamente vinta.

Sembreranno parole banali, scontate, ma per Mondonico è questa LA partita della vita, quella più importante e più difficile, quella che dovrà combattere da solo, contro un avversario subdolo, ostico, difficile.

A Mondonico va tutto il nostro affetto e la nostra vicinanza in questi momenti difficili, certi che la grinta che ha sempre messo in campo sarà anche in questo caso la sua arma migliore per sconfiggere definitivamente la malattia.

E vederlo così nuovamente sulla panchina dell’Albinoleffe, alla ricerca dell’ennesimo miracolo chiamato salvezza.

 

 

(foto presa da http://www3.lastampa.it/fileadmin/media/sport/calcio/mondonico01g_2.jpg)

La partita più difficile di mister Mondonicoultima modifica: 2011-06-15T07:43:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento