Fiera di Sant’Alessandro

165738_551015_USC_5188_10005011_medium.jpgCon la festa del patrono Sant’Alessandro arriva anche la tradizionale ed amata Fiera di Sant’Alessandro, anche quest’anno ospitata all’interno ed all’esterno dei padiglioni della fiera di Via Lunga, a Seriate.

Numeri da record quelli dell’edizione 2012: ben 196 (133 bergamasche) le imprese del mondo contadino presenti in Fiera da venerdì 31 agosto fino a domenica 2 settembre.

I contenuti sono quelli classici di questa fiera: esposizione di mucche, cavalli, capre, maiali (per la prima volta), di prodotti alimentari tipici, di prodotti legati al mondo del giardinaggio, di attrezzature e mezzi utilizzati nel mondo rurale.

Una delle novità dell’edizione 2012 è la presenza dello stand di Regione Lombardia, fortemente voluto dall’assessore regionale all’Agricoltura Giulio De Capitani.

In programma convegni, workshop, laboratori, concorsi come quello per la miglior carne bovina di filiera bergamasca: una forte attenzione su una realtà che storicamente ha segnato la tradizione di tutti i paesi della bergamasca, un mondo che purtroppo fa sempre più fatica a ritagliarsi un proprio spazio e continuare a vivere in modo decente.

Anche per i bambini non mancheranno le attività, come da tradizione.
Si potrà cavalcare un cavallo grazie ai padiglioni che offriranno questa divertente ed eccitante attività ai più piccoli.

Ulteriori informazioni sul sito ufficiale della manifestazione.
www.fieradisantalessandro.it

Piazza Vecchia diventa un giardino

piazza_vecchia_giardino.jpgDal 30 agosto al 16 settembre Piazza Vecchia cambia ancora pelle e si tinge di verde diventando un grandissimo e suggestivo giardino.

E’ questo l’effetto dell’edizione 2012 di  I Maestri del Paesaggio – International Meeting of the Landscape and Garden,  una tra le manifestazioni più importanti a livello nazionale ed internazionale sull tema del paesaggio e del binomio natura-architettura.

Lo scorso anno Piazza Vecchia “green” era stato un successo grandissimo sia in termini di pubblico che di effetto suggestivo: Piazza Vecchia è di per sè uno scrigno di bellezza ed arte unico, una delle piazze più belle d’Italia.
Vederla trasformata in un grande giardino è stata la classica ciliegina sulla torta, e quest’anno ci si riprova!

Il verde sarà naturalmente il tema conduttore di workshop, mostre, convegni, seminari e quant’altro ruoterà attorno alla manifestazione.

Saranno presenti diversi paesaggisti di fama internazionale per condividere progetti e filosofie applicate alle loro opere, e fino a domenica 16 settembre c’è da essere sicuri che Piazza Vecchia farà la sua parte, adornata di una veste insolita ma altamente efficace e di grande impatto.

Durante il periodo di I Maestri del Paesaggio nell’Aula Picta verrà allestita la Mostra Internazionale di Fotografia dei Giardini, che raggruppa i lavori dei finalisti dell’International Garden Photographer of the Year competition (IGIPOTY), il più importante concorso fotografico del mondo nel settore.

Renato Vallanzasca a Sarnico

980291265.JPGRenato Vallanzasca lavorava a Sarnico.
Sì, quel Vallanzasca, il bel Renè famoso per gli omicidi, la galera, le evasioni, la bella vita.

Vallanzasca infatti prestava servizio presso un negozio grazie al programma di reinserimento previsto dalla legge.

Tutte le mattine lasciava il carcere di Bollate per venire nella nostra provincia, la stessa che era stata macchiata col sangue da lui versato qualche decennio fa (per l’esattezza il 6 febbraio del 1977 al casello autostradale di Dalmine dove la sua banda della Comasina uccise il poliziotto della Polizia Stradale di Bergamo Luigi D’Andrea), per svolgere qualche ora di lavoro e provare così a ricostruirsi una vita.

La notizia è rimbalzata la settimana dopo ferragosto sui media locali e nazionali provocando scalpore: ma come, viene a lavorare a Bergamo, proprio in una delle terre da lui ferite indelebilmente? E proprio a Sarnico dove vive la moglie di una delle sue vittime?

Progetto di reinserimento nel sociale o mancanza di tatto verso i parenti delle vittime? O più semplicemente ancora, mancanza di una Giustizia giusta ed equilibrata?

Emerge anche che il prefetto di Bergamo aveva scritto alle autorità competenti segnalando “…l’inopportunità e la illogicità della decisione, tenuto conto dei gravissimi fatti compiuti in questo territorio dove ci sono persone che piangono la morte dei propri cari, uccisi mentre servivano lo Stato, proprio da Vallanzasca…“. Eppure a nulla era servito.

Condannato a ben 4 ergastoli il signor Vallanzasca adesso gode di questa libertà vigilata per lavorare.
E se provasse nuovamente a fuggire? Chi ne pagherebbe le conseguenze?
E perchè non pensare di portare il lavoro in carcere invece che i carcerati al lavoro, all’esterno della prigione?
Con una condanna a 4 ergastoli, che senso ha parlare di reinserimento nella società?

Domande che sorgono spontanee, che emergono dai commenti scritti su internet e colti dalla gente della strada, al bar, in ufficio, a tavola.

Una vicenda che ha lasciato basiti, stupefatti e amareggiati, e che solo l’interruzione della collaborazione chiesta (ed ottenuta) dalla proprietaria del negozio è riuscita a spegnere.

Festa di Sant’Alessandro patrono di Bergamo

148519_526167_0911BB47_8_9571643_medium.jpgSabato 25 e domenica 26 grande festa a Bergamo: è la festa del patrono Sant’Alessandro e la città tutta si ferma per festeggiarlo, come da tradizione.

La festa del patrono è per i bergamaschi una festa irrinunciabile, sia per i risvolti religiosi che per quelli “laici”.

Se da un lato l’associata fiera di Sant’Alessandro è infatti da anni l’appuntamento di fine estate per migliaia e migliaia di visitatori, non va dimenticato l’aspetto religioso con i relativi appuntamenti.

Tra i tanti appuntamenti da ricordare non vanno tralasciati sicuramenti quelli della Fiera che si terrà nei giorni di sabato 25 e domenica 26 agosto sul Sentierono di Bergamo con esibizioni di artisti di strada, momenti musicali, esposizione e sfilata di Lambrette d’epoca.

Alle ore 10:00 di Sabato 25 agosto un evento davvero molto bello e romantico, se vogliamo: si tratta del concerto di campane dai campanili della Città di Bergamo.

Il concerto prende il via dalle campane della Torre Civica, prosegue con il coinvolgimento delle campane della Cattedrale, della Basilica di Santa Maria Maggiore (che per l’occasione torneranno a suonare manualmente) e di molti campanili delle chiese di Città Alta come di Città Bassa. A mezzogiorno l’intera Bergamo sarà avvolta dal suono corale di tutti i campanili.
Davvero qualcosa di unico ed irripetibile, complimenti a chi lo organizza!

Alle ore 16.30 nella Sala Papa Giovanni XXIII di Piazza Duomo ci sarà la conferenza  Gli scavi: dall’antica alla nuova Cattedrale.

Il Duomo di Bergamo diventa infatti anche un luogo di interesse archeologico dopo i recenti scavi che hanno portato alla luce vestigia di chiese paleocristiane e altri edifici romani.
Il convegno offre un’occasione speciale per completare la conoscenza e la rivisitazione del tempo di Alessandro, Martire e Patrono della Città.  Alle ore 18.30 vi sarà poi l’inaugurazione del Museo degli Scavi alla presenza del Ministro per i Beni e le Attività Culturali Lorenzo Ornaghi.

Domenica 26 agosto si terrà invece la rievocazione Storica della Passione di Sant’Alessandro Martire, con inizio fissato alle ore 16:30 dal Sagrato della Chiesa di Sant’Alessandro della Croce in Via Pignolo.

In abiti da antico romano, un attore racconta le vicende della vita di Alessandro mentre il Santo, in catene su un carro, circondato da una folla di popolani e patrizi, è scortato da un corteo formato da soldati romani a piedi e a cavallo.

Il corteo si muoverà fino a fermarsi presso i giardini di Piazza Cavour per ascoltare il racconto degli ultimi episodi della vita del Santo.

Alle ore 18.15 nella Chiesa di Sant’Alessandro in Colonna ci sarà la S. Messa celebrata dal Vescovo Mons. Beschi e quindi la Processione Religiosa che si snoderà fino in Città Alta.

Alle ore 21 in Piazza Vecchia la festa finale del patrono con il saluto della autorità cittadine, laiche e religiose.
Conclude la Festa un concerto del Corpo Musicale di Arcene, con la partecipazione della Compagnia teatrale Magico Baule.

Motocross ed enduro sui sentieri montani?

384682_832225_SF02000000_14306115_medium.jpgLa polemica ha impiegato poco tempo ad accendersi in questo caldo ed afoso mese di agosto: la bomba è esplosa quando si è sparsa la notizia dell’organizzazione di una gara di enduro a Bossico.

La polemica nasce dal fatto che gli ambientalisti (ma non solo loro…) si sono detti contrari a questo tipo di gare su sentieri montani in quanto i danni causati dalle moto in gara sarebbero significativi. Ed inutili.

Per diritto di cronaca anche la  Valli Bergamasche revival  del 15 e 16 settembre prossimi che si terrà in alta Val Brembana (Foppolo) è entrata a far parte di questa polemica.

Wwf Bergamo, Orobievive e altre associazioni sostengono che i comuni non dovrebbero concedere il nullaosta per manifestazioni di questo tipo in quanto solamente dannose per sentieri e natura.

Non basta l’impegno dichiarato da parte degli organizzatori di ri+sistemare e ripristinare i tracciati coinvolti dalla gara, la polemica è ormai montata e sembra destinata a protrarsi nel tempo con le 2 fazioni (associazioni naturalistiche da una parte, motociclisti ed enduristi dall’altra) a contendersi la ragione.

Che dire?

Non entro nel merito della polemica sulle 2 gare in questione ma una testimonianza, seppur non legata a delle competizioni, voglio darla.

Nel secondo week-end di agosto mi trovavo sul sentiero 101 nei paraggi di Cà San Marco e ho ricevuto la visita di 2 moto che lo percorrevano scendendo dal Passo Verrobbio, in direzione Cà San Marco.
Da lì sono poi tornate nuovamente sui loro passi per tagliare verso la Piana delle acque nere in direzione del Pescegallo.

In quel caso il sentiero è abbastanza stretto e ripido e non protetto da alberi sul lato più scosceso e quando lo si percorre assieme a bambini e ci si trova di fronte 2 moto… beh, la situazione non è sicuramente delle più piacevoli.

Inoltre il sentiero ne risente, inutile negarlo!
Sassi che vengono mossi (col rischio che cadano di sotto e possano far male a qualcuno), buche che vengono aperte o ingrandite, puzza di benzina e rumore assordante.

Ecco, mi basta questo per dire che NO, sui sentieri delle nostre montagne le moto non ci devono andare.
In altre nazioni (Austria in primis) tutto questo non è permesso e addirittura in alcune zone si vieta l’accesso anche alle mountain bike per poter preservare al meglio i sentieri agli escursionisti.

Riflettiamoci un pò tutti insieme, lasciando da parte i preconcetti che ci portiam dietro da sempre e conserviamo almeno i nostri bellissimi sentieri montani.  Almeno quelli!

Festa Birra e Musica di Trescore Balneario 20esima edizione

320522_10150268841516610_266167746609_8079093_8235104_n.jpgGiovedì 23 agosto ritorna uno degli appuntamenti più belli ed irrinunciabili dell’estate bergamasca in musica: la 20esima Festa Birra e Musica di Trescore Balneario.

Per i pochi che ancora non la conoscessero, la festa della Birra e Musica di Trescore è un festival musicale ad ingresso rigorosamente gratuito e contemporaneamente una festa della birra, un festival cresciuto nel corso degli anni grazie al grande impegno dei tantissimi volontari che ogni anno si prestano gratuitamente per la buona riuscita della manifestazione.

Va anche sottolineato che il ricavato della festa verrà anche quest’anno dato in beneficenza, in particolare devoluto a realtà operanti localmente, O.N.G., cooperative sociali e missioni.

Come da tradizione la festa della Birra e Musica si terrà presso il Parco Le Stanze. E come da tradizione oltre alla buona birra ed al buon cibo non mancherà la musica, ma quella che piace tanto ai giovani e che “tira”.

Negli anni il palco di Trescore ha avuto la bravura e l’onore di ospitare artisti come i Negrita, i Negramaro, Piero Pelù, i bravissimi Elio e le Storie Tese, i Subsonica, il grande Francesco Renga, Caparezza, i Verdena, i riuniti Rats.

Il programma di quest’anno è sicuramente all’altezza della sua storia e della sua tradizione, di seguito gli artisti che animeranno le serate della festa:

23 agosto Eiffel 65
24 agosto The bastard sons of Dyoniso
25 agosto Anansi
26 agosto Marco Guazzone e Stag
27 agosto Planet Funk
28 agosto Dolcenera
29 agosto Shandon
30 agosto Area
31 agosto Folkstone
1 settembre 77 Bombay street
2 settembre Michael Jackson tribute

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito internet ufficiale.

La buona cucina sale in vetta, mangiar bene nei rifugi delle Orobie

235982_654281_rifugi_e_s_11785628_medium.jpgL’iniziativa   La buona cucina sale in vetta   vede protagonisti diversi rifugi delle nostre bellissime montagne con appuntamenti che mirano a valorizzare e far conoscere le tante ed ottime tipicità alimentari della tradizione gastronomica bergamasca.

L’iniziativa è in corso già da qualche settimana e continua anche nei mesi di agosto e settembre.
Ogni sabato nei rifugi delle Orobie aderenti all’iniziativa sarà possibile scoprire i sapori e le tradizioni della nostra stupenda gastronomia bergamasca.
E farlo in montagna assume un gusto unico, particolare, proprio perchè spesso i prodotti da degustare arrivano proprio da lì, dalla montagna.
Potersi sedere a tavola ed assaporare un ottimo piatto dopo aver scarpinato per sentieri e boschi… beh, da una soddisfazione tutta particolare!

Il menù di queste prelibate cene è composto da antipasti, primi, secondi, dolce, caffè e un quarto di vino a € 25. Chi vuole può anche prenotare il pernottamente al rifugio, con un costo aggiuntivo.

Di seguito il programma dei prossimi appuntamenti di La buona cucina sale in vetta:

18 AGOSTO
RIFUGIO TAGLIAFERRI

25 AGOSTO
RIFUGIO BARBELLINO
RIFUGIO CALVI

1 SETTEMBRE
RIFUGIO GRASSI
RIFUGIO LAGHI GEMELLI

8 SETTEMBRE
BAITA CARDETO
RIFUGIO VALLE DEL DRAGO

Fuochi d’artificio di Borgo Santa Caterina

259147_682983_A_DSC_7067_12260887_medium.jpgAgosto è anche il mese dei fuochi d’artificio, spettacoli pirotecnici che costellano le serate di tantissimi paesi delle nostre bellissime valli e della pianura.

Ad Agosto si tengono anche i fuochi d’artificio legati ad una delle ricorrenze religiose più importanti e tradizionali della nostra Bergamo: quelli per i festeggiamenti dell’Apparizione della Madonna in Borgo Santa Caterina.

La serata clou dei festeggiamenti religiosi cade il giorno 18 agosto con la processione serale guidata dal nostro vescovo Mons. Francesco Beschi, ma di contorno ci sono anche eventi meno sacri ma non per questo meno “sentiti” dai bergamaschi.

Il 16 agosto è infatti in programma la cena lungo via Santa Caterina mentre la sera successiva, 17 agosto, è in programma il bellissimo spettacolo pirotecnico che ogni anno attira migliaia di bergamaschi per ammirarne la grandiosità e la bellezza.

La festa dell’Apparizione ha una storia plurisecolare: l’evento prodigioso accadde nel lontano 18 agosto del 1602, quando a mezzogiorno una stella apparve in cielo emanando 3 raggi luminosi su un affresco rovinato che stava su di un muro di una casa del borgo.

L’affresco raffigurava la Madonna Addolorata, ed i raggi miracolosi lo ripararono riportandolo alla bellezza originale.

Ulteriori informazioni sul programma della festa si trovano sul sito della parrocchia di Borgo Santa Caterina.

Mercatino di Via Loj a Monasterolo: spettacoli, divertimento e solidarietà

Cecilia.pngConsigliare un evento per il giorno di ferragosto è davvero impresa ardua considerata l’enorme mole di appuntamenti presenti a Bergamo città e nei paesi della provincia, dal lago fino alle valli.

Il consiglio cade comunque su un evento che si tiene nel bellissimo centro storico di Monasterolo del Castello: mi riferisco al famoso Mercatino di Via Loj, che ha il suo momento clou nella giornata del 14 agosto.

Dalle 12 alla mezzanotte il centro storico di Monasterolo si riempie di vita: spettacoli, arte, artigianato, teatro, musica, il tutto in oltre 100 stand vivaci e colorati.

La giornata sarà animata da spettacoli come le parate sui trampoli, giochi di clown, giochi con l’acqua per adulti e bambini, musica dal vivo e in serata il  gran finale: la rievocazione storica della Dama Bianca ed il meraviglioso spettacolo dei fuochi d’artificio.

Il Mercatino di Via Loj non è solo divertimento ma anche solidarietà: il ricavato della giornata verrà donato per finanziare un progetto di solidarietà a Balaka, nel Malawi, dove opera l’associazione A casa di Cecilia.

L’associazione nasce in ricordo di Cecilia, una bimba morta a poco più di 1 anno di età a causa di una meningite fulminante.
I genitori di Cecilia hanno creato l’associazione a lei dedicata e con il supporto dei Missionari Monfortani di Redona puntano allo sviluppo di un centro di aggregazione ed educazione per bambini orfani che già oggi si occupa di oltre 500 bambini.

Ulteriori informazioni sul mercatino le trovate qui, vi lascio anche la pagina dell’Associazione A Casa di Cecilia (che vi consiglio caldamente di visitare).

Caccia alle stelle cadenti a Selvino e a Brembate

stelle-cadenti-notte-di-sal-lorenzo.jpgCosa fare nel week-end che introduce alla settimana di Ferragosto?

Beh, le occasioni sono tantissime tra sagre, feste, iniziative in località di montagna e lago, ma poichè venerdì 10 agosto è San Lorenzo e da tradizione questa giornata coincide con la “caccia” alle stelle cadenti, allora voglio concentrarmi sugli eventi legati alle… stelle!

Il primo è pensato per famiglie e bambini e si tiene in quel di Selvino.
Da qualche anno il 10 agosto a Selvino si festeggia con il naso all’insù passeggiando di parco in parco, tra animazione e balli.

Ai bambini all’iscrizione verranno consegnati alcuni gadget mentre a conclusione della serata ci sarà un bel falò.
Il tutto in compagnia di tanti bambini e tante famiglie, guidate dalla mascotte Berto il Castoro.

Altre iniziative legate agli astri non potevano mancare al Parco Astronomico La Torre del Sole di Brembate Sopra.

Qui gli appuntamenti sono tanti lungo tutto l’arco del mese di Agosto ma in prossimità del 10 agosto ci saranno alcuni eventi molto particolari come la Serata osservativa dedicata alle stelle cadenti (da venerdì 10 a martedì 14 agosto), o lo spettacolo al Planetario  Favole e animali del cielo  che è realizzato appositamente per i bambini.

Week-end col naso all’insù… sperando naturalmente nel bel tempo e in un cielo limpido!!!