Giovani Card: promozioni e sconti per giovani e ragazzi bergamaschi

Image.jpgLa Giovani Card si rilancia e si rinnova ampliando la propria portata e presentandosi con una veste grafica nuova: nuova forma e contenuti sempre più interessanti.

La Giovani Card è la card riservata ai giovani tra i 15 ed i 25 anni di 37 comuni della nostra provincia (compresa Bergamo città) che permette ai sottoscrittori di usufruire di innumerevoli sconti e promozioni in diversi esercizi commerciali della bergamasca, ma non solo.

I giovani possessori della Giovani Card possono infatti avere sconti per fare attività sportive, per accedere ad eventi culturali, per effettuare viaggi, per andare in alcuni parchi-divertimento o gallerie d’arte.
Aderiscono all’iniziativa infatti diversi esercenti di teatri, di parchi di divertimento, di stazioni sciistiche, dove i ragazzi potranno utilizzare la card per avere sconti o utilizzare promozioni interessanti: Minitalia, Colere Ski e Canevaworld sono solo alcuni di questi esercizi.

La card ha una durata annuale e l’obiettivo è quello di dimostrare in modo pratico una particolare attenzione verso i bisogni dei ragazzi e dei giovani che la riceveranno a casa.

Si stima che saranno quai 50mila i ragazzi coinvolti nel progetto, con circa 200 esercenti che hanno aderito al progetto e 35 convenzioni stipulate.
Numeri di tutto rispetto che danno una idea di quale sia la portata di questo bellissimo progetto.

Anche il sito internet www.giovanicard.it si è rifatto il look ed ha aggiunto alcune funzionalità che permettono ai ragazzi di migliorare la loro visita al sito e la gestione dei loro interessi.

Dal sito si possono stampare le offerte e le promozioni in essere, e personalizzare le proprie aree di interesse grazie alle quali ricevere informazioni mirate.

Ulteriori informazioni si possono trovare sul sito www.giovanicard.it.

 

 

foto presa da http://www.comune.villadalme.bg.it/files/news/98/Image.jpg

FoppaPedretti e palazzetto: ancora problemi

Norda%20Foppapedretti%20Bergamo%2026%20marzo.JPGSu questo blog ho già scritto in più riprese dei successi strepitosi della nostra FoppaPedretti, la meravigliosa squadra di pallavolo femminile che da 2 decenni a questa parte miete successi a ripetizione sui campi nazionali ed internazionali.

Ultimo successo in ordine cronologico quello contro Villa Cortese che è valso alle rossoblu la Supercoppa italiana, una vittoria emozionante, sofferta, bellissima.

Purtroppo però tutti questi successi non sono stati finora sufficienti alla FoppaPedretti ed a noi bergamaschi per ottenere – finalmente – la realizzazione di un palazzetto dello sport che si possa definire tale: moderno, confortevole, comodo da raggiungere e bello da vivere.

Ultima disputa in ordine temporale è quella relativa a 200 posti che potevano valere l’addio della squadra rossoblù verso i lidi bresciani del PalaGeorge di Montichiari, dove giocare i playoff.
Ma ve la immaginate l’Atalanta che emigra a Brescia per giocare le proprie partite di campionato???

Purtroppo la situazione generale relativa alla costruzione del nuovo palazzetto è cronica poichè dura da diversi anni e sembra essere diventata una questione di principio sulla quale le parti in causa – Comune di Bergamo e la società rossoblù – non riescono a trovare un accordo.

A rimetterci alla fine sono soprattutto i tantissimi amanti di questo bellissimo sport e tifosi di questa strepitosa squadra di ragazze che offrono ad ogni partita prestazioni sportive ed agonistiche di livelli eccelsi.

Come è possibile che non si riesca a reperire le risorse, ad individuare un area ed a realizzare un progetto tanto richiesto e tanto attesa che andrebbe a motivare ancor più l’intero movimento pallavolistico bergamasco?
Ma ve lo immaginate che bello sarebbe vedere tante famiglie recarsi ad assistere alle partite della Foppa in una struttura moderna e funzionale che permetta non solo di partecipare alle gare delle atlete rossoblù ma magari anche di trascorrere l’intera giornata visitanto il museo della Foppa dove sono visibili i tanti troferi conquistati, acquistare dei gadgets e pranzare in un ristorante marchiato “Foppa”, magari a poca distanza dalle ragazze della Foppa?

Un sogno ad occhi aperti, lo so, e purtroppo mi devo risvegliare perchè fino a pochi giorni fa eravamo ancora ancorati su 200 posti a sedere da costruirsi in tempi ristretti nell’attuale palazzetto pena la perdita dei playoff.

Una situazione pazzesca e poco stimolante per un pubblico, quello bergamasco, e per una squadra ed una società, la Foppapedretti, che meriterebbero ben altri palcoscenici.
Come quello di Montichiari…

Montagne Magiche, appuntamento sugli sci per bambini e famiglie

vacanze-montagna-austria.jpgUltimo appuntamento questo week-end per Montagne Magiche, la manifestazione dedicata a famiglie e bambini che ha avuto come scenario le nostre splendire Orobie.

Montagne Magiche ha avuto il patrocinio di Rai Yo Yo ed è stata fortemente voluta dall’assessorato al Turismo della Provincia di Bergamo.

Ma di cosa si tratta esattamente?

Montagne Magiche è partita il 15 gennaio scorso e andrà a concludersi proprio il 26 febbraio dopo aver toccato alcune località bellissime delle nostre montagne.
E’ una iniziativa culturale pensata per i bambini ed i loro genitori con spettacoli, laboratori, ricca animazione in alcuni dei luoghi più belli e pittoreschi delle valli orobiche.

Dopo Presolana, Colere, Valtorta, Foppolo, Lizzola tocca adesso agli splendidi Spiazzi di Gromo chiudere in bellezza lo scenario di questa manifestazione alla sua prima edizione.

Giochi, spettacoli ed animazione sono state gestite da Ray Yo Yo in collaborazione con il bravo ed inossidabile Oreste Castagna, andando a coinvolgere i presenti in attivà ludiche e non solo su temi inerenti alla montagna.

Spazio anche allo sport, in questo caso non poteva che essere lo sci, perchè di fondo vi è la volontà di promuovere la conoscenza e la riscoperta di luoghi montani dove praticare uno sport bellissimo in sicurezza e con tanta passione e divertimento.

Una esperienza che magari vedremo ripetuta il prossimo anno, per la gioia di bambini e dei loro genitori.

Il Corriere della Sera di Bergamo

corriere-bergamo.jpgAnche il Corriere della Sera è arrivato a Bergamo!

Come, non ve ne siete ancora accorti?

Ma certo: il quotidiano italiano numero 1 per diffusione e vendite ha infatti aperto i battenti anche nella nostra città arrivando a creare un cosiddetto “dorso” con notizie della nostra città e della nostra provincia.

Da inizio febbraio 2012 Bergamo acquista quindi uno spazio ed una visibilità di tutto rilievo andando a piazzarsi all’interno dell’edizione locale del Corriere della Sera.

Direttore del dorso bergamasco è Fabio Finazzi, e c’è da giurare che sarà seguito a dovere dai tanti lettori bergamaschi del Corriere: pendolari che lo leggono in treno, ma anche persone comuni e tanti locali come bar e ristoranti.

Alla versione cartacea, come vogliono i tempi moderni, si affiancherà anche l’immancabile versione online, perchè oggi con smartphone, tablet e PC le notizie viaggiano più veloci sul web.

Diverrà una copia del più famoso Eco di Bergamo?
Io penso che non sia questa l’intenzione e la missione del dorso, quanto piuttosto quella di ritagliarsi un suo spazio tra un pubblico che cerca una nuova voce alle notizie locali, un taglio diverso da quello – comunque importante e rispettabile – dello storico Eco.

Il tempo, come sempre, sarà il miglior giudice.

Asse interurbano: occhio alle buche ed ai limiti!

198589_601662_SSE133_10879612_medium.jpgSe vi trovate a percorrere il tratto di Asse interurbano tra Curno e Bonate Sopra fate molta attenzione a 2 cose: primo alle buche, perchè a quanto pare il manto stradale si è parzialmente sfaldato aprendo alcune buche pericolose.
Quindi occhio perchè ne va della vostra salute ed integrità fisica.

Secondo fate attenzione ai limiti orari perchè, proprio a causa delle buche, il limite di velocità è stato abbassato dai 70 ai 50km orari.

Sì, avete letto bene, non ho commesso errori di battitura: 50 km orari.

Proprio come se vi trovaste in prossimità di un centro abitato, peccato che in questo caso il viaggiatore si trova a percorrere una superstrada a 2 corsie dove già mantenere i limiti entro i 70km orari sia tutt’altro che scontato.

Purtroppo l’ordinanza dello scorso 17 gennaio della nostra Provincia non lascia intravvedere possibili scenari futuri positivi: se invece di sistemare il manto stradale e magari chiedersi come è stato fatto si ricorre all’abbassamento del limite di velocità con conseguente impatto positivo per i viaggiatori, vuol dire che siamo messi proprio male.

Multare un automobilista perchè su una strada del genere non rispetta i 50 km orari pare un atteggiamento maturo e positivo?
Personalmente non posso che rispondere negativamente perchè ancora una volta si va a danneggiare chi utilizza una infrastruttura pubblica – pagata con i soldi dei contribuenti e quanto pare realizzata malissimo – a discapito della sua sicurezza e utilità.

Purtroppo le strade in Italia sono quelle che sono e Bergamo non fa eccezione: bastano poche ore di pioggia perchè su molte strade si aprano buche paurose e pericolose, quando le stesse piogge cadono anche in altre nazioni e condizioni simili non si verificano.

Basta passare il confine con la Svizzera per vedere come sono messe le strade dei cantoni elvetici, dove tra l’altro le temperature sono molto più rigide delle nostre. Eppure da loro strade dissestate come le nostre non si trovano… chissà come mai?

Insomma, siamo di fronte all’ennesimo scandalo legato alla viabilità sulle strade della nostra provincia.
Strade che, invece di invogliare ad essere percorse, invogliano all’imprecazione.

 

 

 

foto presa da http://webstorage.mediaon.it/media/2011/01/198589_601662_SSE133_10879612_medium.jpg

Creattiva Spring, la fiera degli hobby e del fai da te

Home-CreattivaBergamo.jpgIl week-end del Carnevale è anche quello di Creattiva, la fiera delle arti manuali che ogni anno raccoglie sempre più consensi e sempre più visitatori negli stand organizzati presso la struttura fieristica di Via Nuova, a Seriate.

Creattiva si tiene 2 volte l’anno e questa edizione primaverile verrà chiamata, proprio per rafforzare la sua “stagionalità”, Creattiva Spring (ma non potevano chiamarla Creattiva Primavera? Perchè sempre nomi inglesi??? NdR).
Creattiva è organizzata da Promoberg e l’edizione 2012 che si tiene dal 17 al 19 Marzo si presenta con una novità rappresentata dalla nuova area esclusiva dedicata agli operatori professionali del settore.

Creattiva è una bellissima vetrina dedicata ad un settore sempre vivo e vitale, una nicchia che non conosce crisi e recessione: quello delle arti manuali, dell’hobbistica e del bricolage in generale. Insomma, il mondo del cosiddetto Fai Da Te.

Gli espositori quest’anno raggiungono l’importante cifra di 175 in arrivo da tutta Italia ma non solo, visto che ci saranno alcuni espositori proveniente anche dall’estero.

Se adorate i patchwork, il ricamo, il fai-da-te in genere, se volete vedere pezzi unici ed originali e soprattutto tantissima creatività per quel che riguarda le borse, i vestiti, la bijotteria, se vi piace stupirvi e se magari volete approfondire qualche tema riguardante le arti di questo settore merceologico, allora Creattiva Spring fa per voi.

Si terranno infatti anche tanti laboratori durante i quali i visitatori potranno rendersi parte attiva di questa fiera, interagendo con gli artisti e gli espositori e realizzando loro stessi creazioni uniche ed esclusive.

Ci sarà uno spazio dedicato anche ai bambini.
Per loro infatti viene organizzato uno spazio Bimbi-Giochinfeira nella Galleria Centrale in collaborazione con il Credito Bergamasco-Gruppo Banco Popolare.
Le mamme ed i papà potranno quindi lasciare qui i loro bambini e visitare la fiera in tutta tranquillità.

Ulteriori informazioni sono reperibili sul sito ufficiale di Creattiva.

Scandalo Affittopoli a Bergamo

condominio.jpgAffittopoli: ecco, ci mancava solo questa!
Sentivamo tutti la mancanza di un nuovo scandalo in quel di Bergamo, perchè il Nuovo Ospedale e la storia del calcioscommesse da soli non erano sufficienti.

Adesso si scopre che c’è uno scandalo anche a Palafrizzoni, prontamente denominato Affittopoli poichè si tratta di irregolarità nell’assegnazione di alcuni alloggi pubblici.

In pratica, alcuni dipendenti comunali (ad oggi ce ne sono 3 indagati) favorivano l’assegnazione di alcuni appartamenti di proprietà del Comune di Bergamo a persone che non ne avevano i requisiti.
Gente che a volte arrivava a offrire “regali” pur di vedersi assegnato un alloggio.

Sulla vicenda sono ora in atto le dovute indagini e la speranza è che venga fatta presto chiarezza.

Certo è che da tutta questa storia chi ne esce danneggiato è sì il Comune di Bergamo, la cui immagine e le cui casse sono sicuramente state danneggiate da questa brutta faccenda, ma soprattutto i bergamaschi e la loro fiducia nelle istituzioni.

Gli alloggi comunali vengono assegnati a persone in difficoltà, a famiglie disagiate che grazie a questa opportunità ottengono un appartamente a canoni agevolati.

Sapere che anche in questo settore ci sono stati comportamente scorretti e che persone in reale difficoltà si sono viste scavalcare da persone che avevano meno “merito” di vedersi assegnare un alloggio comunale… beh, lascia davvero sconcertati.

Probabilmente siamo solo all’inizio di questa bruttissima faccenda e col tempo usciranno altri dettagli che, c’è da scommetterci, si arricchiranno di particolari forniti da persone che fino ad oggi non hanno denunciato o perchè non lo sapevano o perchè non potevano permettersi di affidarsi ad un avvocato per ottenere l’alloggio dovuto.

Segnalo che il Movimento consumatori invita i mancati assegnatari che pensono di essere stati truffati a segnalare le loro storie via e mail all’indirizzo bergamo@movimentoconsumatori.it.

(foto presa da http://www.blogdem.it/maurizio-martina/files/2011/04/condominio.jpg)

Carnevale 2012: sfilate in città ed in provincia

carnevale-nizza-la-battaglia-dei-fiori-bus-da-bergamo-milano-novara_1.jpgArriva il carnevale!
Per la gioia di migliaia di bambini – e anche di tanti adulti! – si entra finalmente nella settimana che ci accompagna al week-end di carnevale.

Va detto che rispetto a qualche anno fa, quando eravamo piccoli noi, il carnevale ha allungato i suoi tempi.
Sono infatti tanti i paesi che organizzano dei veri e propri prologhi alla giornata di carnevale: si comincia infatti con la presentazione dei carri, con una sfilata la domenica precendente quella di carnevale o addirittura 2 settimane prima, per finire poi naturalmente la notte del martedì grasso, giorno che tradizionalmente lascia poi il passo alla religiosa Quaresima.

Anche nella nostra provincia questa “moda” sembra aver preso piede negli ultimi anni, vi lascio qui un link con alcune sfilate che si terranno nella nostra città e nella nostra provincia e dove potrete notare anche le sfilate di preparazione al Carnevale classico.

Carnevale è anche tempo di dolci e scherzetti, i giorni del divertimento per antonomasia, con buona pace dell’arrembante ma aberrante Halloween.

W il Carnevale allora e… buon divertimento!!!

PS = noi bergamaschi siamo abituati bene, visto che a metà Quaresima avremo un’altra ventata carnevalesca con la Sfilata di Mezza Quaresima!

XII Giornata nazionale della raccolta del farmaco da banco a Bergamo

Giornata-nazionale-di-raccolta-del-farmaco-2012-sabato-11-Febbraio.jpgDona un farmaco a chi ne ha bisogno: è questo lo slogan che accompagna la XII Giornata nazionale della raccolta del farmaco da banco che si tiene sabato 11 febbraio 2012.

Il progetto si pone come obiettivo quello di raccogliere il maggior numero di farmaci da banco, quelli per intenderci che si possono acquistare anche senza ricetta medica, affinchè questi farmaci vengano poi donati a chi ne ha effettivo bisogno.

Sono ben 82 le farmacie del nostro territorio che hanno aderito a questa edizione della Giornata nazionale della raccolta del farmaco da banco.
Un numero significativo, alto, ma a mio avviso ancora migliorabile se pensiamo al numero dei paesi che compongono la nostra provincia e ipotizziamo una farmacia presente in ciascuno di essi.

Un grande plauso per il buon esito di questo progetto va sicuramente ai tantissimi volontari che si rendono disponibili per la raccolta, investendo parte del loro tempo in una iniziativa meritoria e dal grandissimo spessore umano e solidaristico.

L’invito è quello di partecipare, ognuno secondo le proprie possibilità, nel donare anche un solo farmaco, perchè se a donare siamo in tanti allora si arriva ad un risultato importante sotto l’aspetto numerico.

Neve e freddo, anche Bergamo soffre

ICE%2B093bb.jpgEra stata tanto invocata nelle scorse settimana a partire dal canonico avvio della stagione sciistica che solitamente cade nella settimana dell’Immacolata, ma adesso ne è arrivata un pò troppa.

Stiamo parlando della neve, come avrete sicuramente già capito, che nelle ultime giornate ha innevato col suo manto bianco città e provincia, laghi e montagne, pianura e colli, ma soprattutto si è accompagnata ad un freddo che in molti non hanno esitato a definire polare.

A fare notizia sono così i danni ed i guai procurati dal gelo che oramai da diverse notti non scende, anzi sale sopra i -10 gradi celsius.

Un freddo che ha causato danni a ripetizione: tubature dell’acqua scoppiate con conseguente privazione dell’utilizzo dell’acqua (ed i caloriferi diventano quindi inutili ed inutilizzabili), strade ghiacciate e difficilmente praticabili, mancata consegna di frutta e danni all’agricoltura con conseguente aumento dei prezzi, ed in generale disagi a volontà.

Ma anche aziende costrette a chiudere per la mancata erogazione del gas, con conseguente cassa integrazione dei dipendenti (come se in questo periodo già non ce ne fosse abbastanza…).

Una mancata erogazione che stride con esercizi commerciali che, nonostante i diversi gradi sottozero, lasciano le porte dei loro negozi aperte tutto il giorno con lo spreco di riscaldamento che è facile immaginare (mi chiedete dove? Basta fare qualche km e andare in un outlet di una provincia a noi vicina…)

Forse che non siamo più abituati ai ritmi della natura, soprattutto quando quest’ultima si spinge un pò oltre ai soliti limiti stagionali?

Beh, secondo me è proprio così. E’ anche così.
Basta vedere cosa accade quando piove per diverse ore: non piogge torrenziali ma piogge continue che in poche ore creano ingrossamenti dei corsi d’acqua e allarmi per imminenti rischi idrogeologici.

La cara, povera Madre Natura è stata tanto maltrattata e violentata nel corso degli anni che quando si risveglia ed alza la testa… son dolori per tutti.

In questo particolare caso è sì vero che l’attuale gelo è a livelli record, ma è altrettanto vero che abitiamo in una provincia per buona parte a carattere montoso, con diverse valli e diversi rilievi anche sopra i 3000 metri quindi… non siamo proprio una città di mare, non avvezza a certi avvenimenti atmosferici estremi.

E poi, diciamola tutta… siamo in inverno!!!
Non è che in questa stagione possiamo aspettarci temperature tiepide e primaverili!  Un pò di freddo, neve e gelo ci sta pure.
Certo non ai livelli ai quali ci stiamo abituando in questi ultimi 4-5 giorni, questo è chiaro, ma io credo che d’inverno qualche grado sotto la media abituale ogni tanto possa anche succedere che si verifichi.  Così come d’estate capita di andare qualche grado sopra la media stagionale.

Insomma, tutto questo per dire che da un lato stiamo sì vivendo giornate particolari che ricorderemo probabilmente negli anni a venire per via dei disagi e dei numeri record, dall’altro lato mi sembra che l’uomo si stia disabituando al confronto con Madre Natura, ad accettare che questa ogni tanto tiri un pò la corda e ci costringa a situazioni anche un pò al limite.

Non la pensate così anche voi?

 

(foto presa da http://2.bp.blogspot.com/_TwZAee1rdWE/TQzAxjCRYWI/AAAAAAAACrs/sKc8cqBR8QQ/s1600/ICE%2B093bb.jpg)