Apre il negozio Apple all’Orio Center

apple.jpgSabato 25 settembre ha aperto i battenti presso il centro commerciale Orio Center di Orio al Serio il negozio della Apple.
Un’evento vero e proprio che ha attirato centinaia di appassionati da tutta Italia; qualcuno ha azzardato la cifra di 2000 persone circa in attesa tutta la notte per essere i primi a varcare la soglia del nuovo negozio di mamma Mac.

Eh sì, tutta la notte in attesa perchè per la circostanza il centro commerciale di Orio al Serio è rimasto aperto tutta la notte, per permettere ai tantissimi appassionati venuti da tutta Italia di restare al chiuso in attesa dell’apertura del negozio, onde evitare una notte all’addiaccio.

Leggendo i commenti di tante persone su Facebook e altri siti web ho trovato tanti commenti duri, a volte sprezzanti rivolti agli amanti dei prodotti Apple: come si fa a stare svegli una notte per vedere dei prodotti che si trovano anche da MediaWorld? E poi, dov’è la crisi se tanti possono permettersi di fare tiratacce del genere e spendere centinaia di euro per un iPad o un iPod?

Beh, la passione è passione ed è difficile da spiegare.
Ci potrebbe pensare quel ragazzo che ad un quotidiano locale ha mostrato le foto della sua collezione di ben 84 computer di casa Apple, oppure quella famiglia che col camper si è piazzata nel parcheggio del centro commerciale per accompagnare i 2 figli all’apertura del negozio.

Può sembrare difficile il capire tanta passione, ma è un pò come i tifosi che ogni domenica si presentano allo stadio 2 ore prima dell’inizio della partita della loro squadra del cuore, o quelli che percorrono centinaia, se non migliaia di chilometri per andare a vedere le partite in trasferta.

Quando si ama, si ama in totalità, ed a volte l’amore si trasferisce su degli oggetti piuttosto che su delle persone.

Piuttosto che criticare a me vien da pensare a quel che potrà accadere quando verrà presentato un nuovo prodotto Apple, in questo nuovo negozio: si ripeterà l’eccezionale apertura notturna dell’Orio Center?
Io mi sbilancio e dico fin da adesso di sì.
Scommettiamo?

 

(foto presa da http://www.testato.it/wp-content/uploads/Apple_in_the_Spotlight_by_atomicpinkgoth.jpg)

Ottava edizione di BergamoScienza

bergamoscienza.jpgBergamoScienza è divenuto negli anni un’appuntamento immancabile per portare la scienza a Bergamo e tra i bergamaschi, sia in città che in provincia.
Un successo che si ripete con immancabile precisione dall’anno della prima edizione di BergamoScienza: basti pensare che lo scorso anno le presenze superarono il numero di 87.000, e quest’anno naturalmente si punta a ripetere quei numeri e, magari, pure a superarli.

BergamoScienza quest’anno è giunto alla sua ottava edizione e si terrà dall’1 al 17 di Ottobre con oltre 180 eventi in calendario, una lista lunga e ricca di eventi ed appuntamenti che da già l’idea della portata e della rilevanza della kermesse scientifica.

Laboratori, mostre, spettacoli, giochi, conferenze, tavole rotonde: di tutto e di più lungo i 17 giorni dell’evento, con sempre al centro l’amore e l’interesse per la scienza ed il desiderio di portarla a più persone possibili, dai bambini agli anziani. Perchè l’amore per la scienza non conosce limiti anagrafici, geografici e sociali.

Anche quest’anno avremo nella nostra città dei premi Nobel: Martin Chalfie, Nobel per la Chimica nel 2008 e Eric R. Kandel, Nobel per la Medicina e la Fisiologia nel 2000.
Ma vi parteciperanno anche medici, naturalmente scienziati, biologi, geologi, psicologi, fisici, archeologi e tante altre figure di spicco, nonchè naturalmente tanta, tantissima gente comune alla quale sono indirizzati tutti gli eventi.

BergamoScienza raggiungerà diversi luoghi della nostra città e della provincia: il Teatro Sociale in città alta, le chiese, i teatri ed i musei della città, e paesi della provincia come Alzano Lombardo, Seriate, Treviglio, Dalmine e tanti altri ancora.

Non resta che consultare il programma della manifestazione sul sito ufficiale di BergamoScienza.

 

(foto presa da http://arteesalute.blogosfere.it/images/BergamoScienza.jpg)

Io Caravaggio, mostra dedicata a Michelangelo Merisi

caravaggio.jpgChe ultimamente il Caravaggio stia facendo parlare di sè anche per motivi non legati alla sua grandissima arte è fatto assodato, anche noi qui su questo blog abbiamo recentemente scritto un post relativo alla decisione di intitolare l’aeroporto di Orio al Serio all’artista bergamasco (o milanese? Il dilemma resterà ancora a lungo…).

Quest’anno però ricorre il quarto centenario della scomparsa del grandissimo pittore e la nostra provincia vuole commemorare degnamento questo evento con una serie di iniziative di grande spessore in onore di Michelangelo Merisi, alias Caravaggio.

Le iniziative sono incluse nella manifestazione “Io Caravaggio 2010“, giunta alla decima edizione e ricco di eventi di alto spessore culturale ed artistico.

Venerdì 24 settembre alle ore 19 presso Palazzo Gallavresi verrà inaugurata la mostra “Caravaggio. Mecenati e pittori“, mostra che resterà aperta fino al 12 dicembre e che dal 12 novembre si arricchirà col quadro “Ragazzo morso dal ramarro”.

Domenica 3 ottobre invece sarà il giorno del PREMIO MICHELANGELO MERISI “IL CARAVAGGIO“: la premiazione del concorso nazionale di pittura contemporanea a tema libero si terrà alle ore 15 presso l’Auditorium Centro civico San Bernardino.

Vi saranno anche altre iniziative come spettacoli di danza, presentazioni di libri e altre mostre che rendono la manifestazione di sicuro interessa, manifestazione nella quale la città di Caravaggio con i suoi abitanti gioca un ruolo attivo.

Per ulteriori informazioni consigliamo una visita al sito del Comune di Caravaggio.

 

(foto presa da http://artmodel.files.wordpress.com/2008/12/caravaggio_flagellation1.jpg)

Fattorie Didattiche della Lombardia 2010

fattorie.gifCon la mia famiglia ho partecipato all’edizione dello scorso anno recandomi in una azienda agrituristica del territorio per far vivere ai miei figli quelle emozioni che per me erano all’ordine del giorno, quando avevo la loro età.
Ecco perchè anche quest’anno accolgo con piacere la notizia dell’organizzazione della giornata a porte aperte delle Fattorie Didattiche della Lombardia, in programma per domenica 26 settembre 2010, con il coinvolgimento di ben 95 aziende del territorio lombardo.

Sono 16 le aziende agrituristiche bergamasche iscritte al programma Fattorie Didattiche che aderiscono alla giornata.
Presso le loro sedi i bambini e le famiglie potranno partecipare a tante attività didattiche interessanti: laboratori del pane, visita alle stalle, giri su cavalli e pony, conoscenza di particolari specie animali e vegetali, visita a musei agricoli e contadini con visione di strumenti utilizzati in passato, visita ai vigneti e partecipazione alla vendemmia, e tante, tante altre attività ancora che ad elencarle tutte si corre solo il rischio di fare confusione.

In molte delle Fattorie Didattiche che aderiscono all’iniziativa regionale sarà anche possibile pranzare, gustando le prelibatezze prodotte in azienda come formaggi, salumi e carne.
In alcune sarà anche possibile prenotare il pernottamento.

Insomma, una occasione molto ghiotta per portare i propri figli a contatto con la natura, quella natura che per molti di noi genitori era una costante quando avevamo l’età dei nostri figli ma che per loro è diventata, purtroppo, una eccezione.
Un motivo valido quindi per portarli a conoscere una realtà, quella contadina, sempre attuale e affascinante, fatta di fatica ma anche di tanta passione e amore per la Natura.

Di seguito la lista delle aziende agrituristiche bergamasche aderenti all’iniziativa con un link ad un sito che offre qualche particolare in più sulla giornata e sulle diverse aziende agrituristiche.

– Cooperativa Sociale CA’ AL DEL MANS – Serina
– Azienda agrituristica CASCINA BACCIA – Filago
– Azienda agrituristica CASCINA BASSANELLA – Treviglio
– Azienda agricola CASCINA FENATICHETTA – Fontanella
– Azienda agrituristica EL FRUTERO – Villa d’Adda
– Azienda agrituristica FATTORIA ARIETE – Gorno
– Azienda agrituristica FERDY – Scalvino-Lenna
– Azienda agrituristica HOBBY FARM ARDIZZONE – Alzano Lombardo
– Azienda agrituristica LA FRESCHERA – Parzanica
– Azienda agrituristica LA PETA – Costa Serina
– Azienda agricola MOSCONI – Petosino di Sorisole
– Azienda agricola e agrituristica S. ANTONIO – Grone
– Il Fontanile Tallarini di GANDOSSO
– La Cascina dei Prati di CREDARO
– Le Colline dei Fratelli Salvi S.S. di VILLA D’ALME’
– Nozza Luca di FARA GERA D’ADDA

Per ulteriori informazioni consigliamo di visitare il sito di Buona Lombardia.

 

(foto presa da http://www.agriturismoaia.it/Logo_fattorie_didattiche.gif)

Nasce il Caravaggio International Airport Bergamo – Orio al Serio

aeroporto.jpgLa società che gestisce l’aeroporto di Orio al Serio, Sacbo, ha ufficialmente deliberato l’intitolazione dello scalo bergamasco al pittore Caravaggio, alias Michelangelo Merisi.
Lo scalo bergamasco, previo OK dell’ENAC, si chiamerà “Caravaggio International Airport Bergamo-Orio al Serio“.

La decisione arriva dopo uno scambio di “opinioni” con il sindaco di Milano Letizia Moratti in merito all’opportunità avanzata da quest’ultima di intitolare al nome di Caravaggio lo scalo di Malpensa.

A Bergamo si son sentiti quasi derubati: com’era possibile che il pittore nato nella bassa bergamasca venisse accostato allo scalo aeroportuale che sta nel varesotto?
Diverse voci si son levate in merito al fatto di intitolare al Caravaggio lo scalo aeroportuale di Orio al Serio ed alla fine sembra proprio che ad averla “vinta” saremo noi bergamaschi, come detto previa autorizzazione dell’ENAC.

Una decisione a mio avviso giusta ma… mi chiedo come mai tanta fretta e cotanta levata di scudi dopo l’annuncio del sindaco di Milano: che cosa sarebbe successo se la Moratti non avesse detto nulla in merito?
O se avesse annunciato di voler intitolare Malpensa ad un’altra personalità che niente avrebbe avuto a che fare con Bergamo?
Gli amministratori di Sacbo avrebbe deciso comunque di intitolare l’aeroporto di Orio al Serio?

La mia impressione è che non se ne sarebbe fatto nulla, lo scalo bergamasco sarebbe rimasto “senza nome”.
Insomma, più che una azione quella di Sacbo mi sembra una reazione: è solo la mia impressione?

Ad ogni modo, ripeto che secondo me intitolare lo scalo bergamasco a Caravaggio è una ottima idea e non potrà che aggiungere ancor più “valore” e visibilità alla nostra città, perchè forse molti ancor oggi ignorano che Caravaggio sia bergamasco.
Beh, se lo chiedete ad un milanese vi dirà che il pittore è milanese, ma questa è un’altra storia…

 

(foto presa da http://2.bp.blogspot.com/_8S-jEChNgcw/StAq2C-fYAI/AAAAAAAAEQI/qyK5X01_7Jw/s1600/aereo+su+bg.jpg)

Andar per vigne in Valcalepio

cantine.jpgLa terra bergamasca è per tradizione terra di ottimi vini, basti citare il rinomato Moscato di Scanzo di cui si son recentemente festeggiate le “gesta” durante un week-end dedicato a questo prelibato vino, in quel di Scanzorosciate.

Non da meno è il vino prodotto in Valcalepio, una produzione che di anno in anno si fa sempre più ricca e pregiata grazie alle tante aziende vitivinicole che operano nell’area e che da anni, in tanti casi da generazioni, si dedicano a questo nobile lavoro.

Andar per vigne in Valcalepio è la manifestazione dedicata alle aziende della Valcalepio che producono vino: domenica 19 settembre si terrà l’edizione 2010 organizzata dal Consorzio Tutela Valcalepio.
Le aziende aderenti all’evento apriranno le loro cantine dalle 10 alle 13 e dalle 14:30 alle 18, con replica nei mesi di ottobre (domenica 17) e novembre (domenica 21).

Nelle cantine delle aziende aderenti si potrà degustare i vini prodotti da ciascuna azienda vitivinicola in abbinamento a prodotti tipici locali offerti da Agripromo, un’occasione che sicuramente attirerà molti appassionati ed anche tanti curiosi e farà ripetere il successo dell’edizione precedente.

Ulteriori indicazioni sulle cantine aderenti possono essere trovare rivolgendosi al Consorzio Tutela Valcalepio in via Bergamo, 10 a San Paolo d’Argon, chiamando il numero di telefono 035.953957, oppure navigando sul sito ufficiale del Consorzio Tutela Valcalepio.

 

(foto presa da http://libertiamoci.ilcannocchiale.it/mediamanager/sys.user/60590/cantine.jpg)

Pupi Avati presidente della giuria di Cortolovere

pupiavati.jpgSi terrà dal 23 al 25 settembre la 13esima edizione di CortoLovere, il festival internazionale dedicato ai cortometraggi in scena a Lovere, festival che punta ogni anno a premiare i cortometraggi realizzati dai talenti emergenti di questo settore.

Quest’anno il presidente della giuria sarà il grandissimo regista Pupi Avati, attivo anche come sceneggiatore e produttore cinematografico, un maestro del cinema italiano con al suo attivo una cinquantina circa di film, tra i quali ricordiamo I cavalieri che fecero l’impresa, Il cuore altrove, La seconda notte di nozze.

Quest’anno la giornata di apertura di CortoLovere si terrà ad Iseo, il giorno 23 settembre, con la proiezione dei cortometraggi vincitori delle precedenti edizioni.

Le premiazioni avverranno nella serata conclusiva di sabato 25 settembre nel corso del Gran Galà della manifestazione presso il Teatro Crystal di Lovere, dove sarà presente Pupi Avati in qualità di ospite d’onore.

Il festival dedicato al mondo dei cortometraggi è nato 13 anni fa e ogni anno ha assunto importanza sempre maggiore sia a livello nazionale che internazionale.
Tanti i personaggi di spicco passati nel corso degli anni da Lovere per presentare i propri lavori o per far parte della giuria, a dimostrazione del grande livello raggiunto dal festival loverese.
Citiamo per esempio l’attore bergamasco Alessio Boni, la grande regista Lina Wertumeller, ma anche l’attore Enrico Lo Verso, tanto per citarne alcuni.

Altro bergamasco presente al festival sarà il cartoonist Bruno Bozzetto, che di CortoLovere è presidente onorario e quest’anno farà parte della giuria.

 

(foto presa da http://www.alcinema.info/wp-content/uploads/avati.jpg)

Il Teatro Sociale diventa il Teatro delle Arti

teatrosociale.jpgDalla data della sua riapertura al pubblico il Teatro Sociale di via Colleoni ha riscosso un interesse ed una partecipazione attiva sempre più crescente: tante iniziative, tanto interesse da parte dei bergamaschi ma anche dall’esterno dei confini della nostra provincia.

Per la stagione a venire 2010-11 il Teatro Sociale propone un programma molto interessante e particolare, poichè andrà a presentare sul proprio palcoscenico una serie di spettacoli di diversa natura che si succederanno cronologicamente tra di loro, intersecandosi nelle date in calendario.

Il programma è stato studiato e realizzato dall’Assessorato alla Cultura e Spettacolo del Comune e farà divenire il Teatro Sociale un Teatro delle Arti, in senso molto aperto: dalla danza alla musica, dall’arte della parola all’arte visiva, fino al teatro per ragazzi e famiglie e all’arte circense.
Gli eventi di queste diverse rassegne artistiche si succederanno tra di loro, in un mix unico di cultura ed arte che segna un percorso unico non solo sul nostro territorio.

A beneficiarne non saranno solo i bergamaschi ma anche i tanti turisti che affollano la nostra bella città ed in particolare Città Alta: al Teatro Sociale potranno assistere a spettacoli di diversa natura a breve distanza l’uno dall’altro, un’offerta culturale ed artistica capace di venire incontro alle esigenze più svariate.

Per ulteriori dettagli sugli spettacoli delle varie rassegne consigliamo di visitare il sito del Comune di Bergamo che riporta informazioni sugli spettacoli, il calendario ed il costo dei biglietti

E, naturalmente, consigliamo di assistere a qualcuno di questi eventi!

 

(foto presa da http://www.google.it/imgres?imgurl=http://farm4.static.flickr.com/3576/3547393581_49fcf270dd.jpg&imgrefurl=http://www.flickr.com/photos/gipiosio/3547393581/&usg=__Y054O2FLOL8y_oUDMvNSWg5w4A8=&h=375&w=500&sz=137&hl=it&start=19&tbnid=Qx5mAq__FVOesM:&tbnh=117&tbnw=148&prev=/images%3Fq%3Dteatro%2Bsociale%2Bbergamo%26hl%3Dit%26biw%3D1280%26bih%3D548%26gbv%3D2%26tbs%3Disch:1&itbs=1&iact=rc&ei=2HJVTILZJoOQjAekm6XDBA&page=2&ndsp=24&ved=1t:429,r:2,s:19&tx=98&ty=20)

Tutti di corsa con la Strabergamo 2010!

strabergamo.jpgDomenica 12 Settembre è la giornata della Strabergamo, un’appuntamento oramai divenuto tradizione per i tantissimi appassionati – diverse migliaia – che ogni anno sfilano per le vie ed i colli di Bergamo città sui vari tracciati disegnati dagli organizzatori.

Quest’anno i percorsi sono 2, uno da 6 ed uno da 12 Km, entrambi con partenza ed arrivo sul bellissimo Sentierone.

La partenza è fissata come ogni anno per le ore 9:00, preceduta come da tradizione dalla Santa Messa che si terrà invece alle ore 7:30.
Partecipare alla Strabergamo significa tante cose: vuol dire amare la propria città, viverla camminandoci senza il disturbo e lo smog delle automobili, vuol dire provare piacere nel fare un pò di sano movimento.
Vuol dire anche partecipare ad un’evento fenomenale, che aggrega persone di ogni età, razza, credo politico, provenienza.

Vuol dire godere di panorami unici, bellissimi, che la nostra stupenda città ci offre ma che forse, nel quotidiano via-vai a cui siamo abituati durante la settimana, non riusciamo mai ad assaporare appieno.

Ma… la Strabergamo comincia addirittura il giorno prima, Sabato 11 settembre con varie manifestazioni: alle 10:30 c’è infatti l’apertura del Villaggio con giochi gonfiabili per bambini sul Sentierone, seguito alle 16:30 dal servizio animazione e intrattenimento per bambini a cura di Gais (face painting, palloncini, giochi e baby dance).

Eventi per i più grandi in serata: alle ore 20:30 “Ragazzi on the road 2010”, mentre alle 21:00 si fa festa cantando e ballando con il concerto del mitico Bepi.

E poi, come detto, domenica c’è la tradizionale camminata.
Speriamo che quest’anno il tempo sia clemente ed offra un bel week-end caldo e soleggiato, per poter godere al meglio dei tanti eventi legati alla nostra Strabergamo 2010.

 

(foto presa da http://www.strabergamo.it/galleria_2009.php#gallery/2009/8.jpg)

Attenzione alle nuove norme del Codice della Strada

strada.jpgTra i primi a farne le “spese” un ragazzo milanese, neopatentato: guidava in stato di ebbrezza in autostrada e non si è fermato all’alt impostogli dalla polizia stradale.
Una volta riusciti a fermarlo, gli agenti gli hanno elevato una contravvenzione salata e decurtato ben 64 punti delle patente!

Stiamo parlando del nuovo Codice Stradale entrato in vigore il 13 Agosto 2010 con la Legge n.120 e che subito ha mietuto diverse “vittime”.

In questo post vogliamo andare a riassumere i cambiamenti più importanti, cosicchè chi ancora ne è all’oscuro possa modificare i propri comportamenti di conseguenza, laddove necessario, chi invece già conosce il nuovo codice… farà un breve ma sempre utile ripasso!

Il nuovo Codice Stradale introduce drastici e radicali limiti per quel che riguarda la lotta all’uso e abuso di alcol nei guidatori: devono astenersi completamente dall’assunzione di alcol prima di mettersi alla guida tutti i neopatentati, i giovani dai 18 ai 21 anni d’età e gli autisti di professione, i quali rischiano il licenziamento se pizzicati a guidare con un tasso alcolico.

Chi invece causa un incidente mentre è ubriaco alla guida si vedrà revocare la patente di guida.

Le aree di servizio non potranno vendere bevande superalcoliche per asporto dalle ore 22 alle ore 6, e non potranno somministrare bevande alcoliche dalle ore 2 alle ore 6, mentre nelle discoteche la vendita di bevande alcoliche è ora vietata dalle ore 3 alle ore 6 del mattino, esclusi capodanno e ferragosto (perchè ferragosto??? Boh…).
Chi va in bicicletta dovrà obbligatoriamente indossare un giubbino catarifrangente se la utilizza di notte fuori dai centri abitati, e questa mi sembra una misura molto mirata ed intelligente

Interessante anche il fatto che viene creato l’obbligo di tenere le lezioni di guida di notte ed in autostrada, onde “abituare” i futuri patentati a guidare anche in queste 2 condizioni.

Curiosa il punto che prevede che a chi sarà sospesa la patente di guida verrà concesso di richiedere una deroga di 3 ore al giorno per recarsi al posto di lavoro o per andare ad assistere un famigliare disabile: come verranno calcolate quelle 3 ore di “libertà”? E chi vigilerà?

Ha già fatto parlare invece l’innalzamento del limite di velocità in tratti autostradali a 3 corsie dotati di tutor: i limiti potranno essere portati fino a 150 km/h, a deciderlo sarà la società che gestisce il tratto autostradale in questione.
Tanto per fare un esempio a noi molto vicino, il tratto autostradale della autostrada A4 che tocca Bergamo e la bergamasca rientra in questa finestra.

Multa salata per chi non presta soccorso ad un animale domestico investito: si può arrivare a contravvenzioni fino a 1559 euro!
Chi invece non concede la precedenza ai pedoni che si accingono ad attraversare la strada vedrà sparire 8 punti dalla propria patente, anche nel caso il pedone non sia sulle striscie ma in prossimità delle stesse.

Altre norme sono presenti nella nuova legge, qui sono state elencate quelle più “vicine” alla realtà della quotidianità di ogni conducente ed anche dei pedoni.
Occhio quindi a non sgarrare, ma soprattutto cerchiamo di utilizzare tanto buon senso e quel senso civico che dovrebbe accompagnarci ogni giorno in ogni ambito, lavorativo, pubblico e privato.

 

(foto presa da http://www.welovemercuri.com/images/il-testo-del-nuovo-codice-della-strada-2010-L-1.jpg)