Visitare città alta: cannoniere e fontana del Lantro

cannoniera+di+s+michele+2.jpgNon si tratta di uno scherzo, bensì di una bellissima iniziativa da non lasciarsi scappare: a partire da venerdì 1 aprile sarà possibile visitare un affascinante pezzo di storia di città alta, mi riferisco alle Cannoniere di San Michele e di San Giovanni ed alla bella Fontana del Lantro.

Questi ed altri siti storici di rilievo della nostra bellissima città alta verranno aperti a visite libere e gratuite ogni venerdì, sabato e domenica e festivi a partire dalle ore 09:30 fino alle ore 12;30, quindi nel pomeriggio dalle ore 14:30 fino alle ore 18:30.
Questo periodo si concluderà il giorno 30 settembre 2011, dando quindi la possibilità di sfruttare la bella stagione per compiere una visita di grandissimo interesse nella nostra città, nella sua parte storica indubbiamente più affascinante.

Grande fascino viene offerto dalla visita alle Cannoniere di San Michele e di San Giovanni, utilizzate in passato per alloggiare i pezzi di artigleria che servivano alla difesa dei bastioni di città alta e che, fortunatamente, non vennero mai utilizzati.

Un percorso che merita l’attenzione di tutti i bergamaschi, sicuramente di tutti quelli che ancora non conoscono questi angoli di grande importanza storica e di forte attrattiva turistica, un occasione davvero ghiotta per tuffarsi nel passato della nostra bella città.

Ulteriori dettagli ed informazioni sono reperibili contattando lo IAT di Città Alta in Via Gombito 13
email: turismo@comune.bg.it

 

 

 

(foto presa da http://1.bp.blogspot.com/_nNWmEQkK2UM/S_99YKw77tI/AAAAAAAACLg/XDJoxoVCIds/s1600/cannoniera+di+s+michele+2.jpg)

Sfilata di mezza quaresima e rasgamènt de la ègia

1110578_IMG_9235_medium.jpgCome da tradizione, anche quest’anno si terrà la sfilata di mezza quaresima, con i carri di carnevale a sfilare per le strade di Bergamo ed il conclusivo atto del rasgamènt de la ègia, quest’anno dedicato al complesso di Sant’Agata.

Organizzata dal ducato di Piazza Pontida, ogni anno il rasgamènt de la ègia viene dedicata ad un opera incompleta, non realizzata, o ad un qualcosa che manca alla nostra comunità, come atto di denuncia delle storture che anche da noi sono presenti e che si vogliono esorcizzare con il falò del tradizionale rasgamènt de la ègia.

Una giornata speciale che come ogni anno, tempo permettendo, richiamerà migliaia di bergamaschi per le strade della città ad assistere a questo carnevale sfuori stagione ogni anno sempre più apprezzato: partenza fissata dal viale di Papa Giovanni XXIII, poi via via ci si muoverà per le vie Paleocapa, Quarenghi, e poi ancora si raggiungerà il Sentierone per concludere il giro presso via Moroni.

Sarà come ogni anno un tripudio di colori, di divertimento, di musica, di allegria, una cosa un pò anomala per la nostra città pensando alla forte tradizione religiosa presente da noi, eppure una giornata un pò fuori dal normale secondo me aiuta ancor di più a riflettere sul periodo forte che è la Quaresima, quasi come se questa sfilata fosse una “pausa” alla riflessione concessaci a metà del cammino quaresimale.

La giornata si concluderà con la premiazione dei carri allegorici più belli e, come appunto da tradizione, con l’ormai immancabile rasgamènt de la ègia.

 

 

 

(foto presa da http://www.sordionline.com/public/iNews/Upload/1110578_IMG_9235_medium.jpg)

Giornata Fai di primavera a Bergamo

f=Resize_F&image=giornata_fai22.jpg&w=374&h=287Giunge alla 18esima ediziona la giornata Fai di primavera, che quest’anno si tiene nel week-end del 26 e 27 marzo 2011.

La bellezza di queste 2 giornate è data dalla possibilità di visitare tutta una serie di monumenti, musei, biblioteche, dimore storiche, chiese, castelli e altro ancora che non sempre sono accessibili durante il corso dell’anno.

Un modo originale e bello per accogliere la primavera, la stagione che chiude finalmente le porte al freddo ed al rigore dell’inverno per accompagnarci verso il caldo dell’estate.

La primavera è la stagione nella quale la vita della natura si rimette in moto: fioriscono piante e fiori, i prati si colorano di verde, la luce del giorno ci accompagna per più ore, quindi legare la giornata FAI alla stagione della “rinascita” è un modo a mio avviso molto bello per dirci che anche la passione per il bello, per l’arte deve in un certo senso ripartire.

A Bergamo ed in provincia sono 3 i monumenti ed i luoghi legati a questa iniziativa, scopriteli scorrendo la lista completa è visibile sul sito della Giornata FAI.

 

 

 

(foto presa da http://www.marcopolo.tv/imageHandler/f=Resize_F&image=giornata_fai22.jpg&w=374&h=287)

Bookcrossing, una giornata dedicata a questo progetto

bookcrossing.jpgBookcrossing: un termine inglese sconosciuto a tanti, ma adorato dagli amanti dei libri e della lettura.

Bookcrossing significa lasciare un libro in un luogo dove si sa che verrà raccolto da un lettore che non si conosce, il quale lo leggerà e a sua volta lascerà nuovamente il libro in un altro posto, dove un altro lettore lo raccoglierà per leggerlo, e così via teoricamente fino all’infinito.

Anche a Bergamo è possibile scovare qualche posto dedicato al bookcrossing, in passato ne abbiamo già parlato in questo spazio.

La notizia è che venerdì 25 marzo è la giornata dedicata al bookcrossing nel nostro paese, quindi anche nella nostra città.

L’iniziativa fa parte del progetto “Leggere, leggere, leggere” partito lo scorso anno, e portato avanti tramite il sito web dell’iniziativa.

Una buona occasione per “abbandonare” un nostro libro in mani sconosciute, sperando che il lettore misterioso apprezzi il gesto e lo compia quindi a sua volta, agendo così da “moltiplicatore” del bookcrossing.

Io ci provo!

 

 

 

(foto presa da http://www.sanremobuonenotizie.it/images/stories/scuola/amicolibro/bookcrossing.jpg)

Albinoleffe di nuovo in bilico

AC+AlbinoLeffe+v+Ascoli+Calcio+Serie+B+Z8ZHRw9-Q0Al.jpgChe cosa succede all’Albinoleffe?
La squadra seriana ha imboccato una china pericolosa da qualche settimana a questa parte, all’incirca da quando Mondonico si è dovuto momentaneamente assentare per sottoporsi ad una delicata operazione chirurgica.

La sconfitta di sabato contro la pericolante Portogruaro ha rimesso i seriani in gioco per la lotta a non retrocedere in serie C, o lega Pro.

Fino a qualche settimana fa la posizione dell’Albinoleffe sembrava piuttosto tranquilla, avendo i seriani un buon margine sulla zona calda della classifica e avendo soprattutto un cospicuo numero di squadre dietro di sè.

Purtroppo la recente penuria di risultati ha nuovamente rimesso tutto in discussione.
Sabato è arrivata una brutta sconfitta contro una diretta avversaria per la salvezza, ed ora la squadra del Mondo si trova a soli 2 punti dalla zona play-out, tutto è quindi possibile da qui alla fine del campionato.

Purtroppo l’Albinoleffe paga i troppi punti persi in casa, a mio avviso, non ultimi i 2 lasciati al Vicenza nell’ultima gara casalinga, quando negli ultimi minuti si è fatta rimontare i 2 goal di vantaggio.

Da qui alla fine servirà grande compattezze e uno sforzo ulteriore per raggranellare quanti più punti possibili, sfruttando al massimo le gare casalinghe e gli scontri diretti.
Altrimenti, il rischio è quello di dire addio ad una favola bellissima che da diversi anni allieta non solo il calcio bergamasco ma bensì tutto il panorama nazionale.

 

 

(foto presa da http://www.zimbio.com/pictures/fEGgZOA6WnW/AC+AlbinoLeffe+v+Ascoli+Calcio+Serie+B)

Bergamo Jazz, grande musica in città

107883_455726_Enrico_Rav_8377439_medium.jpgPer 3 giorni Bergamo diventa un centro importante per il Jazz, quello di qualità: il week-end è infatti all’insegna della XXXIII edizione di Bergamo Jazz, la manifestazione che vede alla direzione artistica Paolo Fresu e che promette una 3 giorni di altissima qualità e tanto interesse da parte del pubblico.

Si parte Venerdì 18 marzo con il sassofonista Roger Rota in scena al Teatro Sociale, un bergamasco doc ad aprire questa importante rassegna jazzistica.

Alle 21 in scena al Donizetti ci sarà il trombettista polacco Tomasz Stanko, coadiuvato da un quintetto di musicisti scandinavi di gran talento.

Un inizio scoppiettante che continuerà sabato 19 e domenica 20 con altri artisti di grandissimo spessore, tra i quali ricordiamo Enrico Pieranunzi, il mitico Gilberto Gil, l’Alboran Trio, la coppia Chick Corea-Gary Burton e altri ancora.

Un week-end musicale di qualità, sicuramente di grande attrazione per tutti gli amanti della buona musica e soprattutto del Jazz.

Per ulteriori informazioni consigliamo di rivolgersi direttamente al Teatro Donizetti di Bergamo.

 

 

foto presa da http://webstorage.mediaon.it/media/2009/12/107883_455726_Enrico_Rav_8377439_medium.jpg

FRANCESCA E L’EROE: l’Unità d’Italia a teatro

frecce.jpgBisogna sempre guardare ai giovani, ai bambini, perchè sono loro la nostra speranza, no?

Beh, allora nella vigilia della celebrazione dei 150 anni dell’Unità d’Italia mi piace evidenziare quella che secondo me è una bellissima iniziativa, perchè mette insieme i bambini ed i ragazzi e l’Unità d’Italia, e lo fa con un linguaggio artistico stupendo che è quello del teatro.

Lo spettacolo si intitola FRANCESCA E L’EROE e viene proposto dagli attori della compagnia Casa degli Alfieri di Asti presso il Teatro del Borgo di Piazza S. Anna in Bergamo, venerdì 18 e sabato 19 marzo.

La storia è quella di Francesca Armosino, terza moglie di Garibaldi, colei che fu la terza moglie di Garibaldi e che ripercorre le avventure dell’epopea garibaldina attraverso gli occhi di una donna, riproponendo quegli avvenimenti che fecero la storia, ma che soprattutto fecero l’Italia.

Lo spettacolo è organizzato da Pandemonium teatro e si terrà alle ore 9 e alle ore 11 di venerdì 18, e alle ore 10 di sabato 19 marzo.

Buon compleanno Italia!

 

 

 

foto presa da http://orbitsville.files.wordpress.com/2011/03/frecce.jpg

Bergamo città dei mille festeggia i 150 anni dell’Unità d’Italia

bossigaribaldi.jpgIl festeggiamento dei 150 anni dell’Unità d’Italia, checchè ne pensino alcuni, è sicuramente un anniversario da onorare con grandi onori, per questo motivo appoggio la decisione di eleggere il giorno 17 marzo 2011 a festività nazionale.

Come ha detto Benigni a Sanremo, renderlo una festa nazionale obbliga la gente (che ancora pensa, ndr) a chiedersi come mai quella giornata è diversa dalle altre e quindi a riscoprire un momento importantissimo della nostra storia.

Anche Bergamo prepara grandi appuntamenti per onorare al meglio la festività, e non poteva essere altrimenti vista la definizione di “Città dei Mille” di cui Bergamo si fregia, non per vanto proprio ma perchè la nostra città “prestò” quasi 200 giovani alla lotta che portò all’unità nazionale, 150 anni fa.

In particolare va segnalata la “notte bianca” organizzata per festeggiare l’anniversario dell’Unita nazionale.
Nella giornata e nottata di mercoledì 16 marzo sono previsti tra l’altro un Consiglio Comunale straordinario sul 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia, apertre straordinarie di musei, originalissimi aperitivi tricolori in vari bar del centro, fuochi d’artificio da Porta San Giacomo, e tanto, tanto altro ancora.

Il programma completo è visibile sul sito web del Comune di Bergamo, dateci un occhiata perchè gli eventi proposti sono davvero tanti e quindi ci potrebbe essere qualcosa che attiri il vostro interesse.

E… tanti auguri Italia! Altri 100 di questi giorni! 🙂

Fiumi sicuri: prevenire i dissesti idrogeologici

Fiume+sporco+e+volontari.jpgTutelare il territorio bergamasco tramite un intervento che mira alla prevenzione del dissesto idrogeologico: si potrebbe riassumere così l’iniziativa denominata “Fiumi sicuri” che avrà luogo sabato 12 marzo in diversi punti della nostra provincia.

I protagonisti saranno gli oltre 450 volontari aderenti a diverse organizzazioni di volontariato come la Squadra antincendio Rovetta, alcuni gruppi ANA e il GEVS – Gruppo Ecologico Valle Seriana. Ma i gruppi aderenti sono davvero tanti per elencarli tutti.

Gli interventi consisteranno nella pulizia degli alvei dei fiumi, delle sponde, con la rimozione dei rifiuti che sporcano e intralciano lo scorrere dell’acqua ed inoltre verranno tagliati e rimossi quegli arbusti che ostacolano i corsi d’acqua.

La giornata è stata organizzata dalla Provincia, dal Servizio Protezione Civile con la Regione Lombardia ed i Comuni coinvolti nel progetto.

Parteciperanno alla lodevole ed utilissima iniziativa anche diverse scolaresche, e la cosa merita ancor maggiore risalto perchè sono proprio i bambini quelli che riceveranno tra qualche anno dalle mani degli attuali adulti la gestione dell’ambiente nel quale viviamo.
Sensibilizzarli sin da bambini verso il rispetto per l’ambiente e per la natura rappresenta una risorsa di incredibile importanza, e partecipare a Fiumi Sicuri è sicuramente una intelligente mossa verso il raggiungimento di questo vitale obiettivo.

Daniel, un altro tragico lutto in bergamasca

212464_623716_0803fa44_11264181_medium.jpgLa gente bergamasca in questo periodo è doppiamente scossa: oltre alla tragedia di Yara Gambirasio, la giovane sparita di casa a fine novembre 2010 e ritrovata cadavere pochi giorni fa, ha trepidato, sperato ed infine pianto per la scomparsa di un altra giovane vita, quella di Daniel Busetti, il ventenne di Martinengo trovato cadavere in un bosco della provincia di Ivrea.

Daniel era scappato dove aver provocato un incidente nel quale pensava fosse rimasto ucciso un suo amico, e da allora si era aperta una vera e propria caccia all’uomo.
Obiettivo: raggiungere e convincere Daniel che nell’incidente da lui causato non c’erano state vittime, fortunatamente, e che i suoi amici e tutte le persone coinvolte se l’erano cavata con poco.

Purtroppo la ricerca non ha portato i frutti sperati e Daniel è stato rinvenuto una settimana dopo la data della sua presunta morte, avvenuta per assideramento.

Mi ha toccato molto la testimonianza del padre, che l’ha descritto come un angelo rannicchiato in preghiera mentre si addormentava stretto nella morsa mortale del freddo della notte di Ivrea.

Una tragedia nella tragedia perchè Daniel ha perso la vita pur non avendo fatto del male a nessuno, vittima di un tragico errore, stretto dal rimorso di aver ucciso qualcuno quando invece così non era.

Daniel adesso non c’è più ma auguriamoci che la sua morte sia di monito a quelli che con troppa leggerezza si mettono alla guida della propria automobile.
Siano essi giovani o meno giovani, che abbiano l’accortezza e la responsabilità di capire quanto è importante guidare con prudenza, per il bene proprio e di quanti come loro si trovano per strada.

 

 

(foto presa da http://webstorage.mediaon.it/media/2011/03/212464_623716_0803fa44_11264181_medium.jpg)