L’Ora della Terra: luci spente per 1 ora per salvare la Terra

1158161-wwf.jpgL’appuntamento che segnalo per questo week-end è molto particolare perchè non si tratta nè di una fiera, nè di un concerto e tantomeno di qualche manifestazione di piazza.

Si tratta invece de L’Ora della Terra, il più grande evento globale del WWF che torna quest’anno nella giornata di sabato 31 Marzo.

Tantissimi i partecipanti: enti, Comuni, monumenti, piazze, aziende, privati, singole abitazioni e gruppi, grandi e piccini, tutti uniti nella consapevolezza che la nostra società abbia bisogno sempre più di un cambiamento.

L’Ora della Terra invita a spegnere le luci per 1 ora come gesto simbolico contro i cambiamenti climatici che purtroppo stanno sconvolgendo il nostro pianeta, ma anche come gesto concreto di impegno a virare sulla strada della sostenibilità.

L’appuntamento è per sabato 31 marzo 2012 dalle ore 20:30 alle ore 21:30.
Spegniamo tutti insieme per 1 ora tutte le luci di casa, stiamo insieme gustando questa esperienza diversa, dialogando, ridendo, stringendoci forte, pensando alla bellezza poetica del gesto che stiamo facendo.

E che poi dovremo impegnarci a vivere nel concreto ogni singolo giorno della nostra vita.

Ulteriori informazioni sul sito del WWF.

Il cromo nel terreno del futuro campus scolastico di Treviolo

132617_501372_campus_3_9128075_medium.jpgChe schifezza!
Mi sembra questo il commento più appropriato quando si pensa a quanto successo nel cantiere del nuovo complesso scolastico di Treviolo, attualmente in costruzione.

Sono stati infatti trovati ben 75 microgrammi di cromo per litro, che in effetti possono sembrare pochi ma se si pensa che il limite consentito è di 50 allora si capisce che si è sforato del 50% sul consentito.

Il cromo esavalente ha effetti tossici e cancerogeni molto forti, grazie ad una sua componente molto aggressiva nei confronti del sistema biologico: ecco perchè l’averlo individuato nel terreno di un complesso scolastico in costruzione fa parecchio male.

Ma come ha fatto ad arrivare lì questo benedetto/maledetto cromo?

Beh, stando alle indagini potrebbe esserci arrivato essendo presente all’interno del materiale di riempimento che è stato portato fin lì dall’impresa Locatelli di Grumello del Monte, quella già indagata per i fattacci relativi ai cantieri della Brebemi.

Fortunatamente il cromo è stato individuato in un’area ben precisa e non impatta tutto il cantiere del futuro campus ma certo questa scoperta getta una luce spaventosa sull’intero cantiere: come potranno stare tranquilli i genitori che dovranno far frequentare ai propri figli il futuro campus scolastico di Treviolo?
Quali e quante assicurazioni e misure di depurazione serviranno per poter mettere in sicurezza l’intera area?

E poi: il cromo avrà inquinato anche la falda acquifera della zona? Con quali impatti sulla popolazione e sulle colture adiacenti?

Davvero una situazione schifosa a dir poco, perchè questo traffico di rifiuti illeciti è una cosa che lascia sbigottiti, sconcertati e parecchio arrabbiati.

La parola adesso passa ai giudici che stanno lavorando sull’inchiesta in corso e naturalmente tutto il comune di Treviolo seguirà l’indagine con molto apprensione e partecipazione: ne va non solo della costruzione di un campus progettato alla grande, ma soprattutto della salute di chi lo frequenterà, ovvero di tutti i bambini ed i ragazzi del comune.

Vi sembra poco?

(foto presa da http://webstorage.mediaon.it/media/2010/04/132617_501372_campus_3_9128075_medium.jpg)

Super Atalanta: la salvezza è cosa fatta

9631.jpgOramai si può dire che l’Atalanta è praticamente salva: il successo nella partita di mezzogiorno di domenica 25 marzo segna con buona certezza il raggiungimento dell’obiettivo di inizio campionato.

Quella col Bologna è stata una partita super: 11 leoni in campo nonostante le diverse defezioni – su tutte l’attacco orfano del duo Denis-Marilungo – ed una prestazione da incorniciare grazie alla saggia conduzione di mister Colantuono.

E’ bello il fatto che a segnare i 2 gol siano stati proprio i sostituti di Denis e Marilungo: Gabbiadini finalmente ha giocato in scioltezza mettendosi in luce per tutta la partita e segnando il suo primo gol in Serie A, mentre il Tir si dimostra sempre utilissimo quando viene chiamato in causa.

Bravi a tutti i giocatori in campo perchè il Bologna è una squadra tutt’altro che semplice da affrontare: ha un trio d’attacco che vanta pochi eguali in tutta la serie A ed in generale la squadra bolognese ha quest’anno creato più di un problema anche a squadra di alta classifica.

Eppure contro questa Atalanta sembra ci sia poco da fare. Se in campo vanno determinati, i nerazzurri trovano pochi problemi a fare la partita ed a portarla in porto.
Oggi è sembrato di rivedere l’Atalanta di inizio campionato quando i 6 punti di penalizzazione vennero annullati in poche domeniche.

Bravi tutti a reagire alle tante avversità extra-calcistiche di quest’anno, bravo a Colantuono per aver costruito un gruppo solido e deciso, bravo al pubblico che quest’anno sembra ha sempre supportato la squadra anche quando sono sorti dei problemi con i risultati.

Una stagione davvero da incorniciare, ora servirà mantenere alta la tensione ancora per qualche partita.

Giornata Fai di Primavera a Bergamo e provincia

baresi21.jpgPrimo week-end di primavera dedicato alle bellezze della nostra società, grazie alla bellissima iniziativa della Giornata Fai di Primavera.

Scopo della giornata, che si tiene sabato 24 e domenica 25 marzo, è quello di avvicinare, anzi in tantissimi casi quello di far scoprire (o riscoprire) ai cittadini le bellezze che hanno “in casa” e che magari non conoscono, o conoscono appena.

Anche Bergamo sarà parte di questo interessante evento con la visita al Palazzo della Libertà ed al Palazzo delle Poste, in città.
In provincia sarà possibile recarsi in quel di Martinengo per visitare il bel Convento di Santa Maria Incoronata, l’ex Monastero di Santa Chiara, il Filandone, il Giardino di Villa Allegreni, mentre in quel di Roncobello sarà visitabile lo storico Mulino di Baresi.

Tante bellezze diverse fra loro ma con un comune denominatore: la bellezza, appunto, che sia storica, architettonica, artistica o naturale poca differenza fa, l’importante è farsì che i bergamaschi prendano coscienza di quali e tali bellezze li circondano, a volte magari a pochissimi passi da casa propria.

In tutta Italia sono ben 670 i beni e le opere d’arte che parteciperanno a questo evento, per un totale di qualcosa come 256 località.
Nella lista si trova un campionario rappresentativo delle bellezze del nostro paese (non per niente soprannominato Bel Paese): musei, teatri, chiese, ville, palazzi, castelli, e tanti altri luoghi e posti ancora, che sabato 24 e domenica 25 si animeranno grazie alla visita di milioni di italiani (e anche qualche straniero).

Un ringraziamento dovuto va al FAI, grazie al quale possiamo ogni anno “ricordarci” di quanto sia bello il nostro paese e quindi quanto importante sia spenderci del tempo e delle risorse per continuare a mantenerlo bello, affinchè lo si continui a chiamare Bel Paese.

Maurizio Crozza al Creberg Teatro di Bergamo

crozza-maurizio.jpgGrandissimo appuntamento al Creberg Teatro di Bergamo per i prossimi 22 e 23 marzo: arriva infatti sul palco del nostro teatro cittadino il bravissimo Maurizio Crozza con lo spettacolo Giro d’Italialand.

E’ un graditissimo ospite il genovese Maurizio Crozza e per tantissimi un appuntamento settimanale immancabile col suo pezzo di apertura di Ballarò, durante il quale si diverte ad evidenziare e spesso a bastonare le storture tipiche della nostra bistrattata società.

L’inizio degli spettacoli è per le ore 21:00 e l’obiettivo è quello di passare una serata diversa, in compagnia di un simpatico dissacratore che, va detto, quando c’è da mettere in evidenza le piaghe della nostra società non ci va tanto per il sottile.

Giro d’Italialand è uno spettacolo tutto suo, scritto direttamente da Crozza col suo team di redattori e anche questo fatto rende lo show molto diretto, molto sentito, un momento durante il quale il comico (ma è ancora corretto definirlo così?) mette in scena tutta la sua dissacrante ironia e la sua grande capacità di far risaltare i malesseri e le bruttezze nostrane.

I biglietti vanno da 23,38 a 44 € e possono essere acquistati direttamente presso la biglietteria del teatro Creberg di Bergamo.

Buon divertimento!

Albinoleffe: è davvero finita?

albinoleffe.jpgE’ finita?
Matematicamente no, mancano tante partite alla fine del campionato e ogni risultato è ancora possibile, può davvero succedere di tutto ed il calcio ci ha abituato a finali di torneo a sorpresa.

Se invece si analizza la situazione con occhio critico e distaccato ci sono pochissime ancora di salvezza alle quali attaccarsi: il nostro amato Albinoleffe sembra oramai destinato alla retrocessione in LegaPro.

I segnali si sono evidenziati a ripetizione durante tutto lo svolgimento del campionato: partite gettate al vento, prestazioni troppo scarse per essere vere, non ultima la disarmante e sconcertante sconfitta subita sabato 17 marzo in casa con il Sassuolo.

E’ vero che di fronte c’era una squadra di tutto rispetto, una formazione difficile da battere, ma è anche vero che quando ti trovi in vantaggio di 2 reti e con un rigore a favore da battere e poi finisci per perdere 3-2… allora cominci a pensare che sia più di un segno.  Che dietro ci sia qualcosa, che il fato ti abbia definitivamente (o quasi) voltato le spalle.

Sarà dura risollevarsi da questa sconfitta, sarà molto difficile chiedere alla squadra l’impegno e la grinta necessari per risollevare le sorti di una stagione negativa.

Riuscità Mister Salvioni ad imprimere quella svolta che stiamo aspettando da inizio campionato? Riusciremo a vedere i seriani ancora in serie B il prossimo anno?

Rivolgendo un pensiero anche alla vicenda calcioscommesse, tutto ciò ci fa vedere solo grigio e a questo punto le chance di poter disputare il prossimo anno l’ennesimo campionato nella cadetteria italiana si assottigliano sempre più.

Speriamo solo in uno scatto d’orgoglio del team seriano, nella voglia dei ragazzi di vender cara la pelle tutte le partite, fino al 90erimo e oltre, per arrivare a fine anno e poter dire di avercela comunque messa tutta.

Tocc insema so i coi de Berghem

213915_625500_GVF_3192_11298033_medium.jpgE’ diventata negli anni una tradizione per la nostra città: si tratta della camminata non competitiva organizzata dall’AgeSC – Associazione Genitori Scuole Cattoliche di Bergamo – sui colli di Bergamo.

Da qui il nome Tocc insema so i coi de Berghem, perchè l’obiettivo è quello di riunirsi e camminare per le belle strade della nostra città, in compagnia ammirando la bellezza che ci circonda.

Una camminata aperta a grandi e piccini, pensata e realizzata per le famiglie bergamasche, su percorsi di 6, 12 e 18 chilometri.

La corsa si svolge domenica 18 marzo con partenza fissata all’Istituto delle Suore Orsoline di Somasca di via Broseta 138.

Prima della partenza ci saranno il saluto e la benedizione del vescovo monsignor Francesco Beschi, poi il via della camminata, tutti insieme in allegria.

Le previsioni atmosferiche dovrebbero essere ancora buone e quindi è lecito aspettarsi un buon riscontro in termini di adesioni: chi deciderà di partecipare dovrà versare una quota che verrà poi destinata ad iniziative e progetti dedicati alle scuole cattoliche.

Buona camminata a tutti/e!

La sfilata di mezza quaresima manda al rogo la classe politica

Anche in piena Quaresima è lecito festeggiare, a Bergamo.

Domenica 18 marzo in centro città ce ne sarà l’esempio pratico di quanto appena scritto: domenica è infatti la giornata della cosiddetta Sfilata di mezza quaresima con il tradizionale rogo della vecchia denominato ol rasgamènt de la ègia.

Carri allegorici e maschere animeranno le vie del centro, partendo dalla stazione ferroviaria, fino a giungere in piazza Pontida dove, nel tardo pomeriggio, avverrà il tradizionale rogo che ogni anno si porta via con sè le storture e le brutture incontrate durante i precedenti 12 mesi.
Quest’anno il tema scelto è quello degli sprechi e dei privilegi dei politici italiani, bergamaschi inclusi.

La sfilata di mezza quaresima quest’anno è riuscita, in verità, a far parlare di sè con qualche settimana di anticipo.
Il tutto per via di una mini-polemica nata dalla decisione del gruppo organizzatore, il Ducato di Piazza Pontida, di escludere dalla sfilata i colorati carri boliviani.

Motivo? La scarsa tendenza ad osservare il regolamento della manifestazione, causando rallentamenti e ritardi all’intera Sfilata di carri allegorici. Fortunatamente nelle ultime ore il tutto sembra essere rientrato e quindi anche quest’anno vedremo partecipare i coloratissimi ed animatissimi carri sudamericani.

Con, c’è da scommettere, una ferrea osservanza ai tempi imposti dagli organizzatori.

Lilliput Il Villaggio Creativo: la fiera dei bambini

image_previewAncora pochi giorni separano migliaia di bambini dall’arrivo di una delle più belle fiere a loro dedicata nell’intero arco dell’anno scolastico: sto parlando di Lilliput – Il Villaggio Creativo – la manifestazione progettata e gestita dall’Ente Fiera Promoberg presso i padiglioni della Fiera di Bergamo.

Lilliput Il Villaggio Creativo è una vera e propria festa lunga 4 giorni dedicata al mondo dei bambini d’età dai 3 ai 12 anni circa: giochi, sport, spettacoli teatrali, divertimento, laboratori didattici, laboratori ludici, momenti di incontro e riflessioni, approfondimenti culturali e formativi, questo e tanto altro ancora è Lilliput.

Attori veri e propri della manifestazione sono i bambibi: tutte le attività e tutti i momenti di Lilliput sono pensati e realizzati appositamente per loro da enti ed aziende che intervengono ad arricchire il tabellone dell’evento.

Si possono conoscere e praticare sport fin lì mai approcciati, conoscere realtà locali e di fuori provincia, sviluppare legami, stringere amicizie, sperimentare e soprattutto crescere attraverso il gioco.

Le attività sono suddivise essenzialmente in 4 macro-aree: area laboratoriale-didattica, ludico-sportiva, teatrale e ricreativa.

A Lilliput ci si può recare o con la propria classe, oppure con la propria famiglia. Quello che non deve mancare in entrambi i casi è la voglia di divertirsi e di conoscere.

Ulteriori informazioni si possono trovare sui seguenti siti internet:
www.promoberg.it
www.villaggiolilliput.it

Cioccolandiadue e Minitalia: golosità e divertimento

fantasyW01.jpgNel week-end che ci avviamo a vivere non mancano gli appuntamenti golosi (anche in senso letterale) sia per i grandi che per i bambini.

Per restare in tema di golosità segnalo la 2 giorni di Cioccolandiadue che si tiene in quel di Ponte San Pietro nelle giornate di sabato 10 e domenica 11 marzo.

Cioccolandiadue è una 2 giorni dedicata al cioccolato: il dolce per eccellenza sarà a disposizione di tutti gli “appassionati” per essere gustato in tantissime sue espressioni, per la gioia sia dei grandi che dei piccini.

Durante la manifestazione ci sarà anche un tentativo per entrare nel Guinness dei Primati; verrà infatti tentato il record del panino più lungo del mondo, i metri da superare sono 100.

Un panino lungo un ponte, questo il nome dell’evento, si terrà sul ponte vecchio e… chissà che non si riesca davvero ad entrare nel Guinness!

Altro imperdibile appuntamento, per la gioia di tanti bambini e delle loro famiglie, è l’apertura di Minitalia Leolandia.
Il parco divertimenti di Capriate San Gervasio riapre i battenti e lo fa presentando anche qualche bella novità: l’attrazione acquatica Mediterranea, PiratinGioco e 44xTUTTI.

Quest’ultima è una offerta rivolta alle famiglie, le quali con 44 euro potranno acquistare l’ingresso al parco per un week-end con pernottamento presso uno degli hotel o dei B&B convenzionati.

Le condizioni climatiche dovrebbero aiutare l’afflusso al parco visto che per i 2 giorni del week-end le previsioni sono di tempo bello: prepariamoci a godere questo anticipo di primavera.