Il terremoto avvertito anche a Bergamo

terremoto-modena-mega800-770x412.jpgLa scossa di terremoto di ieri mattina è arrivata fredda, pungente, inattesa. Letale nelle zone dell’epicentro modenese, fortunatamente non nel bergamasco.

Il terremoto sta diventando una costante delle nostre vite e le sta condizionando, più o meno pesantemente.
Trovarsi in una chiesetta del ‘300 per assistere ad una funzione religiosa e pensare costantemente a cosa fare alla prima scossa di terremoto è solo un esempio  e il sottoscritto lo ha vissuto proprio ieri.

Sembrerà eccessivo o paranoico ma il terremoto terrorizza proprio con queste modalità, perchè arriva quando meno te lo aspetti, quando tutto sembra passato e anche in zone, purtroppo va sottolineato, apparentemente non sismiche, come erano fino a poco tempo fa quelle che oggi sono l’epicentro del terremoto.

Anche Bergamo è zona sismica, ricordiamocelo, nei secoli passati un pesante terremoto sconvolte la città e provocò vittime ed il fatto che ad avere i danni più pesanti nel modenese siano soprattutto le costruzioni più antiche (castelli, torri) ci deve far pensare perchè noi abbiamo Città Alta e le mura Venete che potenzialmente oggi sono più a rischio che mai.
Con tutte le persone che dentro e vicino a questi monumenti ci vivono e ci lavorano.

Intanto in Emilia si continua a soffrire a causa degli effetti di questo sciame sismico che sembra originato da una nuova faglia e che oltre ai pesanti danni materiali ha anche portato morte, mietendo diverse vittime sia con gli episodi del 20 che del 29 maggio.

Un pensiero va a tutti coloro che soffrono e oltre il pensiero deve arrivare anche qualche azione, come quella di sostenere economicamente e materialmente la ricostruzione ed il supporto agli sfollati.

E’ nelle difficoltà che si vede il valore e lo spessore della gente e noi italiani, bergamaschi in primis, lo abbiamo sempre dimostrato.

 

 

(foto presa da http://www.giornalettismo.com/wp-content/uploads/2012/05/terremoto-modena-mega800-770×412.jpg)

Palio di Città Alta

358081_77525_medium.jpgSembra ieri quando assistavamo alla primissima edizione del neonato Palio di Città Alta ed ecco che siamo già giunti alla sua terza edizione.

Anche se in passato la pioggia ha visitato gli eventi del Palio di Città Alta, il suo successo è comunque stato buono: tanti turisti, visitatori o semplici curiosi hanno partecipato alle giornate del Palio e si sono divertiti.

Quest’anno il Palio si terrà nel week-end che comincia venerdì 1 giugno e si conclude domenica 3 giugno 2012.

La speranza naturalmente è che il tempo sia clemente e la pioggia non disturbi un avvenimento che anno dopo anno mira ad entrare di diritti in quella ristretta lista di eventi cosiddetti tradizionali.

Musica, divertimento, risate, festa: non mancherà nulla al Palio di Città Alta per far divertire e coinvolgere grandi e piccini.

Diversi gli eventi in programma che si possono trovare direttamente sul sito de l’Eco di Bergamo, naturalmente il clou sarà il classico Palo della Cuccagna che si terrà domenica 3 giugno in Piazza Vecchia.

Incrociamo le dita e speriamo di avere una bella giornata di sole. Il divertimento, quello, è assicurato!

 

 

 

(foto presa da http://webstorage.mediaon.it/media/2012/05/358081_77525_medium.jpg)

Come d’Incanto e Festa del parco dei Colli a Valmarina

come_d_incanto_27-28_05_ardesio.jpgVi segnalo 2 interessanti appuntamenti per questo week-end, uno in media-alta Val Seriana ed uno a ridosso della città.

Il primo è organizzato dalla Pro Loco Ardesio e si tratta del festival degli artisti di strada Come d’Incanto, che si terrà nelle giornate di Sabato 26 e domenica 27 Maggio.

Il festival è alla sua terza edizione e già si è ritagliato un suo spazio molto importante: non solo a livello nazionale, ma anche fuori dai nostri confini nazionali.

La direzione del festival è della Compagnia Teatro Minimo di Ardesio e in questa terza edizione presenta ben 12 spettacoli: magia, clownerie, equilibrismo, musica, giocoleria e mimo animeranno
le strade e le piazze di Ardesio.

Ma anche il cielo di Ardesio!
Come? Beh, sabato 26 maggio alle ore 17:15 il funambolo Andrea Loreni si produrrà ne La Grande Traversata, ovvero una camminata in bilico su un cavo d’acciaio dal Borgo di Balatroni al campanile del Santuario della Madonna delle Grazie.

L’altro appuntamento è la Festa del Parco dei Colli a Valmarina.
Rimandata da domenica scorsa causa maltempo, la festa si tiene presso il monastero di Valmarina, sede del Parco dei Colli, e offre l’opportunità alle famiglie ed ai partecipanti di trascorrere una bella giornata a contatto con la natura.

Si potranno degustare alcuni prodotti tipici del Parco e osservare gli animali allevati nel parco, come equindi, bovini da carne, ovini, caprini.

I bambini potranno partecipare ad alcuni laboratori ideati per loro e divertersi in un ambiente sano e pulito, passando qualche ora a contatto con una natura ancora incontaminata.

Ulteriori informazioni a questo link.

Buon week-end!!!

Street Parade o Rave Party?

Bergamo_street_parade-300x225.jpgNon ci sono dubbi: la Street Parade (o sarebbe meglio chiamarla Rave Party?) che si è tenuta nel week-end scorso ha fatto discutere ed ha sollevato un polverone che la metà bastava.

Da una parte i tanti cittadini, giovani e non, che hanno criticato la manifestazione definendola uno show indegno (uso termini accettabili per non sconfinare nel turpiloquio), dall’altra i difensori di quella che ritengono una degna manifestazione di spirito giovanile.

Tanti anche gli interventi politici, e non poteva essere altrimenti: da una parte il PD che lo ha definito come un (riporto le parole precise) “…bell’evento ha coinvolto migliaia di giovani, con qualche eccesso di troppo”, dall’altra chi invece lo ha criticato come l’assessore Invernizzi.

Vogliamo attenerci ai dati di fatto?

Si è trattato di una manifestazione di giovani che hanno occupato una fetta di città, quella centrale, ballando, divertendosi e bevendo alcool senza badare a limiti, nonostante il divieto di legge di cedere alcool a minorenni.
Qualcuno si è anche spinto oltre danneggiando alcune vetture posteggiate in una delle vie adiacenti alla zona dell’evento, come testimoniato da un commerciante che ha mostrato un video che riprendeva il vandalo durante l’atto del danneggiamento.

Qualcuno si sente in grado di sconfessare questi dati?

Altra considerazione derivante da dati di fatto inconfutabili e sotto gli occhi di tutti: sui luoghi della manifestazione sono stati abbandonati chili e chili di rifiuti, che qualcuno poi (leggasi il Comune di Bergamo) ha avuto l’onere di recuperare per ripulire le strade della città.

Soprassiedo su rumori, schiamazzi, defecazioni e altri censurabili effetti collaterali per concentrarmi sui dati di fatti oggettivi appena citati per lanciare una riflessione: non era proprio possibile gestire meglio la manifestazione e chiedere ai partecipanti di mostrare a tutti quanto maturi e responsabili siano i giovani d’oggi, mantenendo nel limite dell’accettabili almeno la produzione di rifiuti ed il consumo di alcool (la droga la lascio perdere, lì forse è più difficile)?

A mio avviso è accettabile che un giovane decida cosa è meglio e peggio per sè stesso e si diverta come pensa sia più consono per sè, ma va posta attenzione al fatto che il suo divertimento non deve andare a ledere il diritto alla tranquillità ed alla sicurezza altrui.

In tutta sincerità divertirsi con il semplice sballo, facendosi oggettivamente del male con abusi di alcool e droga e sporcando luoghi pubblici e comuni come le strade non mi sembra una grande dimostrazione di intelligenza, maturità e libertà.
Non sono vecchio e mi è sempre piaciuto divertirmi e mi piace tuttora ma certi limiti non mi sembra poi così obbligatorio oltrepassarli, ci si può divertire in compagnia anche senza andare oltre alcuni limiti dettati dal buon senso e dalla capacità di vivere in una comunità (nolenti o volenti, si vive assieme ad altre persone).

Secondo me quello che si è sbagliato è stato l’approccio a questa Street Parade (o Rave Party), perchè non andava fatto in città ma in un’area a minor impatto “ambientale” e sociale, farlo in centro città vuol dire solo andarsi a cercar rogne. Anche questo mi sembra un dato di fatto inconfutabile.

Lascio ad altri i risvolti moralistici dietro i vari abusi visti e segnalati da chi quella sera era fisicamente presente, e non si tratta solo di “anziani” ma anche di tanti ragazzi che pur partecipando alla festa si son sentiti a disagio perchè consci del fatto che si stava andando oltre, oltre i limiti del buon senso.

L’augurio è che si possa riscoprire un modo più sano per divertirsi magari coinvolgendo gli altri, anche quelli più scettici, perchè lo sballo fine a sè stesso non porta a nulla se non al deprezzamento di sè stessi, del proprio valore, delle proprie energie e potenzialità, della bellezza insita in ciascuno di noi.

Vi sembra così difficile?

 

 

(foto presa da http://www.bergamosera.com/cms/wp-content/uploads/2012/05/Bergamo_street_parade-300×225.jpg)

Bergamondo: il mondiale delle comunità di immigrati in bergamasca

232081_649238_DSC_9116_9_11711194_medium.jpgTra poco meno di un mese prenderanno il via gli Europei di Calcio, ma nella nostra provincia c’è un altro appuntamento calcistico di respiro internazionale che è ai nastri di partenza: si tratta di Bergamondo.

Domenica 20 maggio prende il via infatti la 6a edizione del Torneo Bergamondo – Trofeo L’Eco di Bergamo, un vero e proprio mondialito nel quale si scontrano le diverse comunità di immigrati che abitano bella provincia di Bergamo.

Bergamondo ha conquistato negli anni sempre maggior spazio e visibilità ed anche quest’anno è promosso da L’Eco di Bergamo con il supporto del CSI (Centro Sportivo Italiano) e di Credito Bergamasco.

Quest’anno sono ben 20 le nazionali che prenderanno il via nel torneo, in rappresentanza di 3 continenti: dalle africane (Senegal, Tunisia, Costa d’Avorio, ecc…) all’America Latina (Argentina, Brasile, Bolivia, ecc…) all’Europa (Moldovia, Ucraina, Romania, ecc…).

Una occasione per vedere del bel calcio ma soprattutto per fare gruppo, per fare integrazione, per ammirare colori e tifo di nazioni lontane geograficamente da noi ma oramai presenti nella nostra società, seppure con alcuni problemi a livello di integrazione sociale e culturale.

Chi si aggiudicherà quest’anno il torneo?
Siamo ai nastri di partenza, auguriamoci che tutto vada per il meglio e che spettacolo, divertimento e comunione la facciano da padrone.

Festival Danza Estate 2012

1038.jpgComincia proprio venerdì 18 maggio Festival Danza Estate 2012, giunto alla sua 24esima edizione.

Festival Danza Estate è il prestigioso festival di danza contemporanea organizzato dal CSC Anymore di Bergamo, e dal 18 maggio durerà fino al 30 giugno prossimo.

Sede principale del festival è il Teatro Sociale di Bergamo Alta, recentemente ristrutturato e riportati a fasti consoni alla sua bellezza.

L’arte della danza è una giusta e corretta abitante di questo bel teatro, ma altre sedi saranno anche il CSC Anymore di Bergamo e la piazza 13 Martiri di Lovere.

Ben 9 le serate in calendario del festival: 3 di queste saranno addirittura in prima nazionale, giusto per sottolinearne l’importanza e la valenza non solo a livello locale ma anche nazionale.

Il festival sarà animato dalla danza classica ma ci si spingerà anche alla danza contemporanea, a quella acrobatica e quella di ricerca, perchè l’obiettivo è quello di rappresentare una figura a tutto tondo di questa nobile arte.

Ulteriori informazioni sono reperibile contattando CSC Anymore.

Come d’incanto, Festival degli Artisti di Strada ad Ardesio

236393_654948_BILICO_TEA_11794949_medium.jpgL’ultimo week-end di Maggio, quello di sabato 26 e domenica 27, è da non perdere: c’è infatti un grande appuntamento in alta val Seriana, per la precisione ad Ardesio.

Qui la Pro Loco Ardesio organizza infatti la Terza edizione di Come d’incanto, il Festival degli Artisti di Strada che in solo 2 anni ha già raggiunto un vasto consenso ed una partecipazione di artisti e di pubblico di grande livello.

Come d’incanto è stato promosso dalla Pro Loco del paese con la direzione artistica della Compagnia Teatro Minimo di Ardesio.

Come d’Incanto è una grande attrazione soprattutto per le famiglie ed i bambini grazie ai suoi spettacoli ed al divertimento che genera.

In questa terza edizione i visitatori potranno ammirare ben 12 eventi, alcuni dei quali proposti da artisti di fama internazionale: clownerie, giocoleria, equilibrismo, magia, musica, mimo… il tutto incastonato nella splendida cornice delle strade e delle piazze Ardesio.

Tanti gli spettacoli, come già anticipato, ma di sicuro interesse sarà il numero proposto dal funambolo Andrea Loreni nella giornata di sabato 26 maggio alle ore 17:15.
Loreni si cimenterà ne La Grande Traversata, ovvero attraverserà il cielo di Ardesio su una fune d’acciaio tesa dal Borgo di Balatroni al campanile del Santuario della Madonna delle Grazie.

Loreni è detentore del record italiano di camminata in bilico su un cavo, quindi… tutti col naso all’insù!!!

In caso di maltempo, è prevista un’alternativa al coperto.

Ulteriori dettagli visitando il sito della ProLoco di Ardesio o mandando una email a info@prolocoardesio.it

 

 

(foto presa da http://webstorage.mediaon.it/media/2011/05/236393_654948_BILICO_TEA_11794949_medium.jpg)

La spending review a Bergamo: voi cosa segnalate???

Spending-review-Italia-dove-e-come-si-puo-tagliare.jpgDa diversi giorni si sente sempre più spesso citare un termine inglese nei vari TG nazionali: spending review.

Il termine lettarlmente significa revisione della spesa, detto in parole povere è la ricerca degli sprechi, dei soldi spesi male, dei cosiddetti malaffare.

La spending review è uno strumento che lo Stato ha messo a disposizione di noi cittadini: sul sito del Governo si possono infatti segnalare tutte quelle anomalie di spesa – e i veri e propri sprechi! – che quotidianamente vediamo e che vorremmo venissero eliminati, in nome di una modalità di spesa più giusta ed equa.

Se penso alla nostra Bergamo a me di spesa da segnalare ne viene in mente subito una: il nuovo Ospedale.

I soldi arrivano dalla Regione ma sempre soldi nostri sono, e tutti sappiamo come stanno andando le cose: l’Ospedale invecchia ancor prima che venga inaugurato tra diversi problemi strutturali e di progettazione, ed intanto i costi lievitano, lievitano, lievitano…

Scendendo nel quotidiano ed in questioni meno gigantesche mi viene in mente un’altra fonte di risparmio (di tempo e di soldi): dovendomi recare in Motorizzazione Civile per rifare la patente avevo telefonato per ricevere la lista di documenti da preparare.
Ebbene, non c’è stato verso di averla via telefono o dal loro sito web: mi son dovuto recare personalmente presso gli uffici della Motorizzazione Civile di Bergamo, farmi 40 minuti di coda solo per ritirare un foglio A4 con la lista dei documenti e quindi rifarmi nuovamente la coda 2 giorni dopo in fase di consegna dei documenti compilati.

Ma com’è possibile che non si utilizzi, nel 2012, il sito web per rendere disponibili e maggiormente fruibili questi documenti e queste procedure?

E voi, avete altre anomalie di spesa da segnalare?

 

 

(foto presa da http://businesspeople.it/var/ezwebin_site/storage/images/business/economia/spending-review-italia-dove-e-come-si-puo-tagliare_33210/357893-1-ita-IT/Spending-review-Italia-dove-e-come-si-puo-tagliare.jpg)

Specchiati nei laghi, alla scoperta delle bellezze nostrane

altosebinoGRprova.jpgTorna anche quest’anno l’evento Specchiati nei laghi, la 2 giorni di apertura al pubblico (definiamola così…) dei 38 comuni bergamaschi sui laghi che aderiscono a questa iniziativa.

Dopo il successo delle scorse edizioni, anche quest’anno si punta a far conoscere le bellezze naturali ed artistiche dei comuni bergamaschi che si affacciano sui laghi: natura, monumenti, ma anche itinerari artistici e naturali, i sapori della buona cucina locale unita alle tradizioni, e poi anche i mestieri di una volta che si sono, ahimè, spesso persi nella nebbia dei tempi…

Specchiati nei laghi occupa i 2 giorni del week-end, sabato 12 e domenica 13 (e speriamo che il tempo regga…).

Abitiamo, viviamo, lavoriamo a poca distanza da bellezze naturali ed artistiche di cui spesso non ci rendiamo nemmeno conto, non per ignoranza nostra ma perchè forse diamo tutto per scontato.

Ecco, Specchiati nei laghi vuole proprio alzare il velo sulle tantissime bellezze che ci circondano, far conoscere angoli e storie che a volte non conosciamo perchè poco sponsorizzate o perchè siamo presi dalla vita frenetica di tutti i giorni.

Abbiamo la fortuna di abitare in un territorio ricco di bellezze… allora è giunto il momento di prendere l’occasione di andare a visitarle, conoscerle ed apprezzarle.

Nei comuni aderenti all’evento verranno organizzati diversi eventi, si potrà alloggiare e mangiare in hotel aderenti all’iniziativa, degustare piatti preparati con grande sapienza e maestria.
E ad animare queste attività saranno proprio gli abitanti dei paesi e dei borghi aderenti, quindi c’è da aspettarsi il massimo dell’impegno.

Per ulteriori dettagli consiglio di visitare il sito   http://www.specchiatineilaghi.it/home/index.php
  o di inviare una email all’indirizzo  info@specchiatineilaghi.it

Tutti in sella con Felice Gimondi

17.Felice-Gimondi-2012.jpgIl Giro d’Italia è appena partito, anche se le prime tappe si corrono non in Italia ma all’estero (ma che senso ha questa cosa??? A me sembra una emerita cavolata! N.d.R.), e a Bergamo – guarda caso – ci si appresta a vivere una intensa domenica di pedalate d’eccellenza con una gara che è già un classico nella nostra provincia: sto parlando della 17esima edizione della FELICE GIMONDI.

Una gara ciclistica che da anni da lustro alla nostra città e alla nostra provincia e che quest’anno si tiene nella giornata della festa della mamma, domenica 13 maggio.

La gara è organizzata dalla G.M.S. – Associazione Sportiva Dilettantistica – con il beneplacito dell’Unione Ciclistica Internazionale e della Federazione Ciclistica Italiana.
Una gara di tutto rispetto, come si diceva, perchè è inserita nei calendari Internazionali sia della U.C.I. che della F.C.I..

La Felice Gimondi edizione 2012 partirà da Bergamo e si snoderà su di un percorso che toccherà il bellissimo Colle dei Pasta ad Albano Sant’Alessandro, si dirigerà verso Casazza e quindi su per la salita della Valle Rossa, dopo Bianzano, e poi via per la Val Seriana toccando tra gli altri i paesi di Cene, Albino e Nembro per poi puntare in direzione Selvino, per poi percorrere la Val Brembana con la testa in direzione di Bergamo, dove è situato il traguardo finale.
Questo è il percorso breve di circa 100km.

Il percorso Medio Fondo si allunga in Val Brembana perchè invece di puntare su Bergamo città andrà a girare in direzione di San Pellegrino, San Giovanni Bianco, e poi in direzione Brembilla e giù per finire ancora in città.
Qui il totale del percorso sarà di 141,2km.

Una bella pedalata su di un tracciato niente male caratterizzato da alcune salite impegnative, come è giusto che sia quando si pedala in bergamasca, terra di montagne e di salite.

Ulteriori informazioni sul sito ufficiale della gran fondo Felice Gimondi.

(foto presa da http://www.felicegimondi.it/17.Felice-Gimondi-2012.jpg)